La morte di Gheddafi: spettacolo indecente - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La morte di Gheddafi: spettacolo indecente

La morte di Gheddafi: spettacolo indecente

domenica 23 Ottobre 2011 - 15:45
La morte di Gheddafi: spettacolo indecente

Giusto o meno mostrare in tv la "condanna popolare" del colonnello?

E’ consuetudine, dopo un colpo di stato o rivoluzione che sia, uccidere il leader uscente ed esporre il cadavere alla pubblica gogna; come se si trattasse di un trofeo di caccia o pesca. Ricordiamo piazzale Loreto, quando con un macabro rituale fu esposta la salma di Benito Mussolini. Nella storia recente invece è toccato a Saddam Hussein, adesso è il turno di Muammar Gheddafi. Alcuni affermano che sia necessaria l’esposizione mediatica, come un modo per esorcizzare definitivamente il tiranno e convincere gli scettici dell’effettivo trapasso.

Nel caso di Gheddafi è stato superato il limite della decenza, la sua morte è stata spettacolarizzata oltremisura: il Rais sanguinante divelto sul cofano della jeep, poi costretto a camminare come in una sorta di Via Crucis, ed infine giustiziato. Nonostante le immagini fossero davvero forti, quasi tutti i media le hanno divulgate senza troppi scrupoli. Non voglio sindacare l’esecuzione di Gheddafi, sempre meglio di un processo-farsa come fu per Saddam; tuttavia non comprendo la necessità esporre la fasi della morte come in un reality show.

Dalle immagini e dai filmati visionati, ne vien fuori un quadro desolante: il Rais sembrava davvero un martire, e questo potrebbe fomentare l’odio tra i sostenitori del defunto leader. Adesso si parla di Libia liberata, di una nuova fase democratica che dovrebbe avviarsi nell’ex colonia italiana. Eppure l’attuale presidente del Consiglio di transizione, Jalil, non si può certo definire un liberale. L’ex ministro della Giustizia di Gheddafi, infatti, autorizzò rastrellamenti sommari contro presunti ribelli, senza alcun processo e nell’assoluta negazione della legalità. Con queste premesse non sarà semplice fondare uno stato laico e democratico, quindi il rischio di una radicale islamizzazione del Paese è concreto.

Fabrizio Vinci, vinci@usa.com

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Sono totalmente d’accordo con quanto scrive Fabrizio; aggiungo che il rischio più grande è che l’estremismo islamico possa crescere in questo favorevolissimo “brodo di cultura”.

    0
    0
  2. avete fatto bene a dire che le immagini sono state troppo cruente e poi usate l’immagine simbolo del martirio come apertura dell’articolo..quando si dice la coerenza…

    0
    0
  3. Lo stesso simbolo del martirio usato da tutti i media nazionali, i quali poi non soddisfatti, hanno approfondito mostrando la Via Crucis del Rais nella sua interezza. Ho utilizzato appositamente questa immagine per dare anche un senso figurato alle mie parole.(Fabrizio Vinci)

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007