"Una volgare riproduzione fotografica", "I matarazzari saccheggiarono Messina" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Una volgare riproduzione fotografica”, “I matarazzari saccheggiarono Messina”

“Una volgare riproduzione fotografica”, “I matarazzari saccheggiarono Messina”

mercoledì 12 Dicembre 2018 - 08:08
Rimuovete quel quadro
“Una volgare riproduzione fotografica”, “I matarazzari saccheggiarono Messina”

Sulla rimozione del quadro “Allegoria di Messina restituita alla Spagna”, che in realtà è una riproduzione dell’opera esposta al Museo del Prado, si è innescato un dibattito in seguito alla richiesta portata in sede di capigruppo dalla vicepresidente Serena Giannetto e condivisa dal presidente Cardile (leggi qui).

Su facebook l’architetto Nino Principato che negli anni scorsi ha portato avanti la battaglia scrive: “Non è un'opera d'arte, non è un quadro, non è un dipinto, è una volgarissima riproduzione fotografica di un'opera di Luca Giordano che infama e insozza la nostra città. Va subito gettata in un cassonetto dell'immondizia (rispettando i giorni e l'orario e chiamando il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti), unico luogo deputato ad accoglierla, o bruciata in un pubblico rogo in piazza Duomo, la stessa piazza dove il Bonavides rubò dal tesoro della Cattedrale 1280 pergamene che vanno dall'XI al XVII secolo, un patrimonio di cultura e tutta la nostra storia, dal valore economico incalcolabile, portandole in Spagna dove ancora adesso si trovano. Quel cesso di riproduzione rappresenta proprio questo, con i puttini che si portano i rotoli pergamenacei, per punizione nei confronti della nostra città che si era ribellata al malgoverno spagnolo nel 1674-78”.

Un lettore di Tempostretto, Giuseppe Sirone, ci scrive: “ I merli, partigiani della Spagna nel 1684, venivano soprannominati anche matarazzari , per via d' una

congiura, ordita d'accordo col Governatore Miranda, col fine diretto di acclamare re Carlo III d'Austria invece di Filippo V di Spagna. « I congiurati dovevano assaltare di notte la città e, iniziando la rivolta , svaligiare le più ricche abitazioni , avendo disposto però che per non confondere con le loro le case che dovevano essere saccheggiate, nelle proprie avrebbero esposto un materasso alla finestra» All'intento non si riuscì ed i Messinesi spagnoleggianti oltre che il titolo infamante di merli si ebbero quello di matarazzari………………cosa questa che per certi messinesi vale ancora nel 2018 “

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

  1. MessineseIncallito 12 Dicembre 2018 11:02

    Richiedere questi beni alla Spagna penso che sia un gesto importante da parte della nostra amministrazione. In altri casi l’Italia si è piegata alla volontà di stati da noi saccheggiati ed ha dovuto restituire beni che sembravano appartenerci da sempre (ad esempio la restituzione all’Etiopia della Stele di Axum).

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007