Tari. Messinaccomuna chiama, Dafne Musolino risponde: "Ignorano il tema" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Tari. Messinaccomuna chiama, Dafne Musolino risponde: “Ignorano il tema”

Giuseppe Fontana

Tari. Messinaccomuna chiama, Dafne Musolino risponde: “Ignorano il tema”

venerdì 16 Luglio 2021 - 07:00

L'assessore attacca anche la precedente amministrazione e difende l'operato del sindaco sulla Tari: "Aumento determinato da normative"

MESSINA – Non si è fatta attendere la replica dell’Amministrazione a Messinaccomuna, movimento politico che ieri ha diffuso una nota in cui attaccava il sindaco De Luca. L’argomento? Ancora una volta la Tari e l’ormai celebre aumento del 9% che da giorni tiene banco a Palazzo Zanca. La risposta è stata affidata all’assessore Dafne Musolino, che a sua volta con una nota ha inizialmente criticato il movimento stesso, affermando che non solo “si continua ad ignorare chi siano i componenti e dove abbia la sede legale” ma anche che Messinaccomuna dimostrerebbe “la sua assoluta ignoranza sul tema dei rifiuti in generale e sulla questione dei rifiuti nella città di Messina”. Punto per punto, Dafne Musolino risponde al movimento politico in difesa di De Luca, sottolineando come “i crediti di dubbia esigibilità inseriti nel relativo fondo e posti a carico della Tari si riferiscono al 2014”. Ciò significa che il periodo di riferimento sarebbe antecedente al 2014, non riguardando l’attuale amministrazione ma la precedente.

L’attacco alla precedente amministrazione

Dafne Musolino continua chiamando in ballo il rapporto tra numero dei dipendenti e numero di abitanti in grandi città come Verona, Bari e Napoli, per rispondere a un’altra accusa precisa, quella di “aver trasformato la Messina Servizi in un mostruoso stipendificio”. L’assessore parla di numeri e infine attacca anche chi ha governato prima dell’attuale giunta: “in cinque anni di la precedente amministrazione non ha raggiunto alcun aprezzabile risultato sul fronte della raccolta dei rifiuti e della Raccolta differenziata, e ci stupisce sempre molto che chi si è dimostrato incapace quando è stato il suo turno di governo, si innalzi sul pulpito a giudicare gli altri nel tentativo di disconoscere i risultati raggiunti”.

“Torniamo a ribadire, pertanto, che l’aumento della TARI 2021 è determinato da imposizioni normative e aggiungiamo che le linee guida ARERA avrebbero determinato tariffe anche più alte se in questi anni la Giunta De Luca non avesse lavorato alacremente per il contrasto all’evasione facendo emergere oltre ottomila utenti fantasma”, ha concluso l’assessore, ribadendo anche che le eventuali esenzioni per le fasce deboli saranno disciplinate con la delibera che verrà ripresentata di fronte al Consiglio comunale.

Tag:

4 commenti

  1. Scusate ma nessuno parla di numeri riferiti a denari.
    Ottomila evasori se non pagano continuano ad essere evasori.
    Dunque ne puoi trovare anche centomila ma se non pagano?
    Qualcosa obbiettivamente l’assessora dovrebbe spiegare se i rifiuti con la differenziata costano meno, i contribuenti aumentano, ma la tariffa aumenta da qualche parte qualcosa non funziona.
    Ma forse anche io sono ignorante e solo lei e il sinnico sono i portatori della verità assoluta.

    6
    0
  2. L’assessore Dafne Musolino è” l’addetto stampa “migliore che il Sindaco potesse avere……. soprattutto nella DIFESA😳 ….tra le cose che io non sopporto di voi 😤c è quella ,sempre ,di screditare i predecessori per innalzare l’ operato del Sindaco.🙄… Se lui è così bravo non ha bisogno di essere confrontato😏 ….. soprattutto con gli “SCARSI.” 😖 È più che logico che se metto a confronto” UNO BRAVO “,😁 con “UNO SCARSO” 😱vedo solo”IL BRAVO…🤩…Il BRAVO mettiamolo tra I BRAVI perché sennò vince facile😏I NUMERI….. Avete rotto con I NUMERI…😤…non siamo alla Lottomatica, né in matematica, né in statistiche, casistiche, primati…… BASTA NUMERI ..😡…lo sappiamo che siete i NUMERi UNO….😳..avete solo PRIMATI e ce li state facendo uscire dalle 👂👂Primati che a noi non interessano ,perché non ci stanno portando migliorie,sgravi, benessere,…… SIAMO I PRIMI…🤔..pardon …. SIETE I PRIMI……I PRIMI ESENTI DA COLPE….🤥…e se colpe ci sono ..😖….sono SEMPRE degli altri…😇… VERAMENTE DA NUMERI UNO!!!!!!!!😤😡😖

    8
    0
  3. Martino Sergio 16 Luglio 2021 15:07

    Non entro nei cavilli burocratici o amministrativi della questione, il problema è solo uno egr.asessore la città è sporca, manca lo spazzamento delle strade e soprattutto la scerbatura!
    Tutto questo non potete nasconderlo !!
    Si è dovuto ricorre ad una ditta di Catania per spazzare le strade!
    Non si comprende come nessuno dei vertici di Messinaservizi faccia rispettare o meglio controllare se gli operatori svolgono i compiti assegnati! Perché è difficile fare la scerbatura , meglio come sempre ci sono zone dove la si è fatta ed altre no!
    Io vorrei non pagarla la tari visto il pessimo servizio offerto è solo una gabella imposta per fare cassa e basta! Le chiedo per avere in cambio cosa??

    6
    0
  4. a Messina ci sono molte persone che non pagano la tari, a me è arrivata una multa perchè ho buttato la spazzatura dopo le ore 18 a mio fratello è arrivata una multa per aver buttato la spazzatura alle 3 di notte nel cassonetto, non per strada come fanno tante persone. Alla fine quelli che pagano sono sempre le persone oneste e le multe sono salate. Mi dispiace, caro sindaco, ero prima una sua sostenitrice ma ora non più. Aggiungo anche che per avere chiarimenti o parlare con un operatore passa moltissimo tempo, intanto arrivano fatture da pagare salatissime, mi sento derubata, intanto la multa non la pago, cosa mi dovete prendere? la casa? non ce l’ho!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x