Taormina. E il teatro antico si trasforma per una notte in Castel Sant'angelo grazie alla Tosca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taormina. E il teatro antico si trasforma per una notte in Castel Sant’angelo grazie alla Tosca

Taormina. E il teatro antico si trasforma per una notte in Castel Sant’angelo grazie alla Tosca

mercoledì 10 Agosto 2016 - 06:32
Taormina. E il teatro antico si trasforma per una notte in Castel Sant’angelo grazie alla Tosca

Un’opera all'insegna della tradizione. Tutti in piedi ad applaudire quando il direttore d’orchestra Alessandro Cedrone, scandisce ancora le ultime note del capolavoro di Puccini. Soddisfazione è stata espressa dal direttore artistico, Davide Dellisanti

Il Teatro Antico di Taormina si trasforma, per una notte, in Castel Sant'Angelo grazie alla "Tosca" proposta dal "Taormina opera stars", dell'associazione Aldebaran presieduta da Maurizio Gullotta. Un’opera da applausi, all'insegna della tradizione. Tutti in piedi ad applaudire quando il direttore d’orchestra Alessandro Cedrone, scandisce ancora le ultime note del capolavoro di Puccini. Soddisfazione è stata espressa dal direttore artistico, Davide Dellisanti. Il ruolo di Angelotti è stato interpretato dal basso Munkyu Park, voce profonda ricca di armonici. Il sagrestano è stato interpretato dal basso Dante Muro, che ha dimostrato una padronanza scenica tipica di un grande attore, accompagnato da una voce facile in acuto. Brillante il Cavaradossi di Domenico Menini che grazie a musicalità e padronanza tecnica ha reso il personaggio virile e allo stesso tempo romantico. Lo Scarpia di Andrea Carnevale è stato imponente già dalle prime note entrando nel ruolo con voce autoritaria e voluminosa che sovrasta l'orchestra con facilità mantenendo una dizione tipica del canto all'italiana del passato.

La Tosca di Rossana Cardia ha avuto mille sfaccettature: donna gelosa, innamorata, devota e mai rassegnata che combatte fino all'ultimo. Voce questa dal timbro caldo e di infinite possibilità e dinamiche che vive il personaggio da grande attrice emozionandosi ed emozionando. Lo Spoletta di Gianni Locorotondo è una voce di tenore drammatico di qualità ed ha dimostrato inoltre ottima presenza scenica. Brava anche Carmen Maggiore, il pastorello. L'orchestra del "Taormina Opera Stars" ha interpretato al meglio l'opera grazie anche alla guida del direttore Cedrone. La regia di Alfredo Corno ha fatto rimanere incollati i numerosi spettatori. Incastonata nel Teatro Antico la scena di Alfredo Troisi che è riuscito ad interpretare i colori dell'area storica. Belli anche i costumi ideati dallo stesso Troisi. Grande impegno e bravura espressa dal Coro lirico siciliano, diretto dal maestro Francesco Costa, dal coro di voci bianche "I piccoli cantori" guidato da Salvina Miano e dall'attrezzeria "Bottega Fantastica" di Daniele Barbera. I costumi infine sono stati messi a disposizione della "Casa D'arte" di Francesca Pipi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x