Rapine e furti in crescita a Messina, Uil: "Serve più polizia"

Rapine e furti in crescita a Messina, Uil: “Serve più polizia”

Redazione

Rapine e furti in crescita a Messina, Uil: “Serve più polizia”

giovedì 08 Febbraio 2024 - 08:21

Ultimo episodio l'aggressione a un minorenne nella villa "Quasimodo", dopo le "vetrine spaccate". Le parole del segretario Galati

MESSINA – Criminalità in aumento a Messina. Maurizio Galati, segretario generale provinciale della Uil Polizia Messina, interviene sulla crescita di rapina e lesioni. Nella villa “Quasimodo”, nei giorni scorsi, quattro persone hanno rapinato e procurato lesioni a un minorenne per impossessarsi di poche
decine di euro ma sono state arrestate. Tuttavia, sostiene Galati, “se non si aumentano gli organici delle forze di polizia, diventa una chimera contrastare il crimine. Ogni soluzione deve passare attraverso l’incremento delle risorse umane dislocate sul territorio”.

Maurizio Galati


Aggiunge il segretario: “Si parla di aumento dei reati predatori, di danneggiamenti, minacce, aggressioni in luoghi aperti al pubblico ed altri crimini. In questi ultimi giorni stiamo assistendo ad una preoccupante escalation dei reati. Dalle “vetrine spaccate” ai danni di imprenditori e commercianti, ai furti in abitazioni
ed esercizi commerciali messe in atto da criminali ben organizzati che eludono sistemi di allarme e forzano casseforti dalle quali prelevano gioielli e ingenti somme di denaro. La Uil polizia sottolinea come la vastità del fenomeno richieda una presenza costante e capillare di operatori di polizia. I cittadini emotivamente coinvolti, specie durante gli interventi più violenti ed eclatanti, hanno più volte espresso lamentele nei confronti degli operatori di polizia, che sostengono esser e pochi e non sufficienti a controllare il territorio”.

E ancora: “La politica deve interrogarsi sugli errori commessi e fornire risposte concrete sia ai cittadini che
agli appartenenti alle forze dell’ordine. Aumentare il numero delle pattuglie, specie nelle fasce notturne, oltre che rendere l’operatore di polizia un riferimento contro atti criminosi, fornisce al cittadino maggiore sicurezza. Contestualmente si devono mettere in atto dei sistemi, anche a livello legislativo, che tutelino in maniera fattiva le forze dell’ordine, durante lo svolgimento del loro servizio”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007