VIDEO Luisa: “Un boato, la bomba d’acqua. Mamma e papà portati via per sempre dall'alluvione” - Tempo Stretto

VIDEO Luisa: “Un boato, la bomba d’acqua. Mamma e papà portati via per sempre dall’alluvione”

Carmelo Caspanello

VIDEO Luisa: “Un boato, la bomba d’acqua. Mamma e papà portati via per sempre dall’alluvione”

martedì 01 Ottobre 2019 - 07:00
VIDEO Luisa: “Un boato, la bomba d’acqua. Mamma e papà portati via per sempre dall’alluvione”

SCALETTA. IL RICORDO “La casa diventò la loro tomba. Mi figlia, che allora aveva 2 anni, si salvò per una fortuita coincidenza. La scorsa notte non ho dormito. Mi sembra ieri…”

SCALETTA – “Non c’è un giorno del dolore. I giorni del dolore sono tanti. Sono passati 10 anni ma è come se fosse accaduto ieri. Una esistenza stravolta. Ieri sono andata al cimitero, ho pianto tutto il giorno. E la notte non ho chiuso occhio. Ma devo andare avanti. Lo devo fare per mia figlia, che oggi ha 11 anni, e per mio marito Giampiero”.

Luisa Laganà ha portato i fiori alle tombe di Letterio ed Elena, i genitori che l’alluvione del 2009 gli ha portato via per sempre quella sera da tregenda dell’1 ottobre.

“Mamma e papà erano in casa, io al lavoro, quando un boato prima e una bomba d’acqua e fango dopo, trasformarono l’abitazione in una trappola mortale. Mia figlia, che allora aveva un anno e mezzo, si salvò per una circostanza fortuita, perché mia sorella andò a prenderla da quella casa nel primo pomeriggio, quando ancora nulla lasciava presagire cosa stesse per accadere.

Io, mio marito, la mia bimba, passammo la notte all’addiaccio, sul terrazzo di un edificio, sotto un piumone che pesava come un macigno, inzuppato di pioggia. Non c’era corrente elettrica – ricorda Luisa – il paese era spettrale. Muoversi era impossibile. Mia sorella attraverso la ferrovia giunse vicino la casa dei nostri genitori, ma si trovò di fronte una montagna di detriti. Passammo la notte sperando… Quando con Giampiero il mattino successivo raggiungemmo casa dei miei genitori comprendemmo subito la gravità della situazione. Mio papà era esanime in mezzo al fango. Mia mamma dispersa. Un dolore immenso. La ritrovarono in mare. I giorni del dolore, senza di loro, sono tanti. Una ferita troppo profonda, che il tempo non rimargina”.

Carmelo Caspanello

(ha collaborato il videomaker Matteo Arrigo)

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007