Qualità dell’abitare, Messina in testa alla graduatoria. 145 milioni per il risanamento - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Qualità dell’abitare, Messina in testa alla graduatoria. 145 milioni per il risanamento

Marco Ipsale

Qualità dell’abitare, Messina in testa alla graduatoria. 145 milioni per il risanamento

giovedì 22 Luglio 2021 - 10:54

A Messina il 4.5 % dei fondi totali nazionali e il 37 % dei fondi regionali. Ma intanto lo sbaraccamento è fermo

Primo posto Città Metropolitana di Messina, finanziamento assentito 99 milioni 607mila euro. E’ talmente raro vedere un progetto della nostra città al primo posto di una graduatoria nazionale che non si può che essere felici e complimentarsi con chi l’ha proposto, cioè Palazzo dei Leoni.

La graduatoria in questione è quella del PinQua (Programma nazionale della qualità dell’abitare) del Ministero per le infrastrutture, con l’obiettivo di riqualificare i centri urbani, ridurre il disagio abitativo e favorire l’inclusione sociale.

271 progetti in Italia, fondi per 3.2 miliardi

Le proposte ammesse al finanziamento (dunque non ancora ufficialmente finanziate) sono 271 in tutta Italia. I fondi inizialmente previsti erano “solo” 400 milioni ma ora si aggiungono 2.8 miliardi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza).

“Gli indicatori utilizzati per definire la graduatoria dei progetti – spiega il Ministero – hanno tenuto conto sia della superficie residenziale che viene recuperata dal progetto, sia della maggiore inclusività sociale che esso genera, anche tramite il coinvolgimento nella successiva gestione dell’intervento da parte del terzo settore. Indicatori di impatto sociale, culturale, urbano territoriale, economico-finanziario e tecnologico sono stati i parametri su cui si è formato il giudizio della Commissione: l’apporto economico di fondi privati, la rispondenza alle politiche territoriali regionali, la sostenibilità ed efficienza energetica e la premialità al consumo di suolo zero hanno costituito alcune delle voci valorizzate dall’apposito programma informatico creato ad hoc”.

A Messina 145 milioni, il 4.5 % del totale e il 37 % dei fondi regionali

Ma il progetto da quasi 100 milioni della Città Metropolitana non è l’unico messinese in graduatoria. Ce n’è anche un altro piccolo da 1 milione 780mila euro, sempre di Palazzo dei Leoni, classificato al 247esimo posto. E poi ce ne sono tre del Comune di Messina, classificati al 135esimo, 154esimo e 182esimo posto, rispettivamente da 14 milioni 752mila euro, 14 milioni 234mila euro e 14 milioni 343mila euro per “la demolizione e ricostruzione di abitazioni e servizi”.

Un totale di 101 milioni 400mila euro per i progetti della Città Metropolitana e di 43 milioni 300mila euro per il Comune, cioè quasi 145 milioni per Messina, il 4.5 % del totale dei fondi nazionali e quasi il 37 % di quelli regionali. Del totale di 3.2 miliardi, infatti, alla Sicilia sono destinati quasi 400 milioni (il 12.5 %) di cui, come detto, 145 milioni a Messina e circa 250 milioni ad altri progetti.

Gli altri progetti in Sicilia

In particolare: un totale di 42 milioni per tre progetti del Comune di Ragusa, 37 milioni per tre progetti a Catania (due del Comune, da 30 milioni, e uno della Città Metropolitana, da 7 milioni), 30 milioni ciascuno per due progetti ciascuno dei Comuni di Gela, Trapani e Agrigento, 28 milioni per due progetti del Comune di Siracusa, 15 milioni per un progetto del Comune di Enna, 13 milioni per due progetti del Comune di Palermo, 12 milioni per un progetto della Regione per Acireale, 11 milioni per un progetto del Comune di Marsala.

Il risanamento di Messina

I 145 milioni di Messina dovrebbero finire nella contabilità speciale dell’Ufficio della commissaria per il risanamento, la prefetta Cosima Di Stani. Bisconte, Fondo Fucile, rione Taormina, Annunziata, Giostra e Camaro Sottomontagna le principali aree interessate.

Lo sbaraccamento ancora fermo

La svolta sembra vicina ma ora serve accelerare nel concreto. Magari a partire dallo sbaraccamento. Nonostante la consegna di oltre 400 nuove case e dunque la liberazione di diverse aree, le uniche baracche cadute giù negli ultimi anni sono le 32 case D’Arrigo, quelle che ostruivano il percorso della nuova via don Blasco. In altre zone, ad esempio a Camaro, sono ancora in piedi e sono diventate discariche a cielo aperto. Ormai assegnate le case a tutti gli abitanti di Fondo Fucile, l’eliminazione di quella grande baraccopoli sarà un grande passo in avanti dopo anni di immobilismo.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. MESSINA sarà pure in testa a questa classifica, così come lo sarà in altre ,ma lo stato di fatto è che non si migliora….. …..prova evidente è che finalmente non ci sarà più il degrado delle BARACCHE ma ecco ,che adesso abbiamo il degrado della non bonifica e degli INCIVILI con i RIFIUTI a destra e a manca …..si cerca di riqualificare Messina ma si dovrebbe riqualificare la mentalità di chi ci abita e spadroneggia non solo con i RIFIUTI,ma pure con gli ATTEGGIAMENTI, l’ ARROGANZA,la MALEDUCAZIONE di chi ha sempre fatto quello che ha voluto senza regole e senza RISPETTO….. prima di progettare si deve” RIEDUCARE”ma non a parole ……con” PUNIZIONI SEVERE”perché altrimenti si costruisce e poi si distrugge subito dopo, e siamo sempre punto e a capo con l’aggravante di soldi spesi, e aumenti per noi per aggiustare…

    7
    2
  2. Giuliana Raffa 23 Luglio 2021 10:20

    Intanto queste somme danno un po’ di ossigeno pulito.
    Ce le meritiamo tutte, queste monete!
    Inoltre, a differenza della Cassa del Mezzogiorno, grazie all’aiuto delle tecnologie, è possibile tenere gli occhi ben puntati su come vengono spese.

    PS: La maleducazione non si può curare, non c’è vaccino che tenga. Fattene una ragione, Rosaria.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x