A Messina il Coronavirus ferma la processione della Vara 2020

Ufficiale, Messina non avrà la sua Vara 2020. De Luca: «Non ci sono le condizioni»

Francesca Stornante

Ufficiale, Messina non avrà la sua Vara 2020. De Luca: «Non ci sono le condizioni»

venerdì 31 Luglio 2020 - 16:04
Ufficiale, Messina non avrà la sua Vara 2020. De Luca: «Non ci sono le condizioni»

L'ultima volta la Vara si era fermata per la seconda guerra mondiale, dopo 70 anni è il Coronavirus a fermare la più grande tradizione messinese

«Non ci sono le condizioni per lo svolgimento della tradizionale manifestazione della nostra Vara ed il Comune non organizzerà manifestazioni che possano creare assembramenti». A dirlo oggi è il sindaco Cateno De Luca alla fine di un nuovo vertice in Prefettura che ha riunito Comune, Questura e Arcidiocesi. Seppur in fase post Covid, la decisione ormai è definitiva: Messina non avrà la sua Vara 2020. L’evento dell’anno più atteso e sentito quest’anno si ferma a causa del Coronavirus. I rischi sarebbero troppo alti, considerato che la Vara ogni anno porta per le strade di Messina migliaia di fedeli per celebrare la tradizione ferragostana messinese ai piedi della grande machina votiva.

Le iniziative

De Luca sgombera il campo anche da altre eventuali programmazioni di eventi di cui si era parlato in queste settimane: «Abbiamo condiviso un sobrio programma incardinato esclusivamente sulle funzioni religiose che si svolgeranno per la ricorrenza dell’Assunta e che sarà reso noto dall’ Arcivescovo, mons. Giovanni Accolla. La prossima settimana sarà definito il programma delle manifestazioni organizzate dal comune di Messina nel rigoroso rispetto delle norme anti Covid».

Non accadeva da 70 anni

La Vara si ferma dunque per la prima volta dopo 70 anni. Ma, andando indietro nei secoli, furono diverse le sospensioni per terremoti o guerre.  L’ultima volta la Vara di Messina si fermò a causa della seconda guerra mondiale. Si riprese nel 1951 e da allora si era fatta ogni anno. 

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Nstwviva il duce 31 Luglio 2020 17:49

    Questa decisione non piacerebbe al patrimonio dell’umanità “Sorbello”, però è ancora in tempo per qualche altra trovata strampalata, magari vara tirata da buoi fatti arrivare da Pamplona, e spettatori fedeli in tenuta da palombari.

    2
    0
  2. Giustissimo sarebbe stata una beffa enorme non fare concerti e fare la processione della Vara adesso il povero Sindaco si tirerà addosso tutto il malcontento di quei 4 zalloni che spacciano certe manifestazioni per riti legati alla religione. Ricordatevi che la Bibbia a proposito dell’ idolatria dice “Nel libro dell’Esodo 20:2,5 Deuteronomio 4:15-19 Leggiamo : ” Non ti fare scultura alcuna , nè immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli e nelle acque sotto la terra ; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servire loro, perchè io, l’Eterno tuo, sono un Dio geloso … “ lo cito da non religioso ma per fare capire a certe teste pensanti che la Vara e solo una statua nulla a che vedere con il sacro .

    2
    0
  3. Matri! Ma quella bella pinsata di Sorbello? Ora ci resta male.

    2
    0
  4. Giusto non fare la processione , ma perchè non esporla al duomo ?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007