Accorinti “scongela” le dimissioni di Clelia Marano e le revoca l’incarico di esperta. La rottura sui minori migranti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Accorinti “scongela” le dimissioni di Clelia Marano e le revoca l’incarico di esperta. La rottura sui minori migranti

Danila La Torre

Accorinti “scongela” le dimissioni di Clelia Marano e le revoca l’incarico di esperta. La rottura sui minori migranti

lunedì 02 Febbraio 2015 - 18:58
Accorinti “scongela” le dimissioni di Clelia Marano e le revoca l’incarico di esperta. La rottura sui minori migranti

Per una esperta che va ce n’è un’altra che arriva. Si chiama Grazia Accetta e si occuperà della «consulenza nelle Politiche della Pubblica Istruzione». Come specificato nel decreto sindacale n.940, la docente di Lettere collabora già da oltre un anno con l’assessore al ramo Patrizia Panarello

Clelia Marano non è più esperta a titolo gratuito per la consulenza e la collaborazione nelle Politiche di Mediazione Sociale. Nei fatti non lo è più dal giorno in cui ha presentato le sue dimissioni irrevocabili, che risalgono ai primissimi giorni di novembre del 2014 ma erano rimaste chiuse in un cassetto. Formalmente , infatti, la sua collaborazione si è interrotta proprio poche ore fa con il decreto n.931 del 2 febbraio firmato dal sindaco Renato Accorinti.

Un freddo atto amministrativo che revoca l’incarico affidatole il 10 ottobre 2013 e nulla racconta della sua azione in quel di palazzo Zanca; di un lavoro incessante ed infaticabile che non conosceva orario né distingueva tra giorni festivi e giorni feriali; di una dedizione assoluta; e di quel concentrato di competenza, sensibilità ed un’umanità che per un anno intero hanno fatto di Clelia Marano il punto di riferimento dell'esercito di disperati che più o meno quotidianamente bussano- spesso invano – alle porte di Palazzo Zanca per avere risposte dagli amministratori. Lei c’era anche quando non sarebbe stato il suo compito esserci.

La piccola grande donna- così soprannominata per la sua statura minuta e l’encomiabile determinazione- ha dato il meglio di sé nella gestione dei minori migranti. Ha trasformato ogni pratica burocratica per la sistemazione di ogni singolo migrante sbarcato in riva allo Stretto in una missione di vita, ha speso tutto il suo tempo a trovare soluzioni senza mai chiedere niente in cambio, se non la migliore soluzione appunto. Ad un certo punto ha dovuto però scontarsi con il muro della burocrazia e la sordità della politica. Non avrebbe voluto arrendersi ma è stata costretta a gettare la spugna quando le critiche rivolte all’assessore ai servizi sociali Nino Mantineo – preso di mira per il mancato trasferimento in strutture adeguate di circa 96 minori ospitati nella tendopoli Palanebiolo- le sono tornate indietro sotto forma di accusa: «quella di strumentalizzare i minori e i migranti per ragioni politiche o per ambizioni personali».

Dopo il comunicato di Mantineo, il sindaco non spese neanche una parola per l’esperta che lui aveva assolutamente voluto al suo fianco . Interpellato sull’argomento disse solo che gli esperti non sono chiamati a rilasciare interviste e quanto alle competenze del Comune sulla gestione dei minori volle chiudere le polemiche sventolando la circolare Morcone e scrollandosi di dosso ogni responsabilità, ribalzandola direttamente al prefetto.

A quel punto le distanze tra Accorinti e Clelia Marano si sono fatte incolmabili e le sue dimissioni inevitabili. Tre mesi dopo Accorinti ha deciso di “ratificare” le dimissioni di Clelia e quasi contestualmente ha consegnato nelle mani di Mantineo la delega alle politiche delle migrazioni, ribadendo implicitamente ancora una volta da che parte stava. Clelia Marano resta però in prima linea e continua ad aiutare i minori migranti che si trovano in città, collaborando con alcune associazioni che hanno in custodia i ragazzini.

Per una esperta che va ce n’è un’altra che arriva a Palazzo Zanca. Si chiama Grazia Accetta e si occuperà della «consulenza nelle Politiche della Pubblica Istruzione». Come specificato nel decreto sindacale n.940, la docente di Lettere collabora già da oltre un anno con l’assessore al ramo Patrizia Panarello e «la sua presenza è stata preziosa e costante sia per lo sviluppo dei vari progetti del patto territoriale con le scuole cittadine che per i rapporti intrattenuti tra lo stesso Assessorato e i Dirigenti scolastici».

Danila La Torre

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

20 commenti

  1. «la sua presenza è stata preziosa e costante sia per lo sviluppo dei vari progetti del patto territoriale con le scuole cittadine che per i rapporti intrattenuti tra lo stesso Assessorato e i Dirigenti scolastici»…. ah… ah… ah…
    Il tibetano è il più grande comico in circolazione….. ah… ah… ah…

    0
    0
  2. «la sua presenza è stata preziosa e costante sia per lo sviluppo dei vari progetti del patto territoriale con le scuole cittadine che per i rapporti intrattenuti tra lo stesso Assessorato e i Dirigenti scolastici»…. ah… ah… ah…
    Il tibetano è il più grande comico in circolazione….. ah… ah… ah…

    0
    0
  3. 3) In presenza di contenzioso particolarmente rilevante, l’accontanamento può essere ripartito, in quote uguali, tra tutti gli esercizi considerati nel pluriennale provvisorio o secondo prudente valutazione di Palazzo Zanca, aarano i Revisori dei Conti a verificare la congruità degli stanziamenti. Questa del FONDO SPESE LEGALI è una delle tante disposizioni in arrivo, bastava non fare carta straccia del Testo Unico degli Enti locali negli ultimi dieci anni cambiandolo ad ogni finanziaria.

    0
    0
  4. 3) In presenza di contenzioso particolarmente rilevante, l’accontanamento può essere ripartito, in quote uguali, tra tutti gli esercizi considerati nel pluriennale provvisorio o secondo prudente valutazione di Palazzo Zanca, aarano i Revisori dei Conti a verificare la congruità degli stanziamenti. Questa del FONDO SPESE LEGALI è una delle tante disposizioni in arrivo, bastava non fare carta straccia del Testo Unico degli Enti locali negli ultimi dieci anni cambiandolo ad ogni finanziaria.

    0
    0
  5. 2) Il fondo è determinato in applicazione del principio della contabilità finanziaria cosiddetta POTENZIATA sulla base della ricognizione del contenzioso esistente a carico del Comune, considerando le significative probabilità di soccombere o l’incidenza delle condanne al pagamento di spese per sentenze ancora non definitive o esecutive. Sussiste l’obbligo di accantonare nel primo esercizio del bilancio di previsione il fondo riguardante il nuovo contenzioso formatosi nell’esercizio precedente, compreso l’esercizio in corso, in caso di esercizio provvisorio.

    0
    0
  6. 2) Il fondo è determinato in applicazione del principio della contabilità finanziaria cosiddetta POTENZIATA sulla base della ricognizione del contenzioso esistente a carico del Comune, considerando le significative probabilità di soccombere o l’incidenza delle condanne al pagamento di spese per sentenze ancora non definitive o esecutive. Sussiste l’obbligo di accantonare nel primo esercizio del bilancio di previsione il fondo riguardante il nuovo contenzioso formatosi nell’esercizio precedente, compreso l’esercizio in corso, in caso di esercizio provvisorio.

    0
    0
  7. 1) Cara Danila LA TORRE siamo all’avvio dell’armonizzazione dei sistemi contabili e dei bilanci dei Comuni e delle loro Partecipate,delle Regioni, insomma di tutti gli Organismi e Enti pubblici, allo scopo di arginare il loro disastro finanziario, di fatto la stragrande maggioranza sono falliti, tenuti in piedi per evitare disordini sociali, e credimi nessuno vorrebbe essere nei panni degli assessori al bilancio, dei ragionieri e segretari generali, dei revisori dei conti, dei consiglieri componenti le commissioni al bilancio, perchè su di loro sta franando una montagna di disposizioni e di sanzioni da far tremare i polsi anche al più esperto di finanza locale. Prendo come esempio il FONDO SPESE LEGALI E CONTENZIOSO di nuova istituzione.

    0
    0
  8. 1) Cara Danila LA TORRE siamo all’avvio dell’armonizzazione dei sistemi contabili e dei bilanci dei Comuni e delle loro Partecipate,delle Regioni, insomma di tutti gli Organismi e Enti pubblici, allo scopo di arginare il loro disastro finanziario, di fatto la stragrande maggioranza sono falliti, tenuti in piedi per evitare disordini sociali, e credimi nessuno vorrebbe essere nei panni degli assessori al bilancio, dei ragionieri e segretari generali, dei revisori dei conti, dei consiglieri componenti le commissioni al bilancio, perchè su di loro sta franando una montagna di disposizioni e di sanzioni da far tremare i polsi anche al più esperto di finanza locale. Prendo come esempio il FONDO SPESE LEGALI E CONTENZIOSO di nuova istituzione.

    0
    0
  9. quali rapporti tra assessore e dirigenti? l’assessore brilla per la sua totale assenza. i patti territoriali? grottesca manfrina

    0
    0
  10. quali rapporti tra assessore e dirigenti? l’assessore brilla per la sua totale assenza. i patti territoriali? grottesca manfrina

    0
    0
  11. quali rapporti? assessore totalmente assente. patti territoriali? manfrina da ridere

    0
    0
  12. quali rapporti? assessore totalmente assente. patti territoriali? manfrina da ridere

    0
    0
  13. 4)Ma quand’è che ti renderai conto di essere solo patetico?
    George

    0
    0
  14. 4)Ma quand’è che ti renderai conto di essere solo patetico?
    George

    0
    0
  15. Tre mesi per prendere atto delle dimissioni irrevocabili di un esperto a titolo gratuito, che da quella data ha interrotto i suoi rapporti col Comune?
    Velocissimo!!!!!!!!!!!
    Meno male che a fare la flotta comunale renatino ha impiegato meno di un minuto!!!!!!!!!
    George

    0
    0
  16. Tre mesi per prendere atto delle dimissioni irrevocabili di un esperto a titolo gratuito, che da quella data ha interrotto i suoi rapporti col Comune?
    Velocissimo!!!!!!!!!!!
    Meno male che a fare la flotta comunale renatino ha impiegato meno di un minuto!!!!!!!!!
    George

    0
    0
  17. Non c’era la reciproca fiducia ormai. Giusto che si sia dimessa e che il sindaco nomini altri. Non è un tragedia (amicizie a parte…)

    0
    0
  18. Non c’era la reciproca fiducia ormai. Giusto che si sia dimessa e che il sindaco nomini altri. Non è un tragedia (amicizie a parte…)

    0
    0
  19. Cara Danila LA TORRE, non so chi della redazione di TEMPOSTRETTO ha il compito di vagliare i commenti inviati. Ma io molto sommessamente chiedo : Cosa c’entrano i commenti di MARIEDIT sui bilanci economici quando il Tuo articolo è incentrato sulle politiche sociali e sulla revoca e nuovo incarico ad altro esperto GRATUITO? MAH!!!!!!!!

    0
    0
  20. Cara Danila LA TORRE, non so chi della redazione di TEMPOSTRETTO ha il compito di vagliare i commenti inviati. Ma io molto sommessamente chiedo : Cosa c’entrano i commenti di MARIEDIT sui bilanci economici quando il Tuo articolo è incentrato sulle politiche sociali e sulla revoca e nuovo incarico ad altro esperto GRATUITO? MAH!!!!!!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007