Supermercati, Bonina condannato per estorsione ai lavoratori - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Supermercati, Bonina condannato per estorsione ai lavoratori

Alessandra Serio

Supermercati, Bonina condannato per estorsione ai lavoratori

giovedì 17 Settembre 2020 - 15:15
Supermercati, Bonina condannato per estorsione ai lavoratori

Condannato a 5 anni e 3 mesi il patron dei supermercati di Sicilia Immacolato Bonina, accusato di estorsione ai lavoratori.

Cinque anni e tre mesi di reclusione, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, il risarcimento alle parti civili, alle quali dovrà pagare una provvisionale. Si chiude con una condanna in primo grado il processo per Immacolato Bonina, patron dei supermercati e del basket da Barcellona Pozzo di Gotto, accusato di estorsione ai danni dei lavoratori.

Secondo la Procura avrebbe costretto i dipendenti del supermercato di Messina Tremestieri, inserito nella catena Ipersigma – a dichiarare di aver percepito il regolare stipendio, mentre in realtà a loro restava un salario più basso, dietro minaccia di licenziamento.

La I sezione del Tribunale di Messina (presidente Silipigni) ha accolto la tesi dell’Accusa ed ha emesso il verdetto oggi: Bonina è colpevole di estorsione e va condannato, ma solo per i fatti relativi al 2008, mentre per gli anni precedenti il reato è prescritto.

La Corte ha invece assolto perché il fatto non sussiste Giuseppe Di Blasi e Enrico Bertè, due dipendenti, accusati di aver dichiarato il falso alla magistratura su come andavano le cose.

Bonina è stato difeso dall’avvocato Antoniele Imbesi. I due dipendenti, invece, erano assistiti dagli avvocati Gianluca Gullotta e Domenico Andrè.

Il processo era la costola messinese di una più indagine della Guardia di Finanza di Barcellona sulla gestione Bonina, sia in città che in provincia. Le Fiamme Gialle avevano quantificato in oltre 1 milione e 200mila euro gli stipendi non pagati a circa 80 lavoratori complessivamente, costretti a firmare contratti “in solidarietà” mentre in realtà continuavano a lavorare 40 ore e non 28. Col contratto, Bonina aveva ottenuto un contributo di solidarietà dall’Inps di circa 30 mila euro.
Complessivamente le Fiamme Gialle hanno quantificato in oltre 1 milione e 200mila euro gli stipendi non pagati.

A Messina, il controllo al centro di Tremestieri è stato effettuato dall’Ispettorato del Lavoro. E’ venuto fuori che ai dipendenti restava in mano uno stipendio più basso di quello effettivamente dichiarato in busta paga.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Chi lo avrebbe mai detto………. È assurdo che tutti sappiano e sappiamo come vanno le cose specialmente al sud Italia e poi facciamo i meravigliati quando queste cose vengono a galla…. Ed è anche servito fare un processo (che è solo al primo di 3 gradi)…. Meravigghiati da rutta

    4
    1
  2. O fate finta di non sapere o non so cosa, qui a Messina la stragrande maggioranza fa così, (forse non so nello specifico questo caso magari non a questi livelli) ma così è, per non parlare del bonus Renzi in busta e mai dato ai dipendenti.. Di che parliamo?

    6
    0
  3. Anche in un grosso negozio xx xxxxxxxxxxx, presente a Messina e xxxxxxxxxxx, la prassi è la stessa.
    I dipendenti lavorano tutta la settimana, dieci e più ore al giorno e prendono il 60% dello stipendio, ma firmano per il 100%.
    Tutti e dico TUTTI, soprattutto coloro che dovrebbero intervenire, sanno, ma nessuno si muove.
    Quanto vale un amico in piazza non valgono cento once di oro in una cassa………
    Ma tanto, il mio intervento non sarà mai pubblicato.
    Ovviamente……….

    7
    0
  4. Speriamo che questa condanna sia un inizio utile per tutti i lavoratori di Messina e provincia che vengono sfruttati ormai da troppo tempo.

    2
    0
  5. In tutti i supermercati è così…brutto ambiente: si lavora oltre le 60 ore settimanali senza riposo con contratto di 40 ore… Straordinari non pagati, potrei stare qui a raccontare tante altre cose ma ci vorrebbe troppo tempo.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007