"Una città che abbandona la Casa del puparo di Cammarata non farà mai un salto di qualità" - Tempostretto

“Una città che abbandona la Casa del puparo di Cammarata non farà mai un salto di qualità”

Redazione

“Una città che abbandona la Casa del puparo di Cammarata non farà mai un salto di qualità”

Tag:

domenica 20 Novembre 2022 - 08:33

Lo sostiene in una nota il consigliere della III Municipalità Alessandro Geraci (Movimento 5 Stelle)

MESSINA – Messina e la “Casa del puparo” di Giovanni Cammarata, a Maregrosso: per il consigliere della III Municipalità Alessandro Geraci un simbolo di una disattenzione nei confronti dell’arte e della cultura. Sottolinea in una nota il consigliere del Movimento 5 Stelle: “Una città che non comprende Cammarata, probabilmente, non avrà mai la speranza di fare un salto di qualità. Lo sviluppo economico, sociale, culturale e anche turistico di un territorio arriva solo se quella comunità riesce a fare emergere la propria anima. Peculiarità e caratteristiche che rendono quel territorio unico rispetto ad altri. Per questo non basterà mai, inaugurare strade, creare isole pedonali, o copiare modelli riusciti in altri luoghi per diventare attrattivi, se dentro non ci metti qualcosa di tuo, qualcosa di magico. L’abbandono della Casa del puparo del cavaliere Cammarata ne è un esempio”.

Alessandro Geraci

“Cammarata, un figlio di Messina poco conosciuto ed esempio dell’arte come strumento di riscatto sociale a Maregrosso”

Aggiunge Geraci: “Sono tanti i messinesi che non conoscono la sua storia, figuriamoci gli oltre 600,000 croceristi che arrivano nel porto della nostra città. Eppure parliamo di un artista definito outsider a livello internazionale. 𝗨𝗻 𝗳𝗶𝗴𝗹𝗶𝗼 𝗱𝗶 𝗠𝗲𝘀𝘀𝗶𝗻𝗮 con una storia sofferta e travagliata ( fu soldato in Africa e nel Mar Egeo) che, con pazienza e ingegno, trasformò la sua vecchia baracca in un incredibile castello incantato”.

Osserva il consigliere: “Cammarata ci ha lasciato un’importante eredità dal 𝐯𝐚𝐥𝐨𝐫𝐞 𝐚𝐫𝐭𝐢𝐬𝐭𝐢𝐜𝐨, grazie agli elementi originali e unici rispetto al panorama espressivo e architettonico cittadino. Ma anche un’eredità sociale, davvero attuale, perché attraverso la sua arte ha voluto rappresentare una forma di riscatto post dopoguerra del quartiere di Maregrosso. Una plateale denuncia del degrado ambientale, del disagio sociale e dell’assenza dei diritti fondamentali in cui versa una grossa fetta della popolazione messinese. D’altronde noi siamo un po’ figli di Antonello da Messina e un po’ delle baracche. Insomma proprio quella magia da raccontare, unica e sola, messinese”.

Articoli correlati

8 commenti

  1. A BUDDACILANDIA PUPI,PUPE E PUPARI CUMANNUNU DA ANNI E GIUSTU GIUSTU ALL’UNICU SERIU MANCU U CALCULUNU CHI VIGGOGNA…….FORSI CU PONTI RISOBVERANNO ANCHE QUESTO ahahahahahah

    0
    0
  2. Bravo Geraci che ci dai la possibilita di ricordare un artista libero, che con grande maestria e talento e orgoglio, mostrava ai passanti che si fermavano le sue creazioni.
    Utilizzava in buona parte materiale riciclato al quale dava una seconda vita.
    Era già allo un precursore dei nostri tempi.
    Personalmente ho avuto il piacere di conoscere questo artista da ragazzino, incuriosito dalle sue creazioni in un’area fortemente degradata.
    Del suo castello oggi resta solo qualche parete non demolita.
    Peccato

    0
    0
  3. I messinesi = INCURIA e disprezzo per Messina !!!!!! Ho la fortuna di viaggiare tanto. Posso asserire che ho visto e vedo molte cose belle, in giro per il mondo, ma anche tante meno belle. Eppure coloro che possiedono le cose meno belle sono orgogliosi di ciò che possiedono ed organizzano le visite guidate. Ciò che ha saputo fare il signor Cammarata non sarà il Non Plus Ultra, però non è neanche da abbattere con la ruspa. Chi vuol capire capisca!!! Me lo AUGURO. La SPERANZA è l’ultima a morire…..

    0
    0
  4. Agatino Battaglia 20 Novembre 2022 15:56

    La ringrazio per lo spunto di riflessione che lei ci offre per capire quello che noi messinesi siamo o lo siamo diventati.Grazie

    0
    0
  5. I messinesi = INCURIA e disprezzo per Messina !!!!!! Ho la fortuna di viaggiare tanto. Posso asserire che ho visto e vedo, in giro per il mondo, molte cose belle, ma anche tante meno belle. Eppure coloro che possiedono le cose meno belle sono orgogliosi di ciò che possiedono ed organizzano visite guidate. Ciò che ha saputo fare il signor Cammarata non sarà il Non Plus Ultra, però non è neanche da abbattere con la ruspa. Chi vuol capire capisca !!! Me lo AUGURO. La SPERANZA è l’ultima a morire…..

    0
    0
  6. Stavo giusto facendo questa riflessione sulle cause del degrado a Messina. Mi avete letto nel pensiero!!

    0
    0
  7. Questo signore doveva intervenire qualche anno fa quando l’intera abitazione compreso il giardino circostante erano ancora in piedi ed il progetto della strada nemmeno era stato redatto compreso lo scempio che è stato prrprrtato dal proprietario del terreno circostante quando ancora si poteva salvare tutto adesso è tardi .

    0
    0
  8. ciarpame culturale !!!!
    Ecco il livello culturale che dimostrano i nostri esponenti politici ….. scambiano la mer… con la cioccolata !!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007