Presentata la Carmen. Palleschi: “Se ne parlerà a lungo” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Presentata la Carmen. Palleschi: “Se ne parlerà a lungo”

Domenico Colosi

Presentata la Carmen. Palleschi: “Se ne parlerà a lungo”

mercoledì 07 Febbraio 2018 - 12:09

Tre repliche da venerdì 9 a martedì 13 febbraio. Il direttore artistico Pappalardo: “Orgoglioso della nostra Orchestra. In scena protagonisti di primissimo livello”

“Se ne parlerà a lungo di questa Carmen”. Perentorio, il direttore d’orchestra Carlo Palleschi presenta l’opera di Georges Bizet in scena al Teatro Vittorio Emanuele da venerdì 9 a martedì 13 febbraio: “Due interpreti differenti, Anna Maria Chiuri e Paola Marrocu, per due opere profondamente diverse. Ritorno in questo teatro con enorme entusiasmo, in questi giorni sto ammirando un’Orchestra molto professionale ed un gruppo dirigente di altissimo livello. Qui mi considero ormai di casa: dal mio ruolo scaturiscono grandi responsabilità, proverò ad amalgamare nel modo migliore tutti gli ingredienti a disposizione”. Che sono, in ordine, l’Orchestra del Vittorio Emanuele, il Coro “Francesco Cilea” guidato da Bruno Tirotta e il Coro di voci bianche “Bianco suono” diretto da Agnese Carrubba. Componenti fondamentali per il ritorno dell’opera lirica a due anni di distanza dalla Bohème firmata da Giorgio Bongiovanni.

“Abbiamo valutato un costo di 300mila euro, un esborso minimo se paragonato ai 700mila dell’ultima Carmen vista a Messina quasi dieci anni fa”, precisa il direttore artistico Matteo Pappalardo. “Purtroppo l’opera lirica vive con questo teatro un discorso a singhiozzo che speriamo di risolvere puntando sull’innovazione e su una nuova visione strategica; proporrei un minimo sindacale: mai meno di due a stagione, senza deroghe di alcun tipo. L’Orchestra si confronterà con un impegno probante dopo una lunga inattività: al di là delle motivazioni strettamente burocratiche, stiamo lavorando per valorizzare nel modo migliore un’eccellenza di questa città”.

Tre repliche (venerdì 9 alle 21, domenica 11 alle 17.30 e martedì 13 nuovamente in serale) per un lavoro in lingua originale diretto dal regista Renato Bonajuto. “Dopo quasi un anno, l’EAR Teatro di Messina torna a produrre spettacoli di grande rilevanza culturale e sociale”, dicono in coro il sovrintendente Egidio Bernava e il presidente Luciano Fiorino, “la collaborazione con il Teatro Coccia di Novara, e dunque con il grande regista Renato Bonajuto, regala al Vittorio Emanuele l’occasione per esaltare l’Orchestra, le maestranze e l’intera struttura del Teatro. A questo contributo, chiaramente istituzionale, è necessario aggiungere quello offerto dai ragazzi dell’Istituto d’Arte Basile, coinvolti nella vita di questo Ente al pari degli studenti dell’Antonello nell’ottica dell’alternanza scuola-lavoro. Siamo tutti contagiati da una grande energia vitale: siamo in attesa di donare questo cuore pulsante alla città”.

Domenico Colosi

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x