La minaccia di De Luca: Io e gli assessori non andremo più in Consiglio se... - Tempostretto

La minaccia di De Luca: Io e gli assessori non andremo più in Consiglio se…

DLT

La minaccia di De Luca: Io e gli assessori non andremo più in Consiglio se…

DLT |
lunedì 17 Dicembre 2018 - 12:26
rapporti tesi
La minaccia di De Luca: Io e gli assessori non andremo più in Consiglio se…

Dopo qualche giorno di assenza, il sindaco Cateno De Luca è tornato operativo. Fitta di impegni la sua agenda odierna, pubblicata- come di consueto- sulla sua pagina Facebook. E tra un impegno e l' altro il primo cittadino ha trovato il tempo di rispondere alle polemiche in merito alla sua assenza e a quella della sua giunta in Consiglio comunale in occasione della votazione sul consuntivo 2017 (VEDI QUI) . De Luca replica, anche se scrive di non volerlo fare, e polemizza a sua volta, minacciando altresì di non presentarsi più in aula fino a quando non si abbasseranno i toni .

«Comprendo – scrive in un post su Fb – che ogni tanto qualcuno ha la necessità di ricordare al mondo che esiste, ma non intendo replicare a coloro che cercano visibilità attaccando l’amministrazione comunale senza alcun motivo. Oltre 15 giorni fa avevamo inviato a tutti i consiglieri comunali la nota per avere la rinuncia ai termini di legge per l’approvazione del bilancio consuntivo e consolidato 2017.Tali rinunce dei consiglieri comunali sono arrivate solo tre giorni fa. Tutto si poteva gestire meglio e prima ma si è preferita la strada delle sterili polemiche mettendo a rischio un centinaio di famiglie ancora precarie che attendono la stabilizzazione».

Dopo la precisazione, arriva la minaccia: «Non siamo andanti in consiglio comunale per protesta e non ci andremo fino a quando non saranno abbassati i toni della dialettica politica».

«L’approvazione del bilancio consuntivo e del consolidato – scrive ancora De Luca – sono atti dovuti che non riguardano la mia amministrazione comunale e non accetto che anche questi atti si debbano trasformare in guerre di religione. A ciascuno il suo nel rispetto dei ruoli».

Intanto sulla mancata partecipazione di sindaco ed assessori ai lavori d’aula sul rendiconto 2017 interviene oggi anche il consigliere comunale Giandomenico La Fauci del gruppo consiliare “Messina Ora”

«Quanto accaduto in Consiglio Comunale sulla delibera riguardante il Bilancio Consuntivo 2017 rappresenta una delle pagine più strane di questa amministrazione. Un tema così delicato e complicato non può, e non deve, essere trattato in maniera simile da sindaco e giunta. La delibera – sottolinea La Fauci – è arrivata in Consiglio in tempi strettissimi, nessun membro dell’amministrazione era presente, soprattutto il sindaco che svolge il ruolo di assessore al bilancio. La sua assenza è stata la più pesante, aggravata dal sollecito fatto e che non ha trovato risposta, un comportamento inaccettabile e vergognoso nei confronti del Consiglio e della città».

«Gli atti di responsabilità non possono essere richiesti solo in maniera unilaterale, troppo spesso questo Consiglio è stato messo nelle condizioni di dover decidere in poco tempo, e sempre nell’interesse dei cittadini. Anche in questa circostanza – spiega La Fauci – c’erano dei posti di lavoro da tutelare: la stabilizzazione di più di settanta impiegati non è cosa da poco, doverlo fare con i minuti contati e messi alle strette da rinunce personali, non barattabili, non ci ha impedito di svolgere il nostro ruolo nella totale correttezza. La sensazione, amara, è stata quella che l’amministrazione non avesse lo stesso interesse nel tutelare la posizione dei precari, scaricando ancora una volta sul Consiglio eventuali oneri».

«Sulla votazione, poi, la responsabilità è stata raccolta unicamente dal centrodestra – puntualizza La Fauci – che non ha fatto nessun passo indietro nonostante le enormi difficoltà che una delibera del genere poneva. La polemica politica non mi appartiene, non è mio costume puntare il dito in maniera gratuita, però – chiarisce il consigliere di Ora Messina -, non ho apprezzato le reprimende arrivate da chi non ha preso parte alla votazione. Il diritto di non esprimere un voto di qualsiasi tipo va salvaguardato. Questo si scontra, però, con le parole che vengono usate in merito a precari e stabilizzazioni; quando poi c’è da prendere una decisione, anche coraggiosa, è troppo comodo fare un passo indietro e appoggiarsi sulla votazione di altri membri del Consiglio. Personalmente ho preso la responsabilità di votare il Consuntivo, l’ho fatto per la città e per i lavoratori, non intendo – conclude La Fauci – continuare a farmi carico di votazioni così pesanti mentre altri rimangono a guardare, per poi fare retorica tramite dichiarazioni e comunicati stampa. Torneremo in aula per il Consolidato, ancora una volta con le stesse prospettive viste in passato, difficilmente vorrò essere la stampella di chi non ha coraggio di prendere posizione».

Tag:

0 commenti

  1. De Luca ha lasciato dietro di se una lunga scia di post e dichiarazioni, spesso gratuiti, che riletti dicono molto di lui.
    Ahimè non c’è dubbio che lui sia una delle cause che hanno concorso a creare questo clima di cui ora si lamenta.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007