Rachele: "Il 18 maggio alzerò la saracinesca su un negozio vuoto, destinato a morire" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rachele: “Il 18 maggio alzerò la saracinesca su un negozio vuoto, destinato a morire”

Rosaria Brancato

Rachele: “Il 18 maggio alzerò la saracinesca su un negozio vuoto, destinato a morire”

giovedì 30 Aprile 2020 - 10:33
Rachele: “Il 18 maggio alzerò la saracinesca su un negozio vuoto, destinato a morire”

La storia di Rachele e di centinaia di negozianti. Saracinesche destinate ad alzarsi il 18 ed a chiudersi per sempre pochi giorni dopo

La notte non dormo, non so come farò. Il 18 aprirò un negozio vuoto, nessuna azienda fornitrice mi darà aperture, le banche non rispondono. Alzerò la saracinesca su un negozio vuoto destinato a morire. Piango la notte perché era il negozio di mio fratello e quando è morto ho voluto onorare il suo ricordo portando avanti io la piccola attività. Sono caduta e mi sono rialzata tante volte, ma adesso non riesco più a dormire per l’angoscia”.

Aprirò un negozio vuoto

Rachele è tra quanti potranno riaprire il 18 maggio, ha un negozio di scarpe sulla Tommaso Cannizzaro, ma per lei, come per tantissimi esercizi di piccola e media grandezza, lo spettro peggiore è quella saracinesca che potrebbe riabbassarsi per sempre una settimana dopo.

I “piccoli” destinati a morire

Lo capisci guardando le vetrine dei negozi di abbigliamento, che il tempo ha fermato ai primi giorni di marzo, con gli abiti invernali, i cappotti, le giacche, i maglioni. Riapriranno in primavera ma, se si escludono i grandi negozi e i franchising come faranno a rifornirsi i più “piccoli”? Quale azienda di moda potrà mai dare loro forniture accettando assegni a 30, 60 o 90 giorni sapendo che con ogni probabilità non saranno coperti?

Come andrò avanti?

E’ una pena al cuore guardi- continua Rachele– Noi del settore calzature al dettaglio siamo in ginocchio. Ho il negozio con le rimanenze dell’inverno ma chi mi dà i soldi per andare avanti? Comprare i nuovi arrivi? Non ho nulla di primaverile. In banca ho trovato le porte chiuse, non ho soldi per anticipare, non ho percepito neanche i 600 euro. Meno male che mio marito è un servitore dello Stato, lavora, altrimenti sarei al tracollo. Non voglio finire con l’elemosinare. Ci sono ancora assegni che devo coprire con le scadenze. Come faccio ad andare avanti? Il mio è un negozio di 45 metri quadrati, in pratica sono destinata alla fine. E quel che più mi addolora è il fatto che non potrò onorare il ricordo di mio fratello. Noi vogliamo lavorare, ma in queste condizioni non possiamo farcela. Lei il 18 maggio verrà da me e vedrà la vetrina vuota, il negozio vuoto…….E’ questo il nostro destino?”

Le bollette, le tasse, il canone

Non solo sarà vuoto ma dovrà pagare il canone di locazione di questi mesi e di quelli a venire, le bollette di questi mesi e di quelli a venire, le tasse, dovrà spendere per mettere in sicurezza il negozio e garantire che potrà entrare un solo cliente per volta. Dovrà firmare assegni con i fornitori che non è detto gli daranno credito, dovrà bussare alle porte di banche che non sentiranno né le ragioni dell’epidemia né quelle della crisi. Insomma anche Rachele come migliaia di famiglie a Messina e provincia è “un morto che cammina”. Quella saracinesca in via Tommaso Cannizzaro potrebbe non alzarsi mai più.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Appello ai messinesi…mi raccomando,nei prossimi mesi se dovete comprare qualcosa non andate ne’ a catania ne’ a Milazzo ma quei 4 soldi che volete/potete
    spendere fatelo solo presso i negozi di Messina…chiaro,vero?!?!

    4
    0
  2. Franco Maricchiolo 30 Aprile 2020 14:02

    Rachele, non abbatterti, la stragrande maggioranza dei negozianti ha problemi come te, poco più o poco meno. Vincenzo al tuo fianco resta sempre una colonna di sostegno. Raccogli tutte le tue energie positive, perchè le hai, e cerca di stringere i denti, magari provando a pensare a qualcosa che possa dare un minimo di rilancio. Quando si tocca il fondo bisogna per forza risalire. Vale per te, per me e per tanti negozianti.

    2
    0
  3. Essendo disoccupata da ormai due anni so cosa vuol dire questa situazione ma ho la sensazione che quando si potrà aprire i prezzi saranno molto lievitati e così sarà ancora più difficile acquistare se non le cose necessarie direi vitali. Lei da negoziante che mi dice? E poi, nel suo caso, quando è stata costretta ad abbassare la saracinesca, la merce non è rimasta dentro? È invernale? Bene intanto si può vendere a costo di realizzo. Io un paio di scarpe invernali scontate anche a maggio le comprerei. Buona fortuna

    1
    1
  4. Paolo Accordino 15 Maggio 2020 14:34

    A Messina muore tutto anche la pazienza. E non era tanto meglio neache prima della pandemia siamo realisti. La situazione è triste ma è questa.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007