Giunta Accorinti e consiglio comunale,come nel vecchio detto: pane duro e coltello che non taglia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Giunta Accorinti e consiglio comunale,come nel vecchio detto: pane duro e coltello che non taglia

Rosaria Brancato

Giunta Accorinti e consiglio comunale,come nel vecchio detto: pane duro e coltello che non taglia

mercoledì 30 Dicembre 2015 - 23:09
Giunta Accorinti e consiglio comunale,come nel vecchio detto: pane duro e coltello che non taglia

I rapporti tra giunta e consiglio sfiorano il sado-masochismo. Se ne dicono di tutti i colori, volano piatti e insulti, ma al momento cruciale filano d'amore e d'accordo. Sono come due naufraghi su una zattera che cercano di arrivare sulla terraferma e pur desiderando che l'altro anneghi si danno una mano a stare a galla.

Se giunta e consiglio comunale fossero due coniugi che vivono sotto lo stesso tetto di Palazzo Zanca sarebbero da tempo in cura da uno psicoterapeuta per analizzare un rapporto che va oltre l’immaginabile. I due se ne dicono di tutti i colori, volano piatti e si tirano coltelli, sognano di uccidere l’altro, ma la sera finiscono con l’andare d’amore e d’accordo nel talamo nuziale. Una sorta di rapporto sado-masochistico in versione politichese.

A “salvare” il bilancio 2014 della giunta Accorinti è stata Forza Italia e quei consiglieri finiti al centro di gettonopoli e trasformopoli sui quali avevano gettato strali fino al giorno prima e che hanno fatto “catenaccio”.

Accorinti si è visto votato il consuntivo 2014 il 29 dicembre 2015 da quelli che fino a pochi minuti prima ha definito “certa gente” con toni che vanno dall’indignazione al disgusto. A loro volta i consiglieri dopo aver definito Accorinti e i suoi incapaci auspicando le dimissioni e annunciando mozioni di sfiducia, hanno approvato un consuntivo 2014 arrivato in Aula come sempre a fine tempi supplementari, quando arbitro e giocatori sono quasi negli spogliatoi. Un consuntivo 2014 reso più “digeribile” grazie ai revisori dei conti che fanno più da badanti che altro e che danno pareri nei quali dopo un elenco infinito di criticità da far accapponare la pelle, concludono con un bel sì lasciando la patata bollente all’Aula.

Per la prima volta Messina inizierà il nuovo anno in gestione provvisoria. Non sarà una passeggiata di salute, è bene dirlo. L’unico strumento finanziario approvato due giorni fa, è il consuntivo 2014, vale a dire inizieremo il 2016 con un documento finanziario sui conti di 2 anni fa. Il bilancio di previsione del 2015 ( quindi dell’anno appena concluso) è in alto mare. Ne consegue che lo strumento di sviluppo di un Comune, cioè il bilancio di previsione 2016, sui quali si dovrebbero basare spese, programmazione, speranze, NON ESISTE. Se ci va bene riusciremo ad approvare il previsionale del 2015 tra un paio di mesi. Per non parlare del Piano di riequilibrio 2/3 che si è trasformato in un gioco di ping pong.

Accorinti e Signorino in Aula, anzi in una “certa Aula” frequentata da certe gente che puzza quando passa a Forza Italia ma profuma di rose quando ti vota l’invotabile, hanno dichiarato: “il consuntivo 2014 è a cerniera tra disastro e risanamento”. Visti i tempi con i quali è approdato in consiglio è una “cerniera vintage”, un accessorio un po’ datato.

Ma torniamo alla strana coppia, che D’Alia, mettendoci dentro pure i suoi consiglieri, ha definito pane duro e coltello che non taglia.

L’amministrazione Accorinti ha provato a dare il colpo finale al consiglio, ritardando fino al limite massimo l’arrivo della delibera di bilancio e mettendo i consiglieri all’angolo: o lo approvate così com’è o lo bocciate e andate a casa. Insomma ha provato a liberarsi del coniuge ed a cacciarlo di casa. Dall’altra parte il consiglio comunale pur desiderando far fuori l’amministrazione con una mozione di sfiducia sapeva di non avere più il tempo necessario per farlo, alla luce anche di quanto avvenuto a novembre,quando la macchina per la sfiducia si è messa in moto, poi fermata dall’inchiesta su gettonopoli. Da qui un’approvazione che è stato un banco di prova per il futuro e la prova generale delle prossime puntate. I 20 sì (Forza Italia, Megafono, mezzo Dr) sono i numeri che Accorinti si troverà di fronte in futuro, quando l’Aula non sarà più con l’acqua alla gola. I consiglieri Udc erano assenti e già da tempo hanno dissotterrato l’ascia di guerra. D’Alia ha annunciato una sfiducia a fuoco lento. C’è da giurare che se per caso l’altra sera fossero mancati i numeri per approvare il bilancio i centristi si sarebbero materializzati, come già avvenuto in altre occasioni.

Quindi abbiamo da un lato un’amministrazione che detesta i consiglieri e se potesse ne farebbe volentieri a meno e un consiglio che non vede l’ora di mandare a casa la giunta. Entrambi i coniugi sono già andati all’avvocato e sanno che il matrimonio è finito e che i rispettivi armadi sono pieni di “idraulici e pasticcere” pronti a subentrare nella coppia.

Sono come due naufraghi nella stessa zattera che cercano di arrivare sulla terra ferma e, pur desiderando che uno dei due finisca disidratato o in bocca ad uno squalo, cercano di restare a galla e darsi, per quel che possibile, una mano.

Da domani Accorinti e gli assessori continueranno a disertare le commissioni, ad ignorare interrogazioni e documenti, a chiamare “questa gente” i consiglieri fino al prossimo voto su bilancio, Tasi, Tari, quando si tapperanno il naso e incasseranno i voti di Forza Italia e degli odiati genovesiani. Dall’altra parte in Aula continueranno a definire incapaci gli amministratori, a fare interrogazioni, conferenze stampa e manifesti, fino al prossimo voto su bilancio, Tasi, Tari, quando si tapperanno il naso e voteranno. Nel mezzo ci saranno tentativi reciproci per fare uscire la controparte dalla casa del Grande Fratello. Il divorzio arriverà comunque, perché i rapporti sado-maso, come è noto, non sono basati sull’amore ma solo sull’egoismo.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

16 commenti

  1. I due coniugi hanno migliaia di figli,i cittadini messinesi,che li credevano buoni genitori e si ritroveranno in collegio

    0
    0
  2. I due coniugi hanno migliaia di figli,i cittadini messinesi,che li credevano buoni genitori e si ritroveranno in collegio

    0
    0
  3. Leggerla è sempre un piacere, mescola sapientemente ironia e pura verità. I veri masochisti siamo noi cittadini che ci facciamo del male accentando la presenza di questa gente venuta dal nulla e che presto dovrà ritornarci, lasciandoci con le pezze nel di dietro e nel caos amministrativo totale. Continuiamo a volerci fare del male accettando un sindaco che sembra un barbone con la maglietta ormai logora con scritte ormai vecchie e inutili, un vice che fa il bello e cattivo tempo senza che nessuno (nemmeno Mariedit) intervenga per fermarlo. Un consiglio fatto da speranzosi che tutto resti così per poter continuare a percepire il gettone di presenza e cambiare partito ogni volta che il vento cambia.Le auguro cara Rosaria un felice nuovo anno

    0
    0
  4. Leggerla è sempre un piacere, mescola sapientemente ironia e pura verità. I veri masochisti siamo noi cittadini che ci facciamo del male accentando la presenza di questa gente venuta dal nulla e che presto dovrà ritornarci, lasciandoci con le pezze nel di dietro e nel caos amministrativo totale. Continuiamo a volerci fare del male accettando un sindaco che sembra un barbone con la maglietta ormai logora con scritte ormai vecchie e inutili, un vice che fa il bello e cattivo tempo senza che nessuno (nemmeno Mariedit) intervenga per fermarlo. Un consiglio fatto da speranzosi che tutto resti così per poter continuare a percepire il gettone di presenza e cambiare partito ogni volta che il vento cambia.Le auguro cara Rosaria un felice nuovo anno

    0
    0
  5. Concordo su tutta la linea!

    0
    0
  6. Concordo su tutta la linea!

    0
    0
  7. Il sindaco non viene accettato, bensì eletto.
    Lei continua ad ignorarlo questo fatto.
    Buone feste (siceramente) anche a lei.

    Salvatore

    0
    0
  8. Il sindaco non viene accettato, bensì eletto.
    Lei continua ad ignorarlo questo fatto.
    Buone feste (siceramente) anche a lei.

    Salvatore

    0
    0
  9. Mi auguro che nel 2016 tutti vadano nella stessa direzione se vogliamo veramente cambiare questa città. L’amministrazione sta facendo tanto in presenza di notevoli criticità prima fra tutte la macchina comunale,le partecipate e mi fermo qui. Buon 2016 a tutti e che con il nuovo anno cresca la politica del fare senza guardare il colore politico.

    0
    0
  10. Mi auguro che nel 2016 tutti vadano nella stessa direzione se vogliamo veramente cambiare questa città. L’amministrazione sta facendo tanto in presenza di notevoli criticità prima fra tutte la macchina comunale,le partecipate e mi fermo qui. Buon 2016 a tutti e che con il nuovo anno cresca la politica del fare senza guardare il colore politico.

    0
    0
  11. ha ragione la scalzo nel definirli “certa gente, ha torto nell’accettare i voti di “certa gente”, perchè vuoi o non vuoi egr.Mariedit, a questo punto sono tutti “certa gente” .

    0
    0
  12. ha ragione la scalzo nel definirli “certa gente, ha torto nell’accettare i voti di “certa gente”, perchè vuoi o non vuoi egr.Mariedit, a questo punto sono tutti “certa gente” .

    0
    0
  13. “GIOCO DELLE PARTI”, dal dizionario dei modi di dire del Corriere della Sera: il ruolo che tocca a ciascuno nelle alterne vicende della vita, con allusione agli attori che sostengono ruoli diversi in ogni diversa commedia.
    Il Consiglio e la Giunta Comunale fanno proprio il gioco delle parti e recitano diverse commedie secondo un copione ben collaudato per restare incollati alle poltrone quanto più possibile. E noi siamo e resteremo solo passivi spettatori di un’infinita serie di commedie, fino al naturale ricambio con altri attori (che seguiteranno a prenderci in giro).
    La politica è una cosa molto sporca e noi tutti dovremmo starne alla larga…

    0
    0
  14. “GIOCO DELLE PARTI”, dal dizionario dei modi di dire del Corriere della Sera: il ruolo che tocca a ciascuno nelle alterne vicende della vita, con allusione agli attori che sostengono ruoli diversi in ogni diversa commedia.
    Il Consiglio e la Giunta Comunale fanno proprio il gioco delle parti e recitano diverse commedie secondo un copione ben collaudato per restare incollati alle poltrone quanto più possibile. E noi siamo e resteremo solo passivi spettatori di un’infinita serie di commedie, fino al naturale ricambio con altri attori (che seguiteranno a prenderci in giro).
    La politica è una cosa molto sporca e noi tutti dovremmo starne alla larga…

    0
    0
  15. SoloPerTeMessina 31 Dicembre 2015 17:46

    I “botti” di fine anno, alla faccia delle ordinanze “..pì facci lavata..” emesse da autorità prive di ogni credibilità, ormai non si contano più. Tra questi, solo il nostro sindaco, la sua sindacatura, ed i consiglieri non fanno il botto: che bello sarebbe vedere il nostro primo cittadino roteare in cielo emettendo scintille non dalla bocca, con i consiglieri in parata a tirar questi mortaretti come fossero gettoni, e poi BUM…La sindacatura in fumo. Elezioni. Auguri Messinesi, buon 2016.

    0
    0
  16. SoloPerTeMessina 31 Dicembre 2015 17:46

    I “botti” di fine anno, alla faccia delle ordinanze “..pì facci lavata..” emesse da autorità prive di ogni credibilità, ormai non si contano più. Tra questi, solo il nostro sindaco, la sua sindacatura, ed i consiglieri non fanno il botto: che bello sarebbe vedere il nostro primo cittadino roteare in cielo emettendo scintille non dalla bocca, con i consiglieri in parata a tirar questi mortaretti come fossero gettoni, e poi BUM…La sindacatura in fumo. Elezioni. Auguri Messinesi, buon 2016.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007