Furto di energia a Palazzo Mariani. L'Università fa denuncia in Procura - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Furto di energia a Palazzo Mariani. L’Università fa denuncia in Procura

Furto di energia a Palazzo Mariani. L’Università fa denuncia in Procura

martedì 01 Maggio 2018 - 07:37
Furto di energia a Palazzo Mariani. L’Università fa denuncia in Procura

Avviati gli accertamenti per capire chi ha usufruito della corrente elettrica

Una macchina elettrica che viene ricaricata mediante una prolunga collegata alla rete elettrica di Palazzo Mariani. Il rettore Salvatore Cuzzocrea è stato informato dell’episodio nel pomeriggio di venerdì e sono stati immediatamente avviati i relativi accertamenti.

Acquisiti i dati necessari, è stato dato mandato agli uffici competenti di presentare denuncia alla Procura della Repubblica. Oltre al furto di energia elettrica, è stato chiesto di accertare anche eventuali profili penali legati ai potenziali rischi derivanti dal collegamento elettrico che attraversava un marciapiede.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Mica ci vuole un detective privato per scoprire chi è l’autore di questo futuro basta soloche prendere il numero di targa e da liper risalire ala proprietario cmq oltre l’autore del furto devono essere punitidelle anche gli altri impiegati che lavorano in quell’ufficio per complicità

    0
    0
  2. Furto non scoperto dagli organi competenti ma da un cittadino che passando ha visto il tutto lo ha fotografato e inviato alla rubrica di tempo stretto e pensare che li vicino c’è il municipio quindi chi sa quanti uomini in divisa sono passati e hanno fatto finta di non vedere

    0
    0
  3. letterio.colloca 1 Maggio 2018 10:04

    Prima dell’iter giudiziario (sovente farraginoso,lungo ed inconcludente dal punto sostanziale di CIVILTA’ URBANA),venga SEQUESTRATA anche la casa di questo ULTERIORE LADRO (ESAGERATAMENTE TROPPI ed impuniti il più delle volte!!!).Affiorerà una verità “domestica” di indigenza o stato di necessità).Il problema del traffico in città?? basterebbe che le forze dell’ordine fossero più LIGI ai loro stessi doveri e con “revisioni di patente” -chi ce l’ha?!!!!- assenza di posizione assicurativa e di REVISIONE DEL MEZZO,etilometro ed esami tossicologici…..UN BUON OTTANTA PER CENTO 80% degli utenti sarebbe “orientato” verso i MEZZI PUBBLICI, oggi, INCREMENTATI A DISMISURA -anche se il “buddace scattruni” non intende pagare il biglietto!!!!

    0
    0
  4. MessineseAttenta 1 Maggio 2018 13:14

    Appena sapranno chi la guidava, tutto finirà in cavalleria.

    0
    0
  5. lo sanno bene chi è stato a compiere il gesto e basterebbe che si autodenunciasse almeno per salvaguardare la propria dignità di uomo. Ci sono stati amministratori pubblici che per 300 € sono stati condannati a più di un anno per peculato. E questo cosa è? vorrei anche dirvi che chi ha pubblicato la foto su facebook (esattamente la stessa che pubblicate voi) è stato chiamato al telefono ed è stato pregato di rimuoverla dando garanzia che la persona avrebbe ricevuto una lettera di richiamo che è stata fatta vedere alla stessa persona che ha pubblicato la foto. Dunque, caro Rettore, comincia a uscire gli attributi perché sapete bene chi è stato ! Facci vedere che con te è cambiato qualcosa ! altrimenti sei complice pure tu ! io attendo

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x