Parcheggio selvaggio in via Brasile e viale della Libertà. E il traffico impazzisce - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Parcheggio selvaggio in via Brasile e viale della Libertà. E il traffico impazzisce

Parcheggio selvaggio in via Brasile e viale della Libertà. E il traffico impazzisce

giovedì 18 Settembre 2014 - 07:52
Parcheggio selvaggio in via Brasile e viale della Libertà. E il traffico impazzisce

Un’unica corsia a salire dal viale della Libertà verso via Brasile e spesso occupata dalle auto in sosta nonostante il divieto di fermata. Sul viale della Libertà corsie ridotte da due a una. I Democratici Riformisti chiedono maggiori controlli da parte della Polizia Municipale

L’ arrivo del mese di settembre come ogni anno a Messina porta alla luce problematiche ancora da anni irrisolte. L’inizio delle scuole ed il conseguente aumento del traffico veicolare nelle arterie principali della città fanno risaltare i numerosi problemi di viabilità presenti nel nostro Comune.

Il vicepresidente del Consiglio comunale, Nino Interdonato, il vicepresidente della V circoscrizione, Franco Laimo, ed il responsabile del Circolo dei Democratici Riformisti, Orazio Polimeni, chiedono un intervento urgente all’Amministrazione comunale per la regolarizzazione viaria della Via Brasile.

Chi percorre il Viale della Libertà e desidera svoltare all’incrocio di Via Brasile, per raggiungere la circonvallazione o il rione di San Licandro Basso, avendo a disposizione solo una corsia, giornalmente si imbatte in autovetture parcheggiate all’interno della stessa corsia in divieto di fermata.

La conseguenza sono le code e la congestione dell’intera zona. I Democratici Riformisti chiedono allora di rafforzare i controlli da parte della Polizia Municipale, per sanzionare la sosta irregolare e consentire un regolare deflusso.
Anche in viale della Libertà, aggiungiamo noi, il costante parcheggio in doppia fila riduce le corsie da due a una, facendo aumentare il traffico. La solita mancanza di rispetto nei confronti degli altri.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. purtroppo non si conosce il bene comune, sicuramente a loro volta i conducenti di quelle auto parcheggiate che occupano la corsia o in doppia fila si troveranno nella stessa situazione! la convivenza civile e il rispetto delle regole sicuramente fa sentire tutti meglio, ma tutto questo ancora deve avvenire perché certe brutte abitudini sono come se fossero stati innestati nel dna di ogni persona!

    0
    0
  2. purtroppo non si conosce il bene comune, sicuramente a loro volta i conducenti di quelle auto parcheggiate che occupano la corsia o in doppia fila si troveranno nella stessa situazione! la convivenza civile e il rispetto delle regole sicuramente fa sentire tutti meglio, ma tutto questo ancora deve avvenire perché certe brutte abitudini sono come se fossero stati innestati nel dna di ogni persona!

    0
    0
  3. L’inciviltà in questa città regna ormai sovrana in qualsiasi strada. L’eye-scout dovrebbe essere usato ovunque, ma soprattutto impegnare i vigili nello scoraggiamento di queste azioni che giudicare irrispettose è blando.

    Il messinese vuole essere giudicato bene e rispettato ma è il primo che non rispetta l’ambiente in cui vive trattandolo veramente male.

    0
    0
  4. L’inciviltà in questa città regna ormai sovrana in qualsiasi strada. L’eye-scout dovrebbe essere usato ovunque, ma soprattutto impegnare i vigili nello scoraggiamento di queste azioni che giudicare irrispettose è blando.

    Il messinese vuole essere giudicato bene e rispettato ma è il primo che non rispetta l’ambiente in cui vive trattandolo veramente male.

    0
    0
  5. Sempre la stessa storia. Questa città è in preda alla più totale mancanza di educazione, pedoni compresi. E’ frutto di un degrado mentale e sociale preoccupante, che sfocerà nel caos totale. I messinesi lasciano le loro odiose macchine ovunque, non avendo alcuna preoccupazione nei riguardi di chi deve transitare lungo le strade, magari perché ha la sede di lavoro o di studio in zone diametralmente opposte a quelle dove si abita. In questa città c’è un traffico degno di Roma capitale. Solo che lì è giustificato dai milioni di persone che ci vivono, qui invece ci sono solo circa 300.000 cafoni che pensano solo ed esclusivamente a se stessi e che credono pure di avere ragione. Ormai circolare è un delirio: non c’è solo la sosta selvaggia, c’è anche l’attraversamento selvaggio, con gente che ti sbuca da tutti gli angoli senza preavviso e con l’illuminazione delle vie che sta progressivamente diminuendo in alcune zone. Serve repressione pura, senza alcuna forma di esitazione o distinzione: chi commette infrazioni e ostruisce il traffico deve pagare e basta. Così magari imparerà a essere più civile. E invece il Comune cosa fa? Ci riempie di inutili ausiliari del traffico che ti multano se arrivi con un semplice quarto d’ora di ritardo sul gratta e sosta, ma poi delle soste in doppia fila ovunque non se ne infischia nessuno. E’ una città falsa, ipocrita e idiota, che merita di sprofondare ben oltre il disastro verso cui sta andando. Qui le persone non hanno il cervello, vivono solo allo stato brado e nell’arroganza più totale. Messinesi: gente da cui stare alla larga.

    0
    0
  6. Sempre la stessa storia. Questa città è in preda alla più totale mancanza di educazione, pedoni compresi. E’ frutto di un degrado mentale e sociale preoccupante, che sfocerà nel caos totale. I messinesi lasciano le loro odiose macchine ovunque, non avendo alcuna preoccupazione nei riguardi di chi deve transitare lungo le strade, magari perché ha la sede di lavoro o di studio in zone diametralmente opposte a quelle dove si abita. In questa città c’è un traffico degno di Roma capitale. Solo che lì è giustificato dai milioni di persone che ci vivono, qui invece ci sono solo circa 300.000 cafoni che pensano solo ed esclusivamente a se stessi e che credono pure di avere ragione. Ormai circolare è un delirio: non c’è solo la sosta selvaggia, c’è anche l’attraversamento selvaggio, con gente che ti sbuca da tutti gli angoli senza preavviso e con l’illuminazione delle vie che sta progressivamente diminuendo in alcune zone. Serve repressione pura, senza alcuna forma di esitazione o distinzione: chi commette infrazioni e ostruisce il traffico deve pagare e basta. Così magari imparerà a essere più civile. E invece il Comune cosa fa? Ci riempie di inutili ausiliari del traffico che ti multano se arrivi con un semplice quarto d’ora di ritardo sul gratta e sosta, ma poi delle soste in doppia fila ovunque non se ne infischia nessuno. E’ una città falsa, ipocrita e idiota, che merita di sprofondare ben oltre il disastro verso cui sta andando. Qui le persone non hanno il cervello, vivono solo allo stato brado e nell’arroganza più totale. Messinesi: gente da cui stare alla larga.

    0
    0
  7. non ci sono parcheggi questo è il vero problema ! Vado a comprare le sigarette e voglio il parcheggio davanti al tabacchino, vado in pasticceria a comprare u cannolu e voglio il parcheggio davanti la pasticceria . Praticamente voglio una piazza per paracheggiare davanti ogni esercizio commerciale . E non posso certo farmi un pò di strada a piedi , sarebbe un attentato alla circonferenza della mia panza dopo anni di faticoso allenamento alla pigrizia . Se poi l’ambulanza fa tardi a soccorere un ferito perchè ho messo la macchina in doppia fila, finchè capita agli altri che me ne frega .Al nord sono freddi e razzisti invece qua siamo generosi e altruisti pensiamo sempre agli altri e al bene comune .

    0
    0
  8. non ci sono parcheggi questo è il vero problema ! Vado a comprare le sigarette e voglio il parcheggio davanti al tabacchino, vado in pasticceria a comprare u cannolu e voglio il parcheggio davanti la pasticceria . Praticamente voglio una piazza per paracheggiare davanti ogni esercizio commerciale . E non posso certo farmi un pò di strada a piedi , sarebbe un attentato alla circonferenza della mia panza dopo anni di faticoso allenamento alla pigrizia . Se poi l’ambulanza fa tardi a soccorere un ferito perchè ho messo la macchina in doppia fila, finchè capita agli altri che me ne frega .Al nord sono freddi e razzisti invece qua siamo generosi e altruisti pensiamo sempre agli altri e al bene comune .

    0
    0
  9. sono pienamente d’accordo con lei solo che qui per rimettere ordine con i vigili urbani non ci fai niente, ci vorrebbero le SS .Ma questa è solo un sogno , quindi la cosa migliore da fare è stare alla larga il più possibile da questa città .

    0
    0
  10. sono pienamente d’accordo con lei solo che qui per rimettere ordine con i vigili urbani non ci fai niente, ci vorrebbero le SS .Ma questa è solo un sogno , quindi la cosa migliore da fare è stare alla larga il più possibile da questa città .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007