UniMe, salgono a 35 le scuole di specializzazione medica - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

UniMe, salgono a 35 le scuole di specializzazione medica

Redazione

UniMe, salgono a 35 le scuole di specializzazione medica

mercoledì 21 Luglio 2021 - 07:00

Sei sono assolute novità, le altre accreditate in via migliorativa. Cuzzocrea: "Frutto di lavoro costante dell'ateneo"

Passano da 16 a 35, dopo le verifiche ministeriali, le scuole di specializzazione di area medica dell’Università di Messina accreditate.

Sei sono le novità: Medicina legale, Ortopedia e traumatologia, Endocrinologia e malattie del metabolismo, Urologia, Anatomia patologica, Otorinolaringoiatria, mentre le restanti sono state confermate o integrate in via migliorativa.

“Il risultato è il frutto del lavoro – ha dichiarato il Rettore professor Salvatore Cuzzocrea – che ha impegnato la governance e gli uffici amministrativi dell’Ateneo, con l’aiuto dei Direttori ove sono incardinate le scuole di specializzazione e del corpo docente di medicina. Il lavoro costante di monitoraggio dei piani di studio e la programmazione dei nuovi docenti hanno consentito all’Ateneo di accreditare in via definitiva le scuole di specializzazione a cui,  è importante ricordare, accedono gli studenti di medicina laureati in tutte le Università italiane sulla base di un concorso nazionale.

La metà circa degli specializzandi che si iscrivono nelle scuole di specializzazione dell’Università di Messina provengono infatti da altre Università italiane. E’ un passo in avanti importante, sia perché l’Ateneo di Messina risulta in questo modo tra le Università maggiori per numero di scuole accreditate, sia perché rilancia le attività scientifiche, di formazione e assistenziali di una serie numerosa di discipline di area medica di antico prestigio -ha concluso il Rettore –  la cui tradizione si rinnova e si arricchisce di nuove e avanzate competenze e risorse umane e professionali”.

Le scuole accreditate sono:  Igiene e medicina preventiva, Medicina legale, Neurochirurgia, Medicina dello sport e dell’esercizio fisico, Medicina nucleare, Radiodiagnostica, Oftalmologia, Psichiatria, Chirurgia maxillo-facciale, Medicina del lavoro, Radioterapia, Ortopedia e traumatologia, Neurologia, Dermatologia e venereologia, Farmacologia e Tossicologia Clinica, Medicina interna, Malattie dell’apparato cardiovascolare, Nefrologia, Endocrinologia e malattie del metabolismo, Allergologia ed Immunologia clinica, Malattie Infettive e Tropicali, Geriatria, Anestesia Rianimazione, Terapia Intensiva e del dolore, Ematologia, Pediatria, Urologia, Chirurgia Generale, Chirurgia Pediatrica, Oncologia medica,  Otorinolaringoiatria, Anatomia patologica, Ginecologia ed Ostetricia.

Fra questi, tre sono in regime di accreditamento provvisorio (Neuropsichiatria infantile, Reumatologia, Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica).

Tag:

3 commenti

  1. ogni anno da quando ci sono le triennali a prono e chiudono i corsi come fossero scatolette, ma vi rendete conto del denaro sprecato buttato
    chi avalla tutto ciò è semplicemente farabutto

    0
    0
  2. la maggior parte di questi corsi non è riconosciuto in europa, chia va in europa a lavorare è costretto a sostenere una infinità di esami per la convalida dei corsi, questo l’università di messina non ve lo dirà MAI

    0
    0
  3. caro tempo stretto se non comunichi che la maggior parte dei corsi universitari non è riconosciuta in europa è questo gli studenti non lo sanno perchè l’università per motivi economici mente o per lo meno disinforma, sarai complice di tutto ciò

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x