Rione Marconi, il luogo degli invisibili e dei dimenticati - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Rione Marconi, il luogo degli invisibili e dei dimenticati

Elisabetta Marcianò

Rione Marconi, il luogo degli invisibili e dei dimenticati

venerdì 11 Giugno 2021 - 08:30
Rione Marconi, il luogo degli invisibili e dei dimenticati

Marco ci racconta di continui furti, lui stesso ne ha subiti una decina. Ci racconta di notti insonni illuminate dai roghi che bruciano marciume

Rione Marconi, cuore cittadino a sud della città di Reggio Calabria. Un cuore che pulsa tra il Grande Ospedale Morelli e il viale Europa. Un cuore, però, sofferente da troppo tempo. Accompagnati, da un residente abbiamo girato tra le “palazzine” popolari e le case private registrando un degrado ai limiti della sopportazione umana. Un rione che sembra abbandonato, lasciato a se stesso. Macro discariche, sparse ovunque, impestano l’aria rendendola irrespirabile. Cumuli di rifiuti che in alcuni casi arrivano fino al primo piano. Una situazione drammatica che non lascia spazio all’immaginazione.

Il racconto di Marco

Insieme a Marco (nome di fantasia) ci muoviamo lentamente ascoltando con attenzione ogni sua parola spinta dalla disperazione e dall’angoscia. “Mi sembra di stare in un mondo a parte. Mi sento, ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, dalle forze dell’ordine. Molti di noi sono costretti a stare tutto il giorno lontano per poi rientrare, non senza paura, soltanto la sera.” – ha la voce strozzata in gola Marco, ma continua il suo racconto – “qui la delinquenza è una cosa normale. A volte penso sia l’unico posto nel mondo in cui l’illegalità è diventata legale nell’indifferenza di tuttiE mentre lo dice ci fa notare un paio di motorini che sfrecciano su e giù per la strada più grande. Ai margini del rione è presente anche la scuola elementare Ceravolo naturalmente anche vicino il suo ingresso non manca la discarica di rifiuti.

Il rione degli invisibili

Marco ci riferisce di continui furti, lui stesso ne ha subiti una decina. Ci racconta di notti insonni illuminate dai roghi che bruciano e portano nell’aria, spesso, diossina e marciume; di costruzioni abusive e di una delinquenza “serena” che non ha paura di nascondersi agli occhi delle forze dell’ordine. E ci dice che è stanco, che ha paura, che “scappa” ogni volta che può “noi residenti invochiamo continuamente l’aiuto delle istituzioni, denunciamo regolarmente tutto quello che accade, ma non cambia mai nulla da decenni. Ci sentiamo e siamo trattati come invisibili, è ora che cambi qualcosa per noi.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x