Differenziata e lotta agli evasori per snellire la bolletta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Differenziata e lotta agli evasori per snellire la bolletta

Differenziata e lotta agli evasori per snellire la bolletta

mercoledì 07 Agosto 2013 - 13:06
Differenziata e lotta agli evasori per snellire la bolletta

Entrata in vigore a gennaio la Tares, la tassa rifiuti e servizi, si appresta a essere applicata. Le bollette saranno più care, ma ci sono dei sistemi per abbattere i costi e premiare chi comincia a fare la differenziata

Raccolta differenziata, lotta agli evasori e internalizzazione del servizio di riscossione. Si basa su questi tre punti la rivoluzione del sistema rifiuti avviata dopo l’ingresso della Tares, lo scorso a gennaio e recepita dall’amministrazione Accorinti che in tal senso si sta muovendo. Anche perché la Tares, ovvero tassa rifiuti e servizi, prevede che l’intero costo del servizio rifiuti venga coperto dal Comune. Stiamo parlando di 45 milioni di euro. Che salgono a 47 milioni e mezzo di euro se si aggiunge la componente servizi. Questi due milioni e mezzo di euro in più nella Tares rappresentano la novità rispetto alla vecchia Tarsu.

Se prima si pagava in base ai metri quadrati dell’abitazione, con un contributo a percentuale, la Tares prevede invece un costo aggiuntivo di 30 centesimi per ogni metro quadro della casa oltre al contributo per ciascun componente il nucleo familiare. Novità che senza stare lì a fare conti va a penalizzare le famiglie più numerose. Per sapere se il conteggio dei 30 centesimi verrà applicato dovremo aspettare fine agosto. Perché i sindaci si sono opposti e si sono rivolti all’Anci.

In attesa di sapere se verrà applicato anche il conteggio dei 30 centesimi, la nuova legge che ha introdotto la Tares ha anche previsto un sistema di premialità che aiuta ad abbassare i costi in bolletta. A cominciare dalla raccolta differenziata che verrà fatta porta a porta e consetirà di sapere in tempo reale chi fa la raccolta in modo corretto. Attraverso un sistema informatizzato verrà così premiato che fa correttamente la differenziata e vedrà dei tagli in bolletta. Ma per tagliare ulteriormente i costi c’è anche un altro aspetto. È quello della lotta all’evasione. Basti pensare che se tutti pagassero la tassa rifiuti ci sarebbe un abbattimento dei costi pari al 30 per cento. Per farlo basterebbe cominciare a incrociare i dati dell’anagrafe e quelli dei tributi. Poi un aumento del personale che al momento è a 18 ore consentirebbe di andare a domicilio dell’evasore e contestargli il mancato pagamento anche perché di riscuotere la Tares sarà direttamente il comune.

Le buone intenzioni ci sono tutte, le premesse pure, non resta che chiedere la collaborazione dei cittadini come ha fatto l’assessore Daniele Ialacqua anche perché i primi a pagare le tasse siamo comunque noi.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Settimo Libero 7 Agosto 2013 15:20

    E’ stato tralasciato un aspetto importante della gestione dei rifiuti, l’abbandono indiscriminato degli stessi e la caccia al colpevole del reato.
    Intensificando il controllo sul territorio con il nucleo di polizia ambientale della provincia, si potrebbe evitare il disastro ambientale ogni giorno perpetrato dai soliti ignoti, ma allo stesso tempo, individuando i colpevoli, che siano singoli cittadini o operatori commerciali, si ridurrebbero notevolmente i costi di smaltimenti dei rifiuti abbandonati, troppo spesso speciali pericolosi.
    Aggiungo inoltre, che al cittadino collaborante, bisogna dare la possibilità di accesso agli impianti di smaltimento e/o piattaforme di separazione e stoccaggio, dove personalmente può depositare i propri rifiuti e ottenere ulteriori sgravi sulla tares.

    0
    0
  2. Peppe Vallera 8 Agosto 2013 06:30

    Raccolta differenziata alla messinese:
    1) la carta viene buttata per terra in una strada;
    2) la plastica viene buttata per terra in un’altra strada;
    3) l’umido (scocci i muluni e frutta fracida)viene buttato per terra in un’altra strada;
    4) vetro e lattine dove capita.Sempre per terra.
    Giuseppe Vallèra.

    0
    0
  3. MULTARE L’INCIVILTA’, SE BECCATI, MULTE SALATE! VI SERVONO SOLDI? NON CARICATE SU CHI GIA’ ARRIVA A STENTO A FINE MESE, FATELI COSì.
    IMU , REIVISIONE CALDAIA, TASSA SULL’IMMONDIZIA, CONDOMINIO ( LAVORI EXTRA..MAZZATE EXTRA ) ASSICURAZIONE AUTO, BOLLO AUTO, REVISIONE AUTO, CANONE RAI , ENI, ENEL E CONGUAGLI ALLUCINANTI, CONSUMO ACQUA , TELEFONO, SE TI AMMALI SONO C… VISITE MEDICHE E MEDICINALI?? NO GRAZIE NON POSSO. IN TUTTO QUESTO DOVRESTI MANGIARE, DICIAMO ALMENO UNA VOLTA AL GIORNO?? SI MA POI MI RACCOMANDO..ALIMENTAZIONE VARIA ED EQUILIBRATA!
    E SE SI RUMPI A MACHIA , CAMINA A PEDI!! IL TRAM? PER 10 MN DI CORSA , CIRCA 2€!
    O LA SMETTETE DI CHIEDERE SOLDI O LA GENTE PRIMA O POI SCOPPIERA’! TROVATE SOLUZIONI ALTERNATIVE , SIETE PAGATI PER FARLO, PIANTATELA DI SVUOTARE IL PORTAFOGLIO DI CHI A FINE MESE NON CI ARRIVA PIU’..ANDATE ALTROVE. GRAZIE

    0
    0
  4. Portando i rifiuti nelle aree adibite a raccolta differenziata già esistenti,viene rilasciato uno scontrino, a che serve? basterebbe che il comune si attivasse a far sì che la quanto portato nei centri di raccolta veisse defalcato dal cumulo della tassa sui rifiuti.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007