Piccoli crimini coniugali. La tabellina dell’otto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Piccoli crimini coniugali. La tabellina dell’otto

Domenico Colosi

Piccoli crimini coniugali. La tabellina dell’otto

lunedì 19 Febbraio 2018 - 14:09

Il teatro dei telefoni bianchi declinato dall’autore franco-belga Éric-Emmanuel Schmitt

L’irredimibile prevedibilità di Éric-Emmanuel Schmitt continua a diffondere i suoi fascinosi effetti sulle platee italiane, quando tutte le possibili educazioni sentimentali si tramutano con pochi tocchi nelle torbide passioni romanzesche di una Liala da tinello. Una superficialità psicologica che l’autore franco-belga esalta con il suo consueto profluvio di scene madri, agnizioni, rivelazioni improvvise e giravolte dialettiche, un continuo andirivieni di banali artifici che caratterizza la tumultuosa monotonia delle sue opere.

Anche per questi Piccoli crimini coniugali il livello di difficoltà resta paragonabile alla tabellina dell’otto evocata dal protagonista Marco Francioni (Michele Placido) nei primi minuti di spettacolo. In scena al Vittorio Emanuele un giallista smemorato che rientra a casa per riprendere possesso dei propri ricordi. La moglie (Anna Bonaiuto) lo sostiene e lo corregge con un incedere tra il farsesco e il patetico, mentre i verbosi dialoghi tentano di far luce sull’incidente domestico che ha causato l’apparente amnesia; in sottofondo fughe e riappacificazioni prima che cali il sipario sulla vicenda. Il linguaggio piccolo borghese da fiction televisiva giunge infine in soccorso per accomodare eventuali (e inconsapevoli) complessità drammaturgiche.

Cristallizzato artisticamente all’epoca dei telefoni bianchi, Schmitt lavora di addizione tra le mille stucchevolezze dei suoi elementari espedienti: gli attori, quantomeno, ne approfittano per far sfoggio della propria maestria sulle montagne russe di un lirismo lacrimevole e pedante. La sobria regia dello stesso Placido limita al minimo le possibili derive melò, valorizzando gli splendidi interni upper class firmati dallo scenografo Gianluca Amodio nell’elegante disegno luci di Pasquale Mari. Visti gli sforzi, appena il minimo sindacale: tra le macerie della nuova Caporetto drammaturgica firmata da Schmitt, interpreti e maestranze non possono far altro che muoversi come equilibristi sul filo che separa un’inutile pantomima da un dignitoso esercizio di stile.

Domenico Colosi

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x