I lavoratori delle ex Province in corteo a Palermo, vertice all'Ars con il presidente Ardizzone - Tempostretto

I lavoratori delle ex Province in corteo a Palermo, vertice all’Ars con il presidente Ardizzone

Francesca Stornante

I lavoratori delle ex Province in corteo a Palermo, vertice all’Ars con il presidente Ardizzone

martedì 23 Giugno 2015 - 13:54

A Palermo sciopero generale dei dipendenti delle ex Province regionali. Una manifestazione indetta dai sindacati confederali e dal Csa per chiedere al parlamento siciliano di varare subito la legge di riordino di funzioni e competenze da assegnare ai nuovi Liberi consorzi. All'Ars incontro tra sindacati e il presidente Giovanni Ardizzone.

I dipendenti delle 9 ex Province regionali oggi si sono dati appuntamento a Palermo. Una grandissimi protesta che ha visto la partecipazione di circa un migliaio di lavoratori giunti da ogni città siciliana per portare in piazza le voci di chi non ce la fa più a vivere nel tunnel dell’incertezza occupazionale creato dalle scelte politiche di un presidente della Regione che sull’affaire Province ha combinato un grande pasticcio amministrativo e burocratico che ancora oggi lascia sul filo del rasoio lavoratori e servizi.

Una manifestazione indetta dai sindacati confederali e dal coordinamento delle Rsu di tutte le province per per dire no ai tagli del governo nazionale e chiedere al parlamento siciliano di varare subito la legge di riordino di funzioni e competenze da assegnare ai nuovi Liberi consorzi, che hanno mandato in soffitta le 9 Province nell'isola con la legge di riforma approvata a marzo dello scorso dall'Ars a marzo dello scorso anno.

In piazza c’era anche Messina con il suo 70% di adesione allo sciopero per i dipendenti di Palazzo dei Leoni dove intanto continua l’occupazione a oltranza da parte dei precari che ancora aspettato la proroga dei contratti in scadenza il prossimo 30 giugno.

In corteo hanno raggiunto Palazzo dei Normanni, sede dell’Ars dove li aspettava il presidente dell’assemblea regionale Giovanni Ardizzone che già ieri aveva accolto la richiesta di incontro avanzata dai sindacati. “L’approvazione della riforma – ha affermato Ardizzone – è ineludibile, altrimenti si sciolga il Parlamento e si torni al voto”. Nella Sala Rossa di palazzo dei Normanni i rappresentanti sindacali dei lavoratori hanno fatto il punto della situazione e illustrato timori e preoccupazioni di migliaia di lavoratori siciliani.

La leader dei precari della Fp Cgil Tiziana Ruggeri ha parlato proprio del problema del precariato siciliano raccontando che in questo momento le province di Messina ed Enna sono in occupazione per chiedere norme a salvaguardia del personale precario. "Grazie per averci invitato, per aver dato ascolto a questa grande manifestazione dei lavoratori delle province indetta da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Csa, ma siamo estremamente preoccupati per la situazione che ci rappresentate. Per noi la mobilitazione continua fino a quando non avremo risposte certe su funzioni, risorse e personale." La dichiarazione della segretaria regionale Mimma Argurio ha aperto gli interventi delle organizzazioni sindacali dopo gli interventi di Ardizzone, presidente Ars, e Cracolici, del presidente I Commissione.

Ardizzone ha assunto l'impegno che domani in sede di conferenza di capigruppo il problema sarà posto all’ordine del giorno per riuscire ad arrivare all'approvazione di una legge di riforma ‎ entro il 31 luglio, affinché gli Enti possano chiudere i bilanci di previsione” racconta la segretaria della Fp Cgil messinese Clara Crocè direttamente dalla Sala Rossa. “Che senso ha mandare in dissesto le province se dobbiamo approvare una legge di riforma?” ha dichiarato il presidente dell'Ars.

"Chiediamo all'aula – dice il segretario regionale della Fp Cisl, Gigi Caracausi – di riprendere l'esame della legge Cracolici sui Liberi consorzi, naufragato per il voto d'aula che ha bocciato l'articolo 1". Della stesso avviso anche la Fp Cigl, secondo cui per consentire il funzionamento dei 9 enti siciliani al momento commissariati servirebbero almeno 30 milioni di euro. "La legge Cracolici – aggiunge il segretario regionale della Fp Cgil, Michele Palazzotto – consentirebbe di definire il problema dell'attribuzione di funzioni e competenze ai 9 nuovi Liberi consorzi e risolvere il tema del personale".

Francesca Stornante

Tag:

8 commenti

  1. NON CI DEVE ESSERE DIFFERENZA TRA IL PUBBLICO E IL PRIVATO NEL MONDO DEL LAVORO DEI CONTRATTI TUTTI DEVONO AVERE UGUALI DIRITTI E DOVERI. NON SI COMPRENDE IL MOTIVO, ANCHE SE ESISTE LA LEGGE, CHE IL SETTORE PUBBLICO E’ DESTINATO AD ESSERE PRIVILEGIATO. LA COSTITUZIONE TANTO SBANDIERATA CHE E’ LA MIGLIORE DEL MONDO, MA QUESTO E’ DA CONFERMARE, SANCISCE CHE TUTTI GLI ITALIANI SONO UGUALI. EBBENE SI INIZIA DELLA REGIONE SICILIANA. STESSO TRATTAMENTO PUBBLICO-PRIVATO

    0
    0
  2. NON CI DEVE ESSERE DIFFERENZA TRA IL PUBBLICO E IL PRIVATO NEL MONDO DEL LAVORO DEI CONTRATTI TUTTI DEVONO AVERE UGUALI DIRITTI E DOVERI. NON SI COMPRENDE IL MOTIVO, ANCHE SE ESISTE LA LEGGE, CHE IL SETTORE PUBBLICO E’ DESTINATO AD ESSERE PRIVILEGIATO. LA COSTITUZIONE TANTO SBANDIERATA CHE E’ LA MIGLIORE DEL MONDO, MA QUESTO E’ DA CONFERMARE, SANCISCE CHE TUTTI GLI ITALIANI SONO UGUALI. EBBENE SI INIZIA DELLA REGIONE SICILIANA. STESSO TRATTAMENTO PUBBLICO-PRIVATO

    0
    0
  3. LA COLPA E’ DEL BISCHERO BOY SCOUT. QUANDO PROPONE LEGGI O ALTRO IL SUO NASO DIVENTA PIU’ LUNGO DEL SUO CORREGIONALE PINOCCHIO DI COLLODI. QUESTO BISCHERO PRIMA DI INIZIARE A SMANTELLARE, DEVE PRIMA PIANIFICARE CIO’ CHE STA “EVACUANDO” DALLA SUA BOCCA AI SUOI SCEMI E BABBEI ELETTORI. POI, AVENDO GIA’ PREPARATO LE PROCEDURE DI INGLOBAMENTO DI SERVIZI E PERSONALE, SBANDIERA LE “PINOCCHIATE” E FANFARONATE (TERMINE RARO), DELLE SUE CRETINATE IDEE. NON PUO’ SMANTELLARE E LASCIARE SENZA UN PROGETTO O ORGANIGRAMMA DI NUOVE SEDI E SERVIZI, IMPONENDO AD ALTRI ENTI DI ASSUMERLI. IL BISCHERO E’ IL CLASSICO VIZIATO “IMMATURO” BAMBINO CHE TROVA LA PORTA APERTA DELLA PASTICCERIA PRESO DALL’EUFORIA MANGIA TUTTO SENZA LIMITI. LA CGIL HA VOLUTO QUESTO

    0
    0
  4. LA COLPA E’ DEL BISCHERO BOY SCOUT. QUANDO PROPONE LEGGI O ALTRO IL SUO NASO DIVENTA PIU’ LUNGO DEL SUO CORREGIONALE PINOCCHIO DI COLLODI. QUESTO BISCHERO PRIMA DI INIZIARE A SMANTELLARE, DEVE PRIMA PIANIFICARE CIO’ CHE STA “EVACUANDO” DALLA SUA BOCCA AI SUOI SCEMI E BABBEI ELETTORI. POI, AVENDO GIA’ PREPARATO LE PROCEDURE DI INGLOBAMENTO DI SERVIZI E PERSONALE, SBANDIERA LE “PINOCCHIATE” E FANFARONATE (TERMINE RARO), DELLE SUE CRETINATE IDEE. NON PUO’ SMANTELLARE E LASCIARE SENZA UN PROGETTO O ORGANIGRAMMA DI NUOVE SEDI E SERVIZI, IMPONENDO AD ALTRI ENTI DI ASSUMERLI. IL BISCHERO E’ IL CLASSICO VIZIATO “IMMATURO” BAMBINO CHE TROVA LA PORTA APERTA DELLA PASTICCERIA PRESO DALL’EUFORIA MANGIA TUTTO SENZA LIMITI. LA CGIL HA VOLUTO QUESTO

    0
    0
  5. tempostrettissimo 24 Giugno 2015 06:23

    ieri ero a Palermo ed ho visto il corteo…erano almeno più di tremila.
    In effetti c’è da chiedersi seriamente come potranno essere garantiti i servizi di competenza delle province se queste non vengono al più presto riformate.
    I lavoratori delle province svolgono un lavoro importante il problema è che non viene evidenziato.
    Poi come al solito bisogna vigilare, come dovunque, che non vi siano comportamenti illegali

    0
    0
  6. tempostrettissimo 24 Giugno 2015 06:23

    ieri ero a Palermo ed ho visto il corteo…erano almeno più di tremila.
    In effetti c’è da chiedersi seriamente come potranno essere garantiti i servizi di competenza delle province se queste non vengono al più presto riformate.
    I lavoratori delle province svolgono un lavoro importante il problema è che non viene evidenziato.
    Poi come al solito bisogna vigilare, come dovunque, che non vi siano comportamenti illegali

    0
    0
  7. cammellinodipeluche 24 Giugno 2015 06:27

    ….anche nel pagare le tasse? nell’evasione fiscale? …..

    0
    0
  8. cammellinodipeluche 24 Giugno 2015 06:27

    ….anche nel pagare le tasse? nell’evasione fiscale? …..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007