Questione aule. Occupato il Liceo Seguenza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Questione aule. Occupato il Liceo Seguenza

Claudio Panebianco

Questione aule. Occupato il Liceo Seguenza

lunedì 14 Dicembre 2015 - 13:01
Questione aule. Occupato il Liceo Seguenza

Gli studenti hanno occupato il Liceo Seguenza. I giovani non hanno gradito, a seguito del tavolo tecnico svoltosi lunedì scorso riguardante la questione aule contese che coinvolge l'Istituto di Via Sant'Agostino, il Liceo Maurolico e l'ente Provinciale, la scelta di "rinviare semplicemente senza risolvere", come loro stessi dichiarano, l'intero caso a giugno del 2016

Gli studenti messinesi continuano a protestare nonostante le imminenti vacanze natalizie. Gli alunni del Liceo Seguenza, spinti dalla questione aule contese, che ha riguardato proprio l'Istituto di Via Sant'Agostino, il Liceo Maurolico e l'ente Provinciale, hanno deciso di manifestare il proprio dissenso sul tanto chiacchierato caso occupando la struttura.

I giovani esprimono amarezza non solo per l'intera situazione, ma anche per il mancato invito al tavolo tecnico dello scorso Lunedì, dato che il collettivo, in un documento, spiega come nessun elemento dirigenziale del plesso sia stato informato ufficialmente ma sia venuto a conoscenza dell'incontro solo attraverso la stampa o altre vie. La questione è stata rinviata a giugno 2016, quando sarà un altro funzionario a doversene occupare. "I problemi non si rimandano, si risolvono", dichiarano gli studenti del Seguenza, i quali si mostrano abbastanza dubbiosi riguardo le modalità d'azione, "I fondi, ben oltre i 100mila euro l'anno, per arcani motivi vengono straordinariamente rinvenuti per poter rinviare il problema senza risolverlo".

La sede di Cristo Re verrà quindi nuovamente affittata, almeno per ora, alle classi del Seguenza dopo l'iniziale soppressione del contratto, visti i prezzi eccessivamente alti. "Costrizione dettata dalla volontà del Maurolico", tuonano i ragazzi di Via Sant'Agostino, "categorico nel rifiuto di ospitare le classi del nostro Istituto, considerandosi l’unico e assoluto proprietario dell’immobile di corso Cavour. Che invece è un edificio pubblico e, in quanto tale, appartenente a tutti i contribuenti, nella fattispecie ai messinesi, e rispondente unicamente alle direttive dell'ex Provincia, titolare di diritto di tutte le scuole secondarie di secondo grado". Il collettivo spiega inoltre come la prima richiesta fatta dagli organi dirigenziali non fosse ottenere delle aule del Classico, ma più semplicemente degli spazi che potessero ospitare i 1500 studenti iscritti, evitando loro la doppia turnazione che adesso si presenta come una tangibile possibilità.

"Considerato quanto sopra", concludono gli alunni in protesta, "nel ribadire la nostra indignazione, come cittadini oltre che come studenti, presentiamo l'intenzione di perseverare nella nostra protesta, nelle forme sopra descritte per dare, ancora una volta, un segno a tutte quelle Istituzioni e mezzi d'informazione che si sono schierati senza accogliere le nostre richieste avanzate sulla base dei diritti di cittadini italiani e studenti nell'età dell'obbligo".

Claudio Panebianco

Tag:

2 commenti

  1. Ecco un motivo vero per occupare, stavolta hanno ragione! Non capisco perchè se il Maurolico ha aule libere per carenza d’iscrizioni, perchè non farle occupare ad altri ragazzi. E perchè il comune si è dovuto accollare un affitto esorbitante se poteva evitarlo!!! Misteri!!!!

    0
    0
  2. Ecco un motivo vero per occupare, stavolta hanno ragione! Non capisco perchè se il Maurolico ha aule libere per carenza d’iscrizioni, perchè non farle occupare ad altri ragazzi. E perchè il comune si è dovuto accollare un affitto esorbitante se poteva evitarlo!!! Misteri!!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x