La Polizia incontra il La Farina: riflettori accesi su bullismo e immigrazione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La Polizia incontra il La Farina: riflettori accesi su bullismo e immigrazione

Ve. Cro.

La Polizia incontra il La Farina: riflettori accesi su bullismo e immigrazione

mercoledì 23 Novembre 2016 - 23:12
La Polizia incontra il La Farina: riflettori accesi su bullismo e immigrazione

Tanti i temi affrontati tra cui sicurezza, ordine pubblico, incolumità dei cittadini e tutela della proprietà.

Polizia di Stato a 360° e, ancora una volta, vicina alla scuola ed ai ragazzi. E’ stato il liceo classico La Farina, ieri mattina, a fare da “cornice” all’incontro tra gli studenti ed il Questore, Giuseppe Cucchiara.
Un lungo dialogo, quello del numero uno della Polizia di Messina, sia con gli alunni dei primi anni scolastici che con giovani donne e uomini agli ultimi di scuola superiore. Gli argomenti sono stati sicurezza, ordine pubblico, incolumità dei cittadini e tutela della proprietà.

Chi è il Questore? Qual è il suo ruolo? Cosa si intende per Autorità di Pubblica Sicurezza? Ma soprattutto come funziona la “macchina” Polizia di Stato sul territorio? Ai ragazzi sono state mostrate slides su come è organizzata la Questura di Messina e i Commissariati di polizia presenti in città e provincia. Ci si è poi soffermato su compiti e funzioni dei differenti uffici: come funziona la Squadra Mobile di Messina, la D.I.G.O.S., come opera? Quando un cittadino chiede aiuto e digita sul display 113, cosa accade fattivamente?

Tra le domande rivolte al Questore, quella relativa al bullismo, specie nelle scuole, e del rapporto di fiducia tra Polizia e cittadino. E poi, come opera la Polizia di Stato in caso di sbarco? Com’è organizzato l’Ufficio Immigrazione?

Per concludere, uno spazio dedicato all’impegno della Polizia di Stato nella comunicazione con il cittadino attraverso il sito www.poliziadistato.it e nell’interazione sui social specie con i più giovani: Facebook, Twitter e YouTube.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

8 commenti

  1. il figlio dell’Assessore era anche presente ahahahahahahahah??????’

    0
    0
  2. il figlio dell’Assessore era anche presente ahahahahahahahah??????’

    0
    0
  3. Suggerisco di ripetere questa lodevole ed interessante iniziativa, , però, questa volta al “Ernesto Basile”, sito in Cda Annunziata.

    0
    0
  4. Suggerisco di ripetere questa lodevole ed interessante iniziativa, , però, questa volta al “Ernesto Basile”, sito in Cda Annunziata.

    0
    0
  5. PARLATE ANCORA DI IMMIGRAZIONE? FATE I SERI PENSATE PIUTTOSTO AI VOSTRI COLLEGHI MASSACRATI DA CLANDESTINI CHE ARRESTATI VENGONO RIMESSI IN LIBERTA’. MENTRE I COMPONENTI DELLE FF. OO. SONO IN OSPEDALE CON OCCHI ROVINATI, OSSA ROTTE E ALTRO. MENTRE ALF ANO NON ALZA IL TELEFONO O DAVANTI ALLA NAZIONE ESPRIME LO SCHIFO CHE STA PROCURANDO ALLE FF. OO. E ALLA NAZIONE. PARLATE DI IMMIGAZIONE? PRIMO NON E’ IMMIGRAZIONE MA E’ INVASIONE POLITICAMENTE PROGRAMMATA SCIENTIFICAMENTE DI CLANDESTINI, SECONDO PENSATE A COLORO CHE HANNO LA DIVISA INSANGUINATA PERCHE’ MASSACRATI. DOMANDA: MA SONO IN GRADO DI DIFENDERSI? NON SONO ADDESTRATI ALLE TECNICHE DI DIFESA PERSONALE? PERCHE’ SONO CASTRATI NELL’USO DELLA PISTOLA IN DOTAZIONE BERETTA CAL. 9 PARABELLUM?

    0
    0
  6. PARLATE ANCORA DI IMMIGRAZIONE? FATE I SERI PENSATE PIUTTOSTO AI VOSTRI COLLEGHI MASSACRATI DA CLANDESTINI CHE ARRESTATI VENGONO RIMESSI IN LIBERTA’. MENTRE I COMPONENTI DELLE FF. OO. SONO IN OSPEDALE CON OCCHI ROVINATI, OSSA ROTTE E ALTRO. MENTRE ALF ANO NON ALZA IL TELEFONO O DAVANTI ALLA NAZIONE ESPRIME LO SCHIFO CHE STA PROCURANDO ALLE FF. OO. E ALLA NAZIONE. PARLATE DI IMMIGAZIONE? PRIMO NON E’ IMMIGRAZIONE MA E’ INVASIONE POLITICAMENTE PROGRAMMATA SCIENTIFICAMENTE DI CLANDESTINI, SECONDO PENSATE A COLORO CHE HANNO LA DIVISA INSANGUINATA PERCHE’ MASSACRATI. DOMANDA: MA SONO IN GRADO DI DIFENDERSI? NON SONO ADDESTRATI ALLE TECNICHE DI DIFESA PERSONALE? PERCHE’ SONO CASTRATI NELL’USO DELLA PISTOLA IN DOTAZIONE BERETTA CAL. 9 PARABELLUM?

    0
    0
  7. Certo che siamo uno stato davvero ridicolo le nostre Forze Armate della marina Militare li portano in Italia , poi gli Organi di Polizia e Militari devono rafforzare i controlli a CAUSA DEGLI IMMIGRATI… bella barzelletta solo in Italy hahahahahah

    0
    0
  8. Certo che siamo uno stato davvero ridicolo le nostre Forze Armate della marina Militare li portano in Italia , poi gli Organi di Polizia e Militari devono rafforzare i controlli a CAUSA DEGLI IMMIGRATI… bella barzelletta solo in Italy hahahahahah

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007