Tindari, i giovani animano il parco archeologico - Tempostretto

Tindari, i giovani animano il parco archeologico

Alessandra Serio

Tindari, i giovani animano il parco archeologico

mercoledì 25 Maggio 2022 - 07:49

Un Albero Falcone anche a Tindari, piantato dagli allievi delle scuole di Patti, e il teatro greco che ospita la rassegna Giovanni Parasiliti

C’è un Albero Falcone anche a Tindari, all’interno del Parco archeologico regionale. Guarda il mare e negli orizzonti aperti riconosce il senso e l’odore della libertà. Lo hanno piantato gli alunni della Scuola Zuccarello di Patti Marina  e dell’istituto comprensivo Pirandello in occasione del trentennale della strage di Capaci in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta.

Il Direttore del parco, l’architetto Domenico Targia, ha accolto e condiviso l’iniziativa che chiude il progetto sulla legalità intrapreso dalla scuola.

Per il trentennale quindi, pur essendo lunedì il sito ha aperto in via straordinaria per accogliere i giovanissimi alunni che, insieme  al personale in servizio, hanno piantato un piccolo albero di ulivo, segno di pace e della rinnovata consapevolezza che la lotta contro la mafia è riconquista dei valori civici e della libertà. Saranno gli stessi alunni a prendersene cura. La cerimonia si è conclusa con l’apposizione di una targa con una citazione di Giovanni Falcone.

Studenti protagonisti anche al teatro greco, dove si è appena conclusa la XIX edizione della rassegna/concorso Teatro-Giovani Rosario Parasiliti, ripresa dopo la pausa dovuta al covid. Allievi degli Istituti scolastici di istruzione secondaria di I e II grado, provenienti da tutta Italia, si sono cimentati in rappresentazioni teatrali all’interno del monumentale teatro di pietra.

L’iniziativa – promossa dal Liceo Vittorio Emanuele III di Patti e dall’Amministrazione comunale, con la collaborazione dell’assessorato dei Beni culturali, dell’Assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e del Parco Archeologico di Tindari – mira a favorire, attraverso il teatro, lo scambio di esperienze e il confronto tra le scuole, per un confronto virtuoso che dia circolarità alla cultura e valorizzi il territorio.

Per l’assessore Alberto Samonà “I giovani sono la primavera della vita e iniziative come quelle che si sono svolte all’interno del Parco di Tindari rafforzano la bellezza di quella primavera dell’archeologia che vuole essere riscoperta e rinnovata attenzione verso la nostra storia”. “Vedere tanti giovani abitare i luoghi dell’arte camminando sulle stesse pietre dei loro avi è molto confortante e ci rafforza nella consapevolezza che stiamo andando nella direzione giusta”.

“Proiettare all’esterno della Sicilia una immagine positiva del territorio, attraverso la realizzazione di eventi di alto valore formativo – sostiene il direttore Targia – rappresenta per i giovani di oggi un importante riconoscimento del valore sociale dei Beni Culturali, di cui le giovani generazioni si devono riappropriare”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007