Trischitta: "Il Comune azienda da riorganizzare. Nuovo ruolo per il Consiglio" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Trischitta: “Il Comune azienda da riorganizzare. Nuovo ruolo per il Consiglio”

Trischitta: “Il Comune azienda da riorganizzare. Nuovo ruolo per il Consiglio”

martedì 05 Giugno 2018 - 07:17
Trischitta: “Il Comune azienda da riorganizzare. Nuovo ruolo per il Consiglio”

Il candidato sindaco Pippo Trischitta spiega la sua idea per portare alla massima efficienza il Comune. Il nuovo ruolo del Consigliere comunale, il riordino e la razionalizzazione degli uffici e delle posizioni dei funzionari e dei dirigenti e la ricostituzione dell’Ufficio Programmi Complessi, tra le iniziative da intraprendere.

“Il Municipio è un’Azienda: così va considerato e riorganizzato. I proprietari sono i cittadini e a loro, che ne garantiscono l’esistenza pagando le tasse, dobbiamo garantire i servizi, la gestione dei beni comuni, la promozione delle istanze della società civile sotto le più svariate forme”.

Il candidato sindaco Pippo Trischitta, sostenuto dalle liste civiche Messina Splendida e Noi per Messina, spiega la sua idea per portare alla massima efficienza il Comune.

“La scena politica, nella sua varietà – prosegue Trischitta nel dettaglio del Programma – non deve essere causa di divisione e scontro nelle azioni amministrative pubbliche, ma altresì deve essere considerata una risorsa, nella misura in cui ogni forza politica, civica o associazionistica, ha diritto ad esprimere le proprie idee ed opinioni, in un contesto di partecipazione concreta al lavoro a favore della comunità.

Nel nostro tempo la realtà amministrativa si presenta sempre più complessa, per il continuo rinnovarsi di norme ed adempimenti burocratici, nonché per il gran numero di azioni che devono essere poste in essere. Per tale motivo va ripensato il ruolo del Consiglio Comunale. Il ruolo del Consigliere va valorizzato in direzione di un’attività di indirizzo e di proposizione meno superficiale e più concreta. A lui va dato il compito non solo di presentare le istanze, ma queste dovranno essere istruite, corredate di tutti i dati e predisposte per la risoluzione, all’attenzione della Giunta e dello stesso Consiglio. Fermo restando che il Consigliere, come da istituto normativo, ha il ruolo di controllo verso la Giunta, potrà comunque contribuire attivamente e non in modo passivo, alla risoluzione dei problemi, a favore di un migliore e più celere servizio alla cittadinanza. Il merito dell’azione condotta dal Consigliere sarà riconosciuto ufficialmente.

Il Sindaco, in maniera trasparente, potrà esercitare la facoltà di autorizzare ai singoli Consiglieri lo studio e lo sviluppo propedeutico di azioni amministrative. A tal fine verranno proposte e discusse le adeguate modifiche da apportare, eventualmente, al regolamento del consiglio Comunale. Gli stessi principi saranno applicati ai Consigli di quartiere, che potranno avere un ruolo attivo più partecipativo nel percorso comune di rifunzionalizzazione della macchina amministrativa.

In questo modo si si potrà ottenere una migliore efficienza nello sviluppo delle pratiche amministrative ordinarie e straordinarie; maggiore celerità nella risoluzione dei problemi; diminuzione delle polemiche, delle faziosità e degli ostruzionismi strumentali nelle discussioni in Aula Consiliare; responsabilizzazione e valorizzazione del ruolo del Consigliere ed avviamento alla meritocrazia; economie sui costi di gestione; maggiore efficienza nel confronto politico. Il tutto senza spese aggiuntive a quelle correnti.

Anche il personale sarà coinvolto in prima persona in questa rinnovata macchina amministrativa, con il riordino e la razionalizzazione degli uffici e delle posizioni dei funzionari e dei dirigenti, attuata attraverso l’individuazione e la valorizzazione delle competenze e delle attitudini, l’individuazione delle sacche di inefficienza e di scarsa produttività. La premialità sarà garantita solo per il lavoro che viene effettivamente svolto. Ci sarà un incremento della formazione interna, con l’apprendimento permanente. Verrà ricostituito l’Ufficio Programmi Complessi, nella sede originale del Palacultura”.

Oggi Pippo Trischitta interverrà all’incontro su “Politiche scolastiche per l’educazione alla sicurezza” che si svolgerà alle 11 presso il Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni. Interverranno la professoressa Maria Teresa Prestigiacomo; l’avvocato Mimma Di Santo; il dottor Renato Di Pane, poeta; la professoressa Giuseppina Cassaniti, dirigente scolastico; il professor Domenico Venuti, presidente del Movimento “Pro Messina Honesta”, presidente generale Co.B-GE inspired by ONU- UNESCO-OMS.

I temi trattati in scaletta riguarderanno la violenza domestica, il fenomeno del bullismo e la sicurezza nelle strade.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007