Ex Province, il primo atto della giunta Musumeci è uno scatto d'orgoglio - Tempo Stretto

Ex Province, il primo atto della giunta Musumeci è uno scatto d’orgoglio

Rosaria Brancato

Ex Province, il primo atto della giunta Musumeci è uno scatto d’orgoglio

venerdì 01 Dicembre 2017 - 09:35
Ex Province, il primo atto della giunta Musumeci è uno scatto d’orgoglio

Il primo provvedimento del neo governo regionale è il ricorso alla Corte Costituzionale contro l'impugnativa del governo Gentiloni sulle ex Province. Un gesto in totale discontinuità col governo Crocetta e che ribadisce le peculiarità della Regione a Statuto speciale

E’ molto più che simbolico il primo atto della giunta Musumeci: è un gesto concreto in totale discontinuità con il governo Crocetta. E per la verità è anche di più, perché è un modo per ribadire la specialità della Sicilia e la sua potestà statutaria.

Il neo governo regionale infatti presenterà ricorso davanti alla Corte Costituzionale contro l’impugnativa del governo Gentiloni sulla legge d’agosto che ha ripristinato il voto diretto nelle ex Province.

Un atto che dimostra l’intenzione di non accettare supinamente i voleri del governo centrale che in questi anni ha utilizzato, spesso e volentieri, la Sicilia, come “granaio” e colonia, grazie all’eccessiva accondiscendenza di Crocetta, che ha fatto come i cosiddetti “cani da balcone”: abbaiano quando sono a debita distanza, ma quando scendono in strada ritornano miti e silenziosi.

Il ricorso alla Consulta per dire no al governo centrale è un modo per ribadire quanto prevede lo Statuto siciliano in merito alla potestà legislativa in alcune materie (come appunto l’ordinamento degli Enti locali), ma anche un atto che riafferma quanto legiferato dall’Ars ad agosto con una legge che ha mandato in soffitta la riforma delle ex Province. L’Ars ha bocciato la riforma lumaca, quella annunciata nel 2013 in diretta a L’Arena da Crocetta, dicendo no all’elezione di secondo livello, che prevede che ad eleggere il vertice delle Ex province siano gli stessi sindaci e consiglieri dei Comuni facenti parte dell’Ente locale intermedio. Anche la riforma nazionale delle ex Province, la Delrio, prevede solo l’elezione di secondo livello. L’Ars, tenuto conto anche dell’esito del Referendum Costituzionale del 4 dicembre 2016, che soprattutto in Sicilia con oltre il 70% di no ha fatto capire che i cittadini non gradiscono gestioni di casta, ha bocciato ad agosto la riforma. Sono state così ripristinate le elezioni dirette, che avrebbero dovuto tenersi a febbraio 2018 dopo 5 anni di commissariamenti.

Ma il governo Gentiloni l’ha impugnata davanti alla Corte Costituzionale.

Ieri lo scatto d’orgoglio della neo giunta regionale. Vi è da dire che Musumeci, da deputato Ars, ha combattuto da solo contro la riforma Crocetta delle ex Province. Soltanto nei mesi successivi al Referendum Costituzionale la vecchia maggioranza ha cambiato idea, avviando uno scontro con l’ex governatore Crocetta e bocciando la norma. Una vicenda, questa della riforma, che ha del kafkiano ed è un’impresa riuscire a sintetizzare quanto accaduto in questi anni.

Nella nota della giunta Musumeci si legge a proposito della decisione di ricorrere alla Consulta per “tutelare la potestà statutaria della Sicilia in materia di ordinamento degli Enti locali e per difendere il diritto dei cittadini ad eleggere i propri rappresentanti, anche a seguito del voto popolare sul referendum costituzionale dello scorso dicembre e, quindi, nel solco dei principi di democrazia diretta fatti propri dall'Unione Europea”.

Un atto che cambia completamente il percorso finora seguito dall’ex governo regionale, che dall’Autorità portuale di Messina fino al vergognoso accordo col governo nazionale sui conti e sui contenziosi del 2015 (con il quale la Sicilia rinuncia ad una serie di somme in cambio di un piatto di lenticchie per far quadrare i conti), passando per i bilanci commissariati e per battaglie annunciate e mai portate avanti, è stato penalizzato dall’essere dello stesso “colore” politico del nazionale.

Musumeci inizia con un braccio di ferro col governo Gentiloni e lo fa su un terreno che più di ogni altro segna il confine della nostra autonomia.

Lo fa anche difendendo un diritto all’elezione diretta che dovrebbe essere peraltro preso ad esempio anche a livello nazionale.

L’elezione di secondo livello lascia in mano ai partiti ed ai capi partiti, alle cordate, ai gruppi di potere, il totale arbitrio su chi deve amministrare il territorio.

Il ricorso alla Consulta e l’opposizione all’impugnativa del governo Gentiloni sulle ex Province è un atto sacrosanto, legittimo, e fatto in nome di tutti i cittadini.

Frattanto Orlando e Bianco sono tornati alla guida delle Città Metropolitane di Palermo e Catania, con sentenza del Tar. Ma questo è un altro capitolo.

Rosaria Brancato

Tag:

10 commenti

  1. MessineseAttenta 1 Dicembre 2017 10:59

    Mi auguro che il ricorso di Gentiloni venga accolto e vengano licenziati tutti i “lavoratori” mangiapane a tradimento che da decenni ingrassano con i nostri soldi. Nullafacebti, finanziatori dei bar e dei supermercati della zona, sempre pieni durante l’orario di lavoro degli ufficici, non fanno nulla da mattina a sera. Musumeci comincia col piede sbagliato.

    0
    0
  2. Cribbio qualcuno che ogni tanto esce i gabbasisi e inizia a fare qualcosa di buono, e non distruggere come hanno fatto gli imbecilli che pavoneggiavano alla TV.solo per fare i leccapiedi ad in governo che va contro i cittadini , unico scopo mantenere una U.E mangia soldi e sperperona e i soliti posti agli amici,

    0
    0
  3. PENSATE E PENSATECI SE UN GOVERNO DI CENTRO DESTRA ELETTO CON I VOTI DELLA LEGA, SI PROPRIO LA LEGA DEL LUMBARD SCIUR SALVINI, RIUSCIRA’ NEI SUOI INTENTI, CHE DIRANNO I SINISTRI, LA SINISTRA ESTREMA E I CATTOCOMUNISTI DI PARTITO E DI SINDACATO?

    0
    0
  4. Uno dei commenti più idioti che io abbia mai visto. Logicamente lei sarà uno di quelli che ha il cervello imbottito dalle minchiate di Giletti & Company. Alla provincia, come in tutti gli enti pubblici e privati, si lavora, certo chi più chi meno a seconda delle competenze. Ma augurare il “licenziamento” dei dipendenti pubblici significa augurare una peggiore rovina economica alla città. Non solo si metterebbero sul lastrico intere famiglie, ma fallirebbero a giro tutti gli esercizi nei dintorni e i cittadini come lei, che pensano male delle Province e di chi ci lavora, non avrebbero più molti servizi che attualmente la provincia svolge, seppur ridotti dalle disastrose politiche del centro sinistra e del centro destra.

    0
    0
  5. Forse stavolta ci siamo. Forse, finalmente, abbiamo un Governatore che fa gli interessi della Sicilia e dei Siciliani!

    0
    0
  6. giusto ,le vacche vanno ingrassate.

    0
    0
  7. Non mi pare sia una bella iniziativa, se dovremo pagare questi nuovi consiglieri e se saranno tanti! Sono i fondi per le Provincie ed i lavoratori a dover essere rimpinguati … e devono garantire i servizi !!! Efficienza, efficacia e produttività … e soldi spesi bene …. non creare un nuovo (vecchio) livello di consiglieri provinciali (politicanti-ignoranti di secondo livello.

    0
    0
  8. MessineseAttento 1 Dicembre 2017 18:23

    Mi perdoni per il mio essere troppo diretto, ma faccia pace col cervello. Parla di UE mangia soldi ed esulta per la strategica (solo per se stesso) scelta di Musumeci di tenere in piedi un carrozzone, quello sì, notoriamente inutile e mangia soldi. Ho il serio dubbio che lei non abbia capito il contenuto dell’articolo.

    0
    0
  9. MessineseAttenta 2 Dicembre 2017 12:07

    I soldi buttati al vento per i pelandroni della provincia potrebbero servire, ad esempio, ad evitare che malati prendano l’aereo per il nord. Licenziamoli e vediamo tutti gli ex 285 o ex art 23 sono in grado di fare. Non si arrovelli il cervello, la risposta la fornisco io: NULLA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  10. Io credo che invece lei non abbia idea delle conseguenze economiche e sociali che comportano trattati come Maastricht, Lisbona, Velsen, M.E.S. e FISCAL COMPACT. La crisi non è casuale, la crisi è indotta da un sistema di regole giuridiche ed economiche ben congegnate, per far si che la ricchezza si concentri nelle mani di pochi, per far sì che si mettano sul lastrico le istituzioni pubbliche per privatizzare beni comuni, per far si che la crisi finanziaria costringa a licenziare persone nel pubblico e nel privato, per poi riassumere persone con salari e stipendi da schiavitù. Ma non mi sorprendo dell’ignoranza di certi commenti, dato che la maggior parte di voi non capisce cosa comporta il liberismo imposto dalla regole europee.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007