Triscele, il dipartimento urbanistica ha depositato gli atti sulle varianti al Prg - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Triscele, il dipartimento urbanistica ha depositato gli atti sulle varianti al Prg

Triscele, il dipartimento urbanistica ha depositato gli atti sulle varianti al Prg

venerdì 13 Aprile 2012 - 13:33

Le delibere che determinano il cambio di destinazione d’uso dello stabilimento verranno pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale e nei successivi dieci giorni sarà possibile presentare opposizione e osservazioni. Poi la trasmissione al Cru

Nuovo importante passo avanti nel tentativo di risoluzione delle vertenza Triscele. Il Dipartimento di pianificazione urbanistica del Comune ha infatti depositato gli atti relativi alle varianti parziali al piano regolatore generale in merito al cambio di destinazione d’uso della superficie in cui sorge l’attuale stabilimento ex Birra Messina. Una passaggio che apre le porte alla parte finale dell’iter che consentirà alla famiglia Faranda di avviare l’operazione edilizia sull’area e successivamente delocalizzare dell’impianto.

Due le delibere del consiglio comunale che verranno depositate in libera visione al pubblico, per venti giorni consecutivi, a partire dal giorno successivo a quello della pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e presso i locali della Segreteria Generale del Comune di Messina. Si tratta della 41/C del 4 maggio 2011 sulla “variante parziale da zone B1 a zone B4c, derivante da errori materiali indicanti zone B1 ricadenti al di fuori del perimetro del piano regolatore Borzì, in contrasto con l’art.36 delle norme tecniche di attuazione del Prg” e della 80/c del 16 novembre con la quale, sulla base della sentenza del Tar del 2009, si adegua il livello di edificabilità dello stabilimento all’area degli ex Molini Gazzi.

La procedura prevede adesso che entro i successivi dieci giorni decorrenti dalla data di deposito potranno essere presentate opposizioni dai proprietari di immobili interessati o osservazioni da parte di chiunque. Superata questa fase, qualora la pratica non dovesse incorrere in ostacoli, gli atti verranno poi inviati al Cru a Palermo che entro sessanta giorni dovrà esprimersi (non vale in silenzio-assenzo) ratificando o meno le modifiche al Prg.

Tag:

2 commenti

  1. puzza di bruciato 13 Aprile 2012 21:30

    Io diffiderei ancora e non mi lascerei andare a facili trionfalismi… State vigili e non vi fate incantare, se c’è di mezzo una speculazione lucrosa difficilmente in molti rinunciano al lauto lucro!!!

    0
    0
  2. CIcciuzzoDisoccupato 14 Aprile 2012 15:48

    Cari dipendenti ma vi rendete conto che vi prende in giro? Imparate a leggere fra le righe, nella sua ultima intervista rilasciata (Faranda) alla gazzetta del sud, dice testualmente che nulla e nessuno può obbligarlo a fare nulla, finito il periodo di cassa integrazione in deroga, cioè al 31/12/2012 siete tutti licenziati, e il caro benefattore avrà in tasca qualche decina di milioni di euro in più, e con queste cifre il sentimento che tanto sbandiera va a farsi friggere MEDITATE GENTE MEDITATE!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007