Senso civico, questo sconosciuto. Quando il parcheggio è "artistico" (FOTO) - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Senso civico, questo sconosciuto. Quando il parcheggio è “artistico” (FOTO)

Emma De Maria

Senso civico, questo sconosciuto. Quando il parcheggio è “artistico” (FOTO)

martedì 22 Ottobre 2013 - 18:38
Senso civico, questo sconosciuto. Quando il parcheggio è “artistico” (FOTO)

La deprecabile abitudine di abbandonare in sosta vietata il proprio mezzo a quattro ruote non conosce remore neppure quando, pur di parcheggiare comodamente a pochi passi dalla propria destinazione, non ci si cura di invadere il percorso destinato a non vedenti forniti di bastone bianco o cane guida. Un’arte contemporanea, tutta messinese, che potremmo ribattezzare esaustivamente col nome di “Tanto me ne frego”. Queste le immagini pervenute attraverso WhatsApp al 392.8954421.

Italiani, popolo di santi, poeti e navigatori.

Una locuzione celebre passata alla storia che, almeno nelle intenzioni, avrebbe dovuto raccogliere e compendiare il meglio dell’essenza italica.

Negli anni però costumi ed attitudini degli italiani hanno subito un profondo mutamento e con essi anche la popolare espressione, divenuta oggetto di rimaneggiamenti sarcastici che non fanno certamente onore al comune sentire.

Una metamorfosi che ha trasfigurato l’appartenenza ad una nazionalità ammirata nel mondo, perché portatrice di scienza e cultura, a sintesi e tripudio di maleducazione ed inciviltà.

Luoghi comuni ingiustificati? Forse.

Aggirandosi tra le strade e le vie della città dello Stretto però, nulla di ciò che lo sguardo di un attento osservatore abbraccia è in grado di smentire e confutare la disonorevole etichetta di popolo incivile, arrogante e maleducato.

Le immagini, pervenute in redazione attraverso WhatsApp al numero 392.8954421, testimoniano come il traffico veicolare messinese non possa che rappresentare un ulteriore conferma di un dato quasi incontrovertibile.

Iniziamo dal Viale Europa.

La corsia a due carreggiate, attraverso la quale è possibile immettersi nel traffico veicolare a scorrimento veloce della rotatoria che interseca via Catania, si trasforma, anche diverse per ore, in area di sosta improvvisata, in barba ad ogni elementare regola di convivenza civile.

Assenza di senso civico che non risparmia neppure il centro storico, cuore della città.

Sono i pressi di piazza Antonello, a due passi dai palazzi delle istituzioni cittadine, i luoghi nei quali gli automobilisti messinesi, paradossalmente, osano di più.

Senza nessun di timore reverenziale, rispetto a possibili sanzioni legate al mancato rispetto delle normativa veicolare, qualche automobilista giunge persino a parcheggiare la propria auto al centro del marciapiede antistante l’uscita dell’istituto scientifico Giuseppe Seguenza.

Mentre le auto regolarmente parcheggiate costeggiano lo spazio destinato al transito pedonale, l’auto del nostro incivile concittadino, una Fiat Panda blu, rimane comodamente custodita tra il muro del plesso scolastico e le auto in sosta, riducendo così la porzione di calpestabile destinata esclusivamente ai pedoni.

Analoga situazione nei pressi di via Crisafulli: anche in questo caso una Fiat Panda invade completamente l’area pedonale in palese violazione del codice della strada.

Stesso scenario in prossimità della trafficata intersezione tra via Tommaso Cannizzaro e viale Italia, qui la “fantasia” dei messinesi è destinata a sorprenderci ancora.

Una Nissan Micra grigia invade la porzione di marciapiede nel punto di congiunzione tra due differenti sezioni di transito, sbarrando di fatto il cammino dei pedoni “imprigionati” tra auto regolarmente in sosta ed edificio antistante.

La deprecabile abitudine di abbandonare in sosta vietata il proprio mezzo a quattro ruote non conosce remore neppure quando, pur di parcheggiare comodamente a pochi passi dalla propria destinazione, non ci si cura di invadere il percorso destinato a non vedenti forniti di bastone bianco o cane guida.

Via Maddalena, ad invadere la banchina pedonale questa volta una Porche grigia lasciata con noncuranza e presunzione ad occupare marciapiede ed incrocio stradale, anche in questo caso senza alcun rispetto per le necessità di anziani, diversamente abili e genitori con bambini.

Un’arte contemporanea, tutta messinese, che potremmo ribattezzare esaustivamente col nome di “Tanto me ne frego”.

Una corrente di pensiero che in via Luciano Manara, angolo viale San Martino, si è manifestata in tutta la propria espressività.

A bloccare il traffico veicolare, occupando un’abbondante porzione di strada, un Fiat punto grigio scuro abbandonata in sosta vietata, in spregio delle più elementari e basiche regole del vivere civile.

Destinati a garantire ai pedoni la possibilità di poter transitare in sicurezza lungo le arterie cittadine, evitando le insidie ed i pericoli derivanti da una sconsigliabile promiscuità con le auto in transito, i marciapiedi negli anni si sono trasformati “de facto” in un prolungamento forzoso del manto stradale.

Il risultato, prodotto da questa malcelata assenza di senso civico, si commenta da sé ed è esaustivamente documentato dalle immagini pervenute in redazione.

(Emma De Maria)

Continuate a inviare le vostre segnalazioni su WhatsApp. Per inviare foto e video sarà necessario inserire il nostro numero di telefono dedicato a questo servizio, 392.8954421, nella propria rubrica dello smartphone o del tablet. Il numero di telefono non è abilitato alla ricezione di sms o telefonate per cui deve essere utilizzato esclusivamente per l'invio tramite l'applicazione WhatsApp.</

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. l’incivilta è unica a messina da primo posto in’Italia….
    la carenza e la bpntà di polizia municipale forze dell’ordine ecc portano questi risultati… macchine in doppia e tripla fila, parcheggi astratti ecc
    fare la multa non significa essere cattivi ma educare il cittadino che ormai vive in piena anarchia.

    0
    0
  2. L’ho sempre detto, le sanzioni aiutano chi non vuol sentire a non ripetere l’errore. Purteoppo quì si tollera tutto anche l’intollerabile ….

    0
    0
  3. POI FANNO LE MULTE AI SPOSINI CHE METTONO UN CARTELLONE SCHERZOSO…QUESTA E’ MESSINA!!!

    0
    0
  4. In una Città dove manca l’Educazione Civica come si può pretendere che ci sia anche l’Educazione Stradale? E’ chiaro che mancano i vigili ma questa è una scusa per coprire la maleducazione e il provincialismo dei messinesi.
    Quello che manca è la repressione, quella seria, che non si deve basare solo sulla semplice multa, che potrebbe servire da primo ammonimento, ma se si continua nel commettere il fatto, ci vorrebbe la sospensione della patente, per un certo periodo, e il fermo del mezzo con il ceppo! Per chi fa inversioni ad “U”, chi svolta dove non è previsto o compie atti che vanno contro il Codice della Strada, in base alla loro gravità, oltre la sospensione della patente, prevedere anche il rifacimento degli esami.
    Basta veramente molto poco!

    0
    0
  5. TOLLERANZA ZERO… sguinzagliate i carrattrezzi!!!
    I Carrattrezzi sono fonte di soldi e di pulizia urbana!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x