Messina. Il padre della ragazza in coma: "Grande solidarietà per Vera" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

S. Teresa. Il papà di Vera: “Dallo sconforto alla speranza: l’odissea di mia figlia, in coma da un mese”

Carmelo Caspanello

S. Teresa. Il papà di Vera: “Dallo sconforto alla speranza: l’odissea di mia figlia, in coma da un mese”

venerdì 30 Agosto 2019 - 15:00
S. Teresa. Il papà di Vera: “Dallo sconforto alla speranza: l’odissea di mia figlia, in coma da un mese”

"Le condizioni cliniche sconsigliano un ulteriore trasferimento a Messina, che non escludiamo in futuro. Grazie a tutti per averci consentito di riportarla in Italia, non mi aspettavo tanta solidarietà"

S. TERESA – “In Inghilterra è stata un’odissea. Da alcuni giorni, da quando siamo giunti alla Fondazione Poliambulanza di Brescia, si è riaccesa in noi la speranza. E’ dura. Ma sentiamo attorno a mia figlia il calore di tanta gente ed è ciò che ci dà forza. Non me l’aspettavo”.

Pippo Rigano ha la voce rotta dalla commozione. Con la moglie Maria è accanto al letto d’ospedale in cui è ricoverata Vera, la figlia 40enne in coma da un mese in seguito ad un malore che l’ha colpita mentre lavorava a Birmingham. Domenica scorsa l’appello dei genitori. La richiesta di aiuto per farla tornare in Italia, da quella terra straniera non più disposta ad assisterla nella lungodegenza. In pochi giorni Vera è arrivata a Brescia.

“Questa mattina – spiega il papà, raggiunto da Tempostretto telefonicamente – abbiamo parlato con il neurologo che sta seguendo mia figlia. Ci ha chiesto cosa intendiamo fare, come intendiamo muoverci. Qui a Brescia si sono prodigati con spirito di abnegazione, ci hanno accolti dandoci la massima disponibilità ad occuparsi del caso”.

Cosa avete deciso?

“La situazione è molto complessa. Al momento è opportuno rimanere qui, almeno per un paio di mesi. Anche in considerazione di quanto emerge dalla cartella clinica. Adesso sarebbe complicato anche un ulteriore trasferimento”.

Avete preso in considerazione l’ipotesi di portare Vera a Messina, vista la disponibilità del Centro neurolesi ad accoglierla?

“Non possiamo che ringraziare il Centro neurolesi per la disponibilità ad accogliere mia figlia e non escludiamo che in futuro Vera possa essere trasferita a Messina, dove sorge questo Centro di eccellenza. Ma al momento, ribadisco, è complicato spostarsi per una serie di motivi clinici”.

S. Teresa e l’intero hinterland hanno risposto all’appello, qui la gente è pronta ad aiutarvi ulteriormente…

“Io e il resto della mia famiglia ringraziamo quanti ci sono stati e ci sono vicini, ci hanno aiutato e pregano per Vera. Abbiamo bisogno di tante preghiere. Sinceramente non pensavo a tutto questo affetto. Ci hanno chiamati in tanti, mettendosi tutti a disposizione. Veda, in Sicilia abbiamo tanti difetti ma al momento del bisogno non ci tiriamo indietro, siamo solidali e sappiamo fare quadrato”.

Giuseppe interrompe il suo discorso. Singhiozza. E’ commosso. Ringrazia tutti, compresi l’ex sindaco di Forza d’Agrò (suo paese d’origine), Fabio di Cara e il primo cittadino di S. Teresa (dove risiede), Danilo Lo Giudice, i quali domenica scorsa hanno rilanciato attraverso i social l’appello per fare rientrare Vera in Italia. Il primo obiettivo è stato raggiunto. Ma è solo una tappa di un lungo percorso.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007