Scontro sulla liquidazione Atm, sindacati: "Abbassare i toni e tutelare i lavoratori" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Scontro sulla liquidazione Atm, sindacati: “Abbassare i toni e tutelare i lavoratori”

Francesca Stornante

Scontro sulla liquidazione Atm, sindacati: “Abbassare i toni e tutelare i lavoratori”

martedì 03 Marzo 2020 - 13:40
Scontro sulla liquidazione Atm, sindacati: “Abbassare i toni e tutelare i lavoratori”

Filt Cgil, Uiltrasporti e Cub lanciano un appello dopo lo scontro che si è aperto tra liquidatori e Centro per l'Impiego. La strada rischia di farsi sempre più un salita

Liquidazione Atm, futuro dei 461 lavoratori, passaggio di consegne tra vecchia e nuova Atm fissata al prossimo 31 marzo. Nel mezzo, lo scontro che si è aperto ieri tra i liquidatori e il Centro per l’Impiego di Messina. Un appello arriva però dai sindacati: «Si abbassino i toni mettendo al centro solo le tutele dei lavoratori». A dirlo sono Filt Cgil, Uiltrasporti e Cub trasporti.

L’appello dei sindacati

Per i sindacati adesso è indispensabile procedere all’integrazione nel Contratto di Servizio della nuova Atm. Serve uno specifico articolo che preveda la Clausola di Salvaguardia e poi concludere il percorso al Centro dell’Impiego.

Un appello che parte dopo lo scambio di note di questi ultimi giorni tra Centro per l’Impiego, liquidatori e nuova Atm spa. A scatenare lo scontro l’azione messa in campo dal dirigente del Centro per l’Impiego. Gaetano Sciacca che ha chiesto un parere all’Avvocatura distrettuale di Stato sulle procedure di liquidazione avviate e su licenziamento e transito dei lavoratori.

Liquidazione in salita?

«Auspichiamo che il confronto proceda in sede protetta con le massime garanzie. Reputiamo che sia interesse comune a tutte le parti in causa agire nel perimetro della normativa a tutela dei lavoratori. Ma anche a salvaguardia futura delle stesse aziende Atm in liquidazione e Atm spa che hanno necessità e interesse a procedere nell’avvio del servizio. Così come a tutelarsi da ogni possibile contenzioso derivante da eventuali errori procedurali di questa delicata fase» dicono i segretari di Filt Cgil, Uiltrasporti e Cui Trasporti.

I sindacati ricordano che tutte le organizzazioni sindacali hanno deputato il Centro dell’impiego quale sede protetta più idonea. Così come previsto dalla legge 223/91, per la definizione del percorso di transito dei 461 dipendenti. E sono convinti che si deve procedere in tal senso, senza alzare i toni o creare conflitti di competenze, ma con il buon senso di tutte le parti.

Licenziamento e tutele per i lavoratori

«Siamo convinti che da parte di Atm in liquidazione e di Atm Spa ci siano i migliori intendimenti nella garanzia occupazionale, e crediamo sia atto obbligato del Centro dell’impiego procedere accertando ogni plausibile quesito procedurale e normativo che è stato posto in sede di incontro.

In queste ore anche il Consiglio Comunale è stato chiamato in causa per porre i presupposti di garanzia nel transito dei lavoratori – concludono Cgil Uil Cub. Ribadiamo che, in base alla normativa di legge relativa al settore del trasporto pubblico Locale ed in riferimento alla procedura di licenziamento collettivo avviata con legge 223/91, sia strumento indispensabile l’introduzione ad integrazione del Contratto di servizio votato lo scorso ‪30 dicembre‬ di un articolo che preveda una clausola di salvaguardia specifica a tutela dei livelli occupazionali e a fini sociali.

Così come disposto dalle misure delle delibere dell’Autorità di Regolamentazione dei trasporti per tutte le aziende negli affidamenti pubblici e privati. In mancanza di ciò o il ricorso ad altri strumenti o percorsi contrattuali alternativi si porrebbero gravi rischi alle tutele dei lavoratori e anche alle stesse aziende, eventualità che siamo certo nessuno si augura».

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007