Due gabbie nelle zone di San Licandro e San Jachiddu per catturare i cinghiali - Tempo Stretto

Due gabbie nelle zone di San Licandro e San Jachiddu per catturare i cinghiali

Due gabbie nelle zone di San Licandro e San Jachiddu per catturare i cinghiali

lunedì 17 Dicembre 2018 - 11:45
La soluzione
Due gabbie nelle zone di San Licandro e San Jachiddu per catturare i cinghiali

E’ stato dato oggi il via alle operazioni per risolvere il problema dei cinghiali nelle zone di San Licandro e San Jachiddu. Per superare quella che nel tempo è diventata una vera e propria emergenza, sono state posizionate due gabbie per consentire la cattura e il trasferimento dei cinghiali nelle aree di Contrada Calderara sui monti Peloritani.

Qui gli animali saranno sottoposti a controllo sanitario per poi stabilire il loro futuro. Gli interventi sono stati coordinati dalla Polizia metropolitana coadiuvata dalla Polizia municipale per la gestione della sicurezza delle aree interessate, mentre i dipendenti del Corpo Forestale hanno collaborato al posizionamento delle gabbie.

“Nonostante siano passati circa quattro mesi dall’emissione dell’ordinanza urgente del sindaco De Luca – ha sottolineato l’assessore con delega alla Dimora degli Animali Massimiliano Minutoli – si sono dovute affrontare tutte le questioni legate all’aspetto normativo delle leggi, quella nazionale n. 157 del 1992 e la regionale n. 33 del 1997, relative al problema del personale da impiegare e ai censimenti che dovevano essere avallati dall’ISPRA, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Abbiamo prodotto gli atti propedeutici affinché tutto venisse svolto nell’assoluta regolarità e nel rispetto delle leggi, partecipando ai tavoli tecnici anche a Palermo, al fine di affrontare sinergicamente la questione non essendo contemplata dall’aspetto normativo in quanto la presenza di cinghiali in ambito urbano era da gestire soltanto con l’ordinanza contigibile urgente come suggerito dall’ISPRA e così si è fatto”.

Tag:

Un commento

  1. Che vergogna… Siamo prigionieri di questa ottusa burocrazia che nulla fa per i cittadini se non vessarli di continuo.
    A certi individui, poi, consiglio di far passeggiare il cane la sera, al buio, con l’angoscia di venire attaccati…
    Questa Italia fa schifo ma la nostra Sicilia è al primo posto per invivibilità…. E tra tutte le città siciliane, Messina brilla particolarmente in questa situazione di degrado totale.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007