Due ragazzi messinesi inventano il “Google Maps” del cibo italiano all'estero - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Due ragazzi messinesi inventano il “Google Maps” del cibo italiano all’estero

Due ragazzi messinesi inventano il “Google Maps” del cibo italiano all’estero

martedì 02 Ottobre 2018 - 06:08
Due ragazzi messinesi inventano il “Google Maps” del cibo italiano all’estero

L’app, lanciata oggi negli store per iPhone e Android, permette di trovare prodotti italiani autentici nei negozi di tutto il mondo, con pochi clic sullo smartphone. Gli artefici sono Ivano Rotondo (28 anni) e Gaetano Biondo (30)

Durante le loro esperienze da “cervelli in fuga”, rispettivamente in Spagna e Svizzera, Ivano e Gaetano avevano sentito la mancanza ​sì dei loro cari e della loro città, ma soprattutto del “vero” caffè, della “vera” mozzarella e, perché no, anche della ricotta infornata​, dell'olio di casa e di un buon bicchiere di Malvasia. Tornati in Italia, i due ragazzi messinesi hanno deciso che avrebbero trovato una soluzione ​a quello che è un po' il problema di tutti i nostri connazionali che si trovano all'estero, e di tutti gli amanti dei prodotti agroalimentari del nostro Paese: trovare cibo italiano autentico e di qualità, oltre i nostri confini, sugli scaffalidei supermercati.

E, grazie al loro talento negli ambiti dello sviluppo di applicazioni e del marketing, e alle competenze di altre tre persone che si sono unite alla “battaglia”, questa soluzione l'hanno trovata, e da oggi è gratuitamente scaricabile ​da tutti, in versione beta, su Play Store e App Store: si chiama MammaItalia, ed è la prima app che indica in quali negozi, nel Mondo, è possibile trovare e acquistare sapori e marchi italiani al 100%.

Oltre a essere un veicolo di “sopravvivenza” per chi è all'estero per turismo, studio o lavoro, MammaItalia è quindi uno strumento che aiuta gli stranieri ​che amano il nostro cibo, oltre 1,2 miliardi di persone nel globo, a distinguere i veri prodotti italiani dalle contraffazioni​, il cui giro d'affari annuale, secondo Federalimentare, si aggira intorno ai 60 miliardi di euro.

COME FUNZIONA

Dopo averne digitato il nome (MammaItalia) sullo store del nostro smartphone e averla installata gratuitamente, l'app si presenta come un vero e proprio motore di ricerca ​del cibo taliano: basta scrivere il nome di un prodotto ​(es. “Passata di pomodoro”) o selezionare una categoria (es. “Latticini e Formaggi”) per far comparire gli articoli presenti nelle vicinanze, e una mappa che ci segnala in quali negozi ​è possibile reperirli, la loro posizione e il loro indirizzo, oltreché la distanza dal punto in cui ci troviamo. MammaItalia, inoltre, permette di esplorare tutto l'assortimento dei rivenditori ​di cibo italiano intorno a noi, per ricercare tipologie e varietà di prodotti a cui non avevamo ancora pensato, nonché di scoprire le ricette per poterli cucinare ​come tradizione comanda.

E se non ci fossero negozi ​che propongono prodotti italiani, nella porzione di Mondo in cui ci troviamo? MammaItalia ci indica gli e-shop che spediscono nel luogo in cui siamo​, facilitandoci l'acquisto online dei sapori del nostro Paese.

LA COMMUNITY

Se un prodotto che cerchiamo non fosse disponibile neanche sugli e-shop, o se la presenza di una leccornia nostrana non fosse tracciata dall'app, la funzione “Segnalazioni”​ci permette di comunicarla agli altri utenti tramite un semplice messaggio WhatsApp​. Unendosi alla community di MammaItalia su Facebook e Instagram, poi, sarà possibile entrare in contatto con gli italian food lovers e conoscere curiosità su prodotti e produttori, personaggi e storie che hanno reso grande nel mondo la gastronomia del nostro Paese, e condividere ulteriori consigli culinari e ricette che verranno valutate e inserite sull'app.

Anche lontani da casa, da buoni connazionali, bisogna darsi una mano e, perché no, portare gli stranieri a conoscere gli straordinari, autentici sapori italiani.

L'app, che si trova in una versione iniziale di lancio (“beta”, in gergo tecnico), segnala, al momento, esclusivamente il cibo nostrano presente sugli scaffali delle grandi città europee maggiormente popolate da italiani: Londra, Parigi, Berlino, Madrid e Barcellona​.

GLI IDEATORI

L'intuizione e il lavoro di Ivano Rotondo e Gaetano Biondo, oggi impegnati rispettivamente come sviluppatore app e responsabile marketing a Barcellona e Lugano, sono stati condivisi, fin dall'inizio, da altri professionisti di talento: I pugliesi Luca Marmo (commerciale) e Claudio Vitale (marketing), nonché la molisana Caterina Diglio (finanze), anch'essi co-fondatori di MammaItalia.

L'introduzione di MammaItalia è volta anche a rafforzare la promozione dell'export agroalimentare italiano (e quindi pure siciliano), comparto che vede impegnati oltre 27.000 aziende produttrici nello Stivale. L'inserimento sull'app dei propri prodotti oggetto di esportazione all'estero è, infatti, gratuito.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007