Raffineria di Milazzo. Gli Ambientalisti: “Si investa sugli adeguamenti” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Raffineria di Milazzo. Gli Ambientalisti: “Si investa sugli adeguamenti”

Salvatore Di Trapani

Raffineria di Milazzo. Gli Ambientalisti: “Si investa sugli adeguamenti”

giovedì 21 Maggio 2020 - 16:17
Raffineria di Milazzo. Gli Ambientalisti: “Si investa sugli adeguamenti”

Gli ambientalisti puntano il dito contro la Raffineria di Milazzo, accusandola di non voler investire per salvaguardare lavoro, salute e ambiente.

Torniamo a parlare della Raffineria di Milazzo, nelle ultime ore interessata da uno sciopero ad oltranza dei lavoratori. Tra i tanti temi presi in esame, nel corso degli ultimi giorni, c’è stato anche l’adeguamento degli impianti voluto dal Piano Regionale di Tutela della Qualità dell’Aria. Un punto sul quale sono intervenuti l’Adasc, il Comitato dei cittadini contro l’inceneritore del Mela, il Coordinamento Ambientale Milazzo – Valle del Mela, l’Arci Messina APS e il Movimento no inceneritori del Mela.

Le dichiarazioni degli ambientalisti

«I dirigenti della società –dichiarano gli ambientalisti- continuano a tirare in ballo, in modo strumentale, il Piano Regionale di Tutela della Qualità dell’Aria approvato dalla Regione Siciliana. E’ chiara la loro intenzione di non investire per adeguare gli impianti alle migliori tecnologie disponibili che consentirebbero di ridurre l’inquinamento e quindi irischi sanitari per la popolazione ed i lavoratori».

Le associazioni ambientaliste hanno quindi sottolineato come il Piano di Tutela della Qualità dell’Aria sia applicabile, con i giusti investimenti.

«Ribadiamo –dichiarano- ancora una volta che non è assolutamente vero che le disposizioni del Piano sono inapplicabili, perché fanno riferimento a tecnologie pubblicate in un “elenco” approvato dall’Unione Europea per tutti gli impianti di raffinazione già esistenti (le cosiddette “BAT Conclusions”)».

La situazione occupazionale e gli investimenti

Gli ambientalisti si sono quindi detti vicini ai lavoratori, in sciopero da questa mattina, auspicando un cambio di rotta sul fronte degli investimenti e dell’adeguamento degli impianti.

«Più volte –concludono- abbiamo sottolineato l’importanza degli investimenti, anche dal punto di vistaoccupazionale: infatti più fondi vengono previsti per adeguare gli impianti, più posti di lavoro vengono creati. Sembra che adesso anche i lavoratori comincino a capire la necessità che l’industria non lesini sugli investimenti. Esprimiamo quindi vicinanza ai lavoratori che da stamattina hanno indetto lo sciopero ad oltranza, affinché l’azienda disponga con estrema urgenza tutti gli investimenti necessari, senza ricorrere più a ricatti, sotterfugi e strumentalizzazioni».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007