La Messina del futuro può iniziare a nascere oggi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La Messina del futuro può iniziare a nascere oggi

Rosaria Brancato

La Messina del futuro può iniziare a nascere oggi

lunedì 18 Febbraio 2013 - 07:26
La Messina del futuro può iniziare a nascere oggi

Dall'incontro organizzato da Paolo Siracusano al Vittorio Emanuele nasce un invito a vedere nella cultura in senso più ampio la forza trainante per la rinascita della città. E la Messina di domani non potrà fare a meno di una classe dirigente giovane e nuova.

Con la cultura non si mangia dice qualcuno. Non è così. E senza cultura non si vive. E’ da questa constatazione che nasce lo spirito della manifestazione al Teatro Vittorio Emanuele, dal tema Messina città del futuro, voluta ed organizzata da Paolo Siracusano. Senza cultura la Messina di domani non potrà vivere ma solo sopravvivere, passare da un giorno ad un altro. Chiunque vorrà cimentarsi nel progettare una città dalle macerie, perché è questo che hanno lasciato gli ultimi 20 anni di politiche egoistiche e personalistiche, non potrà prescindere dal ridare un’anima a questo guscio. Il filo conduttore degli interventi, dagli artisti ed attori dell’Actor Gym di Vincenzo Tripodo (bravissimi e passionali), dalla lettura di brani di Carlo Maria Martini, Elio Vittorini, Roberto Alajmo, Gianni Rodari, fino alle parole vibranti di Sonny Foschino, Presidente del Circolo Impastato di Brolo, di Piergiorio Fiorino, studente liceale, dell’architetto Antonio Galeano, dello storico Franz Riccobono è stato proprio questo, la cultura intesa nel senso più ampio come forza trainante per la ricostruzione di un’altra Messina, perché questa non ci piace più. Il Teatro Vittorio Emanuele era affollato a dimostrazione che davvero, nonostante tutto, nonostante la malapolitica, i disastri, la disoccupazione, sono tanti i messinesi che si sono svegliati per riappropriarsi della vecchia delega in bianco data ad una classe politica che ha fallito. Ed è da questa rinnovata voglia di partecipazione che ormai trabocca a qualsiasi evento o manifestazione che non abbia il “marchio” dei vecchi partiti, che si deve ripartire. Dalla gente. Dal monologo di Piergiorgio Fiorino, che va ancora a scuola e che mentre diceva “i siciliani non cambiano, aspettano che siano le cose intorno, gli altri intorno a cambiare” io mi arrovellavo il cervello per ricordarmi chi avesse scritto quelle frasi salvo scoprire che le ha scritte lui, “la salvezza verrà se ci innamoriamo della nostra terra”. La Messina che sogniamo tutti oggi è quella città descritta dal cardinale Carlo Maria Martini : “sogno una città solidale, ma dove ci siano spazi di silenzio meditativo, sogno una città vivificata dove le strade siano percorribili in tutti i sensi”. La Messina che vogliamo è abitata da giovani che non vogliono andar via, come Sonny Foschino che ha fatto dell’antimafia la sua battaglia “Voglio vivere senza dovermi vergognare di essere siciliano. Oggi i giovani sono usati come medagliette da attaccarsi al petto in campagna elettorale. Il ricambio non è solo auspicabile, è urgente e necessario. Aiutateci a riamare una politica che sia bella da vivere ed al servizio dei cittadini e non il contrario, i cittadini al servizio dei politici. Si vince con il NOI. Ricordiamo che i figli di Messina sono stati Pugliatti, Falzea, Cingari, è per loro che dobbiamo tenere alto il baluardo della cultura”.

C’è poi chi, come l’architetto Antonio Galeano ha ricordato che la “cultura” è anche quella politica urbanistica che fa scelte non scellerate, non scava le colline per farci palazzi ma rivitalizza i forti ed i Castelli, crea parchi di frontiera o chi, come Franz Riccobono ha sfatato il mito di una città rimasta senza passato dopo il terremoto del 1908, raccontando come pezzi di storia sono oggi aggrediti dall’incuria dal saccheggio e dall’ignoranza. Galeano e Riccobono hanno sottolineato che se inizi a costruire un Palacultura e un Museo Regionale e ti servono 40 anni per finirlo non solo hai fallito ma hai realizzato un “reperto storico”. A parlare di politica ci hanno pensato Roberto Cerreti, del Movimento Liberi Insieme, ed in chiusura Paolo Siracusano. E’ difficile parlare di politica ad una platea stanca di promesse e delusioni. Ma le amministrative sono alle porte e sbagliare anche stavolta significherà per i messinesi pagare definitivamente il conto.

“Dobbiamo dare soluzioni serie ai sogni- ha detto Cerreti- dare risposte ai giovani finora trattati come riempi-liste o per attaccare i manifesti. La nuova classe politica è dei pacchettisti, quelli che ti danno una pacca sulle spalle e ti dicono: tranquillo, morirete ma verremo al vostro funerale. Messina non merita questo, non merita una classe di funzionari massoni che bloccano ogni iniziativa. Il 17 febbraio 2011 è stato il Giorno della collera in Libia. Le date hanno un senso. Oggi è il 17 febbraio 2013, iniziamo una nuova stagione di collera.” In una città che, come ha ricordato Riccobono negli ultimi anni non ha avuto un assessorato alla cultura, può accadere una domenica di febbraio che centinaia di giovani vadano in visita al Forte San Salvatore e scoprano che “esiste”. I giovani ci sono, i tesori ci sono. Siamo noi diventati ciechi. In sala, in prima fila, Francantonio Genovese, al quale Cerreti ha fatto l’invito a “lasciare la segreteria ed uscire in strada per ascoltare la gente” e Siracusano a “fare il padre nobile” facendo crescere una classe dirigente nuova.

“Noi non siamo un soggetto politico. Io non sono candidato a sindaco- ha chiarito Paolo Siracusano- ma questa è la mia città. Mio nonno qui lavorava nel settore degli agrumi, li esportava. Io voglio restare qui e non voglio che i miei figli se ne vadano, perché poi non tornano più. Voglio invecchiare sapendo che loro sono qui ma felici di esserlo”. Come imprenditore ha fatto “outing” ha ammesso che la crisi ha messo in ginocchio anche la sua azienda ma sta resistendo. “Noi messinesi siamo abituati a fermarci per guardare indietro. Non facciamolo più, guardiamo avanti, basta guardare al giardino del vicino pensando che è più bello con invidia”. Poi ha tracciato un quadro di proposte che guardano tutte al turismo ed al territorio come risorsa, immaginando una città più simile a Dubai che a Capo Mmunnizza, una costa come Barcellona di Spagna piuttosto che come l’attuale zona falcata.

“Abbiamo riempito questo Teatro senza essere strutturati come un partito, l’abbiamo riempito di persone. Penso che un sindaco deve tracciare la strada e lavorare con una squadra. Ma la politica non si può sostituire per autotutela. Non mi candido a sindaco, ma cari politici questa città deve avere un sindaco altrimenti ve la governate da soli ma soli resterete”.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

9 commenti

  1. FRANCESCO TIANO 18 Febbraio 2013 08:07

    Leggo che Siracusano ha tracciato proposte che guardano tutte al turismo ed al territorio. Bene, finalmente un buon inizio. Mi complimento.

    0
    0
  2. Francantonio Genovese e i suoi amici sono il futuro di Messina?… spero che la città non veda la prossima alba, se fosse questa l’unica possibilità di scelta!

    0
    0
  3. fermo restando che gli altri non sono meglio, chi sostiene genovese avrà delle chiare responsabilità sull’ulteriore declino della città,consegnadola ad un conflitto di interessi enorme

    0
    0
  4. però poi tutti bravi a plaudire a quello sperpero inutile di danaro pubblico chiamato notte della cultura, hanno votato per anni la gentaglia che ha rovinato questa città e adesso non gli piace più

    0
    0
  5. …il piglio imprenditoriale c’è tutto. Le idee vincenti ci sono con i relativi “business plan”. Manca ,in questo momento solo una cosa non trascurabile: “I PICCIULI” . A meno che …a meno che non si potesse” contare” proprio sul nostro amato ma “desertificato” territorio sulla realizzazione di una grandiosa struttura immaginifica, epocale, con forte valenza di Marketing, per garantirsi quel vantaggio competitivo sul mercato turistico globale o soltanto Mediterraneo e al tempo stesso fortemente “attrattiva ” di risorse umane e finanziarie da tutto il MONDO….Mi rendo conto pero’ che non e’ facile …a Messina. Tuttavia abbiamo il dovere di “rimboccarci le maniche” e LAVORARE.

    0
    0
  6. mmm… da rifletterci
    Ma la presenza in prima fila e’ inquietante…

    0
    0
  7. ART.21 COSTITUZIONE. Caro Paolo SIRACUSANO, il tempo delle belle parole è finito, Messina è un’arena, dove i gladiatori lottano senza scrupoli, per non rinunciare ai loro interessi, legati a precise scelte politiche, senza le quali sarebbero perduti. Una rappresentanza di quei gladiatori era presente in sala, GENOVESE e PREVITI, c’era per conto di chi fece votare la variante generale vigente, che praticoni urbanisti osano chiamare piano regolatore, per conto della burocrazia comunale e di quella parte sleale dei dipendenti di palazzo Zanca, per conto dei tanti monopoli, piccoli e grandi, causa della mediocrità di tantissimi settori della vita economica di Messina, per conto delle attività merceologiche, nate per scellerate scelte di destinazione d’uso, avversari di ogni forma di utilizzo del territorio nell’interesse generale, che sia favorevole alla propria singola attività. Il tuo movimento si aggiunge a tanti altri, RESET, 5 STELLE, ACCORINTI, VIVA MESSINA, per citare i più conosciuti, comincia ad insinuarsi un dubbio, riassunto nella locuzione latina, DIVIDE ET IMPERA. Pensaci e cerca di non contribuire alla facile vittoria elettorale del PARTITO DEMOCRATICO o del POPOLO DELLA LIBERTA’, con l’UDC pronto a dare man forte a uno dei due contendenti.

    0
    0
  8. Ma tutte queste persone dov’erano prima ?
    Finiti gli ombrelli, ora si riparano sotto “l’ombrellone in prima fila ”

    0
    0
  9. Le premesse erano già disegnate sul manifesto cittadino palle o bolle? alla buddace, un pò esagerato parlare di Messina e contemporaneamente di Abu Dhabi solo una piccola trascurabile differenza che la seconda è il maggior produttore di petrolio e gas naturale degli emirati che attrae investitori e azionisti provenienti da tutto il mondo,a Messina si sparano grosse questo SI ad onor del vero, meglio ricordare ai lor signori che si comincia a piccoli passi, che l’amore per la città non deve nascere solo a ridosso delle elezioni.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007