Pd, Alfredo D'Attorre: "Serve una sinistra aperta a cattolici e ceto medio ma non radical chic" - Tempostretto

Pd, Alfredo D’Attorre: “Serve una sinistra aperta a cattolici e ceto medio ma non radical chic”

Rosaria Brancato

Pd, Alfredo D’Attorre: “Serve una sinistra aperta a cattolici e ceto medio ma non radical chic”

lunedì 13 Luglio 2015 - 22:01
Pd, Alfredo D’Attorre: “Serve una sinistra aperta a cattolici e ceto medio ma non radical chic”

Ricostruire il centro-sinistra è l'obiettivo che sta vedendo diverse anime del Pd impegnate in un dibattito che potrebbe portare o ad un confronto interno o ad uno strappo. "Puntiamo ad un partito aperto al mondo cattolico ed al ceto medio, un nuovo centro-sinistra di governo ma non radical chic" ha spiegato Alfredo D'Attorre, tra i dissidenti di Renzi, a Messina per un dibattito sul futuro del partito.

“Non ho votato il Jobs Act, che considero una contro-riforma, non ho votato la modifica del Senato che sta creando un ibrido incomprensibile, non ho votato l’Italicum sotto la minaccia del voto di fiducia e per portare in Parlamento altri nominati, infine non ho votato la riforma della scuola. A questo punto mi sono chiesto, che senso ha per me, deputato Pd restare in un partito se non condivido le scelte fondamentali che si stanno portando avanti?”

La riflessione è del parlamentare della sinistra Pd Alfredo D’Attorre che sta girando l’Italia per cercare di riaprire il dibattito sulla ricostruzione di un centro-sinistra che oggi è stato svuotato di ogni significato. In realtà questa stessa riflessione l’hanno fatta tutti gli elettori del Pd che si sono visti il governo Renzi e la sua strana maggioranza approvare norme che nulla hanno a che vedere sia con il Partito democratico che con la sinistra che persino con lo stesso programma del Pd nella campagna elettorale del 2013.

“In realtà questa è un’anomalia conseguente ad un governo che non è venuto fuori dalle urne- continua D’Attorre- e che sta attuando un programma che è uno strappo rispetto a quello presentato nella campagna elettorale del 2013”.

A portare il parlamentare Pd in riva allo Stretto, per un dibattito dal tema: “Ricostruire il centro-sinistra. Idee, Valori, Progetti" sono stati Giovanni Frazzica, Rafael De Francesco, Maurizio Ballistreri, guardandosi intorno per vedere da un lato se sia possibile cercare di costruire un Pd diverso a Messina e poi creare anche “matrimoni” con quelle forze del partito che non condividono la logica del pensiero unico renziano che sta facendo rivivere al Paese gli anni del berlusconismo, ma a sinistra. Sono molte le anime interne al partito che non vogliono strappi definitivi ma nel contempo credono ancora che dal confronto possa uscire una realtà davvero rappresentativa e in grado di dare risposte al Paese. D’Attorre è tra questi.

“Nelle prossime settimane saremo al lavoro per una verifica complessiva- ha spiegato alla platea della Chiesa di Santa Maria Alemanna- Stiamo pensando ad una conferenza programmatica per dare la parola ai cittadini. Dobbiamo decidere se continuare con questo Pd o prendere altre strade. Noi vogliamo una sinistra aperta al mondo cattolico, al ceto medio,un nuovo centro sinistra con salde basi di governo e non radical chic, che guardi alla gente, ai cittadini. La Grecia è stata umiliata dalla Germania, adesso il Parlamento non potrà prendere decisioni se prima non passa dalla Troika e l’Italia che fa? L’Italia è tra i Paesi debitori e decide di schierarsi con i creditori,con i più forti,pur essendo dalla parte debole”.

Il parlamentare ha fatto un’analisi cruda di quanto accaduto in appena in un anno, dalle Europee che hanno visto il Pd superare la soglia del 40% fino alle recenti tornate elettorali che hanno dato lo stop all’entusiasmo renziano. Nel mezzo tutte quelle riforme e leggi che hanno dato un’immagine ben diversa del partito e che hanno visto numerosi parlamentari dissentire. E che l’elettorato di sinistra non abbia gradito le virate è apparso chiaro dagli esiti delle urne di maggio e giugno.

Dopo i saluti del segretario provinciale del Pd Basilio Ridolfo, alle prese con una situazione del partito messinese a dir poco kafkiana (nei prossimi giorni si saprà quando si terrà l’assemblea) ad introdurre i lavori è stato Rafael De Francesco che ha sottolineato la necessità di riformulare una proposta politica che parli all'elettorato del centrosinistra, anche alla luce di un certo scollamento che si avverte tra Pd e opinione pubblica anche a Messina. La situazione locale e regionale è stata al centro dell’intervento di Maurizio Ballistreri, che è partito dalle vicende nazionali e dalle riforme per analizzare poi il disastro di un’isola in ginocchio “è arrivato il momento di staccare la spina ad un governo regionale e ad una classe dirigente che, come direbbe qualcuno, è uno spettacolo di nani e ballerine”.

Uguali considerazioni per Giovanni Frazzica che ha fatto un parallelo tra un cittadino torinese, “con una buona amministrazione locale, un’altrettanto buona amministrazione regionale ed un’attenzione nazionale, e il messinese che ha un’amministrazione comunale estemporanea, un’amministrazione siciliana disastrosa ed una considerazione agli occhi del governo nazionale inesistente. Anzi, la nostra deputazione di giorno definisce sindaco e giunta inadeguati, poi di notte va da Delrio e gli chiede di dar loro i poteri speciali”.

All’orizzonte c’è la voglia di tutti di creare le basi per un centro-sinistra che sia di sinistra e non sbilanciato a destra, che abbia il contatto con il territorio, che sappia parlare delle questioni Meridionali e della gente e che faccia riforme guardando al futuro e non al passato, replicando, come con l’Italicum, i peggiori difetti del Porcellum. Se sarà “feeling” tra una parte del Pd messinese e D’Attorre lo dirà il tempo, soprattutto se i prossimi mesi porteranno a fratture interne al partito o alla formazione di correnti interne.

Rosaria Brancato

Tag:

12 commenti

  1. MessineseIncallito 14 Luglio 2015 07:34

    Come se fosse antani….in pratica una conferenza per fare una supercazzola

    0
    0
  2. MessineseIncallito 14 Luglio 2015 07:34

    Come se fosse antani….in pratica una conferenza per fare una supercazzola

    0
    0
  3. “NON HO VOTATO il Jobs Act,che considero una contro-riforma,NON HO VOTATO la modifica del Senato che sta creando un ibrido incomprensibile,NON HO VOTATO l’Italicum sotto la minaccia del voto di fiducia e per portare in Parlamento altri nominati,infine NON HO VOTATO la riforma della scuola.A questo punto mi sono chiesto,che senso ha per me,deputato PD restare in un partito se non condivido le scelte fondamentali che si stanno portando avanti? ” Caro Alfredo D’ATTORE immagino che se lo chiedano anche gli elettori del PARTITO DEMOCRATICO. Mariedit non ha di questi problemi, ma è sempre interessato alle proposte alternative al nuovo anfitrione,in difficoltà,Matteo RENZI, ma le sue quali sono? I cattolici? E i cristiani di FRANCESCO, perché no?

    0
    0
  4. “NON HO VOTATO il Jobs Act,che considero una contro-riforma,NON HO VOTATO la modifica del Senato che sta creando un ibrido incomprensibile,NON HO VOTATO l’Italicum sotto la minaccia del voto di fiducia e per portare in Parlamento altri nominati,infine NON HO VOTATO la riforma della scuola.A questo punto mi sono chiesto,che senso ha per me,deputato PD restare in un partito se non condivido le scelte fondamentali che si stanno portando avanti? ” Caro Alfredo D’ATTORE immagino che se lo chiedano anche gli elettori del PARTITO DEMOCRATICO. Mariedit non ha di questi problemi, ma è sempre interessato alle proposte alternative al nuovo anfitrione,in difficoltà,Matteo RENZI, ma le sue quali sono? I cattolici? E i cristiani di FRANCESCO, perché no?

    0
    0
  5. L’autoreferenzialita,”l’onanismo”psico politico,le strategie per occupare una posizione geometrica di centrosinistra con”scappolamento”a destra,in una territorio impoverito,devastato socialmente e destinato alla desertificazione demografica dopo quella produttiva,NON HA SENSO e rischia di riproporre i metodi della casta che ci hanno portato a questo puntoAi MESSINESI non vuole entrare nella”midudda”che senza la centralità del manufatto PONTE non c’è”spisa pi nuddu”Il valore della produzione di RICCHEZZA è misconosciuto e si punta sempre sulle elemosine di Stato che tra l’altro non arrivano più.Abbiamo un tesoro UNICO,un TALISMANO MAGICO e lo snobiamo colpevolmente mentre ci autocondanniamo alla lamentela sterile infernale.LA NEMESI DIVINA?

    0
    0
  6. L’autoreferenzialita,”l’onanismo”psico politico,le strategie per occupare una posizione geometrica di centrosinistra con”scappolamento”a destra,in una territorio impoverito,devastato socialmente e destinato alla desertificazione demografica dopo quella produttiva,NON HA SENSO e rischia di riproporre i metodi della casta che ci hanno portato a questo puntoAi MESSINESI non vuole entrare nella”midudda”che senza la centralità del manufatto PONTE non c’è”spisa pi nuddu”Il valore della produzione di RICCHEZZA è misconosciuto e si punta sempre sulle elemosine di Stato che tra l’altro non arrivano più.Abbiamo un tesoro UNICO,un TALISMANO MAGICO e lo snobiamo colpevolmente mentre ci autocondanniamo alla lamentela sterile infernale.LA NEMESI DIVINA?

    0
    0
  7. A proposito di PD e autonomia del SINDACATO dalla politica. Più di altri partiti il PCI,PDS,DS,oggi PD,sono stati,sono e saranno,la meta politica dei sindacalisti,molto più remunerata,mantenendo anche i diritti contrattuali che derivano come dipendenti del sindacato. Diritti sapientemente legiferati dagli stessi politici,prima sindacalisti, come il rimborso alla UIL di Messina per il mandato elettivo del consigliere Claudio CARDILE,eletto appunto in una delle liste del PD, FELICE(calabrò)PER MESSINA,con 1.124 preferenze. Claudio CARDILE assunto dalla UIL il 24/04/2013,due mesi prima delle elezioni,ci costa,oltre l’indennità,i rimborsi per permessi non retribuiti usufruiti,nei mesi di marzo e aprile sono stati €2.693,56.TUTTO LEGITTIMO.

    0
    0
  8. A proposito di PD e autonomia del SINDACATO dalla politica. Più di altri partiti il PCI,PDS,DS,oggi PD,sono stati,sono e saranno,la meta politica dei sindacalisti,molto più remunerata,mantenendo anche i diritti contrattuali che derivano come dipendenti del sindacato. Diritti sapientemente legiferati dagli stessi politici,prima sindacalisti, come il rimborso alla UIL di Messina per il mandato elettivo del consigliere Claudio CARDILE,eletto appunto in una delle liste del PD, FELICE(calabrò)PER MESSINA,con 1.124 preferenze. Claudio CARDILE assunto dalla UIL il 24/04/2013,due mesi prima delle elezioni,ci costa,oltre l’indennità,i rimborsi per permessi non retribuiti usufruiti,nei mesi di marzo e aprile sono stati €2.693,56.TUTTO LEGITTIMO.

    0
    0
  9. D’ATTORE MA CHE DICE I CATTOCOMUNISTI DOVE SONO? VUOLE PRENDERE IN GIRO O CREDE CHE GLI ITALIANI SONO SCEMI. MORTADELLA ROGNONI GLI EX DC VIVENTI E MORTI ES. MARTINAZZOLI UNO DEI FONDATORI DEL PD CHE HA DISTRUTTO L’ITALIA SENZA DIGNITA’. I DC DI SINISTRA SECONDO LEI CHE FINE HANNO FATTO LE RISPONDO SONO ACCANTO A LEI. D’ALIA FIGLIO DI DC ED ELETTO NELLA DC ORA NEL CS. LA NIPOTE DI ANDREOTTI ASSESSORE A ROMA E’ NELLA SINISTRA CON MARINO TRA I PEGGIORI SINDACI CON PISAPIA O CHIAMATO A MILANO PISAPIPPA ZIA DEI CLANDESTINI E ZINGTARI. GIORNALI CATTOLICI E DEL VATICANO IEE POLITICHE DEL CENTROSINISTRA. COME DICONO A MILANO: “VADA A SPAZZOLARE IL MARE”. QUANDO LA MAGISTRATURA HA DISTRUTTO LA DC SUBITO LA SINISTRA E’ DIVENTATA SINISTRA DC. CHIARO?

    0
    0
  10. D’ATTORE MA CHE DICE I CATTOCOMUNISTI DOVE SONO? VUOLE PRENDERE IN GIRO O CREDE CHE GLI ITALIANI SONO SCEMI. MORTADELLA ROGNONI GLI EX DC VIVENTI E MORTI ES. MARTINAZZOLI UNO DEI FONDATORI DEL PD CHE HA DISTRUTTO L’ITALIA SENZA DIGNITA’. I DC DI SINISTRA SECONDO LEI CHE FINE HANNO FATTO LE RISPONDO SONO ACCANTO A LEI. D’ALIA FIGLIO DI DC ED ELETTO NELLA DC ORA NEL CS. LA NIPOTE DI ANDREOTTI ASSESSORE A ROMA E’ NELLA SINISTRA CON MARINO TRA I PEGGIORI SINDACI CON PISAPIA O CHIAMATO A MILANO PISAPIPPA ZIA DEI CLANDESTINI E ZINGTARI. GIORNALI CATTOLICI E DEL VATICANO IEE POLITICHE DEL CENTROSINISTRA. COME DICONO A MILANO: “VADA A SPAZZOLARE IL MARE”. QUANDO LA MAGISTRATURA HA DISTRUTTO LA DC SUBITO LA SINISTRA E’ DIVENTATA SINISTRA DC. CHIARO?

    0
    0
  11. D’ATTORE LEI HA PARLATO DI RADICAL-CHIC. LE RICORDO CHE LA DISGRAZIA DELL’ITALIETTA ATTUALE SONO PROPRIO I RADICAL-CHIC DELLA SINISTRA, COMPRESI I CATTOLICI RICCHI E SNOB. LE RICORDO CHE COLORO CHE APPARTENGONO ALLA CD “MILANO DA BERE”, OVVERO QUELLI CHE PRIMA ERANO I RUFFIANI DI CRAXI, QUANDO LA SINISTRA DELLA MAGISTRATURA (VEDASI TUTTI I PM DI MILANO CHE COLORO POLITICO HANNO), HANNO TROVATO LA LORO DEGNA CASA NEL CENTROSINISTRA O PD. DEL RESTO IL BISCHERO FIORENTINO E’ CATTOLICO (DI SINISTRA), DEGNE PERSONE CHE NON DIFENDONO PER PRIMO IL CRISTIANESIMO, ANZI. ATTACCANO COLORO CHE DIFENDONO IL CRISTIANESIMO FONTE DELLE LORO ELEZIONI. ROSY BINDI CHI E’? ED IL SILURATO DAL BISCHERO FIORENTINO MATTEO E’ EX DC. NON AVETE PIU’ LA FIDUCIA E …

    0
    0
  12. D’ATTORE LEI HA PARLATO DI RADICAL-CHIC. LE RICORDO CHE LA DISGRAZIA DELL’ITALIETTA ATTUALE SONO PROPRIO I RADICAL-CHIC DELLA SINISTRA, COMPRESI I CATTOLICI RICCHI E SNOB. LE RICORDO CHE COLORO CHE APPARTENGONO ALLA CD “MILANO DA BERE”, OVVERO QUELLI CHE PRIMA ERANO I RUFFIANI DI CRAXI, QUANDO LA SINISTRA DELLA MAGISTRATURA (VEDASI TUTTI I PM DI MILANO CHE COLORO POLITICO HANNO), HANNO TROVATO LA LORO DEGNA CASA NEL CENTROSINISTRA O PD. DEL RESTO IL BISCHERO FIORENTINO E’ CATTOLICO (DI SINISTRA), DEGNE PERSONE CHE NON DIFENDONO PER PRIMO IL CRISTIANESIMO, ANZI. ATTACCANO COLORO CHE DIFENDONO IL CRISTIANESIMO FONTE DELLE LORO ELEZIONI. ROSY BINDI CHI E’? ED IL SILURATO DAL BISCHERO FIORENTINO MATTEO E’ EX DC. NON AVETE PIU’ LA FIDUCIA E …

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007