Trischitta: “Vorrei le scuole delle periferie come faro di legalità" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Trischitta: “Vorrei le scuole delle periferie come faro di legalità”

Trischitta: “Vorrei le scuole delle periferie come faro di legalità”

sabato 26 Maggio 2018 - 04:32
Trischitta: “Vorrei le scuole delle periferie come faro di legalità”

Domenica 27 maggio alle 18,30 a Piazza Cairoli (Messina) il candidato sindaco presenterà tutti i candidati delle liste Messina Splendida e Noi per Messina ed esporrà i principali punti del suo Programma

“Sono cresciuto in periferia e conosco bene le difficoltà ma anche le risorse che ci sono. Purtroppo, la mancanza di lavoro che porta a non pensare al futuro dei propri figli o a permettersi una casa decorosa, getta le famiglie nello sconforto e alimenta le sacche della criminalità”. Pippo Trischitta, continuando il tour tra i quartieri, ha visitato prima il Villaggio Unrra insieme all’assessore designato Maria Grazia Saccà e poi a Giostra, tenendo qui nella piazza presso la chiesa di San Matteo un comizio insieme al candidato di Messina Splendida Andrea Scipilliti.

“Degrado e disagio non sono un crudele destino: la classe politica e chi ha amministrato questa città ha una buona parte di responsabilità in tutto questo. Hanno mantenuto e mantengono il bisogno, perché poi devono vestire i panni dei “buoni” con le promesse, soprattutto quando vengono o sguinzagliano i propri uomini alla ricerca di voti”, ha tuonato Trischitta.

“Non dovete perdere la speranza, non dovete pensare che non c’è alternativa – ha ancora detto agli abitanti della zona -. E un sindaco in questo può fare tanto”. Trischitta ha, dunque, illustrato quanto inserito nel suo programma, in cui si affronta, in maniera approfondita, anche il tema delle periferie.

“Ho previsto – ha spiegato – persino l’istituzione di una delega assessoriale per le periferie e di un comitato di consiglieri di quartiere apposito”.

“Le scuole – ha continuato – sono un punto di riferimento, ma, ascoltando alcuni insegnanti degli istituti dei villaggi, mi rendo conto che la situazione è difficile e non riescono a gestire da soli le problematiche che emergono. Per questo disagio scolastico, allora, dobbiamo pensare a rafforzare l’azione di sostegno, già faticosamente portata avanti quotidianamente dai docenti. Mi riferisco ad un progetto di integrazione delle attività curriculari, col supporto di pedagogisti e psicologi. Inoltre, creare dei laboratori di approfondimento delle materie scolastiche, per offrire nuove vie attraverso le quali gli alunni si possano appassionare allo studio. In questo il supporto dovrà giungere da un programma che coinvolga i servizi sociali pubblici e le onlus. Sul modello di una scuola di Ponticelli, quartiere popolare di Napoli, anche a Messina vorrei scuole aperte fino alla sera, dove svolgere corsi di recupero per combattere il grave fenomeno ancora esistente della dispersione scolastica e per attività artistiche, come laboratori e corsi di canto e ballo ad esempio del genere rap che tanto piace ai giovanissimi, o corsi di cucina e stagioni teatrali e di proiezioni cinematografiche, aperti non solo agli iscritti degli istituti, ma anche agli altri residenti di tutte le età. Il tutto coordinato dal Comune, con progetti finanziati dalle misure previste dall’Unione Europea e ministeriali. Fondamentale è l’apporto della società civile e dei professionisti.

Sarebbe bello, come a Napoli, che anche a Messina le scuole delle periferie, illuminate anche di sera, diventassero un faro di legalità!”.

Sul lavoro, altro strumento imprescindibile per dare un’alternativa a povertà e devianza, Trischitta si è soffermato sul progetto “Start up chiavi in mano” per la realizzazione di insediamenti produttivi, favorendo imprese in cui tanti giovani potrebbero trovare occupazione, dal riciclo d materiali, alla produzioni di abbigliamento o del settore alimentare, per fare qualche esempio.

Trischitta ha auspicato, infine, di tornare nei villaggi da sindaco, con strade pulite, aiuole, arredo urbano: “Non è giusto lasciare intere zone della città nel grigiore, nella sporcizia, nell’incuria. Già questo lo vediamo nelle vie del centro, ma non dev’esserci neppure nelle periferie. Tutti hanno il diritto di vivere in luoghi belli e curati, perché da qui parte il desiderio di appartenenza ad una comunità”.

Domenica 27 maggio alle 18,30 a Piazza Cairoli (Messina) il candidato sindaco Giuseppe Trischitta presenterà tutti i candidati delle liste Messina Splendida e Noi per Messina. Trischitta esporrà i principali punti del suo Programma. Nel corso dell’incontro pubblico sarà presentato il Movimento “Pro Messina Honesta”, promosso dal professor Domenico Venuti.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007