Zifaf, 9 condanne per i matrimoni combinati a Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Zifaf, 9 condanne per i matrimoni combinati a Messina

Alessandra Serio

Zifaf, 9 condanne per i matrimoni combinati a Messina

mercoledì 07 Aprile 2021 - 17:17
Zifaf, 9 condanne per i matrimoni combinati a Messina

9 condanne a 4 mesi dagli arresti dell'operazione Zifaf su matrimoni combinati tra italiane e stranieri

C’è una prima sentenza, ed è di 9 condanne, per l’operazione Zifaf, l’inchiesta dalla Direzione Distrettuale antimafia e della Guardia di Finanza su una rete di falsi matrimoni tra italiani e stranieri per conseguire i documenti e ottenere l’ingresso in Italia.

L’ha emessa oggi il Giudice per l’udienza preliminare Maria Militello, che ha chiuso il processo abbreviato accettando le richieste di colpevolezza sollecitate dall’Accusa – il PM Rosanna Casabona – per tutti gli imputati. Per alcuni di loro il giudice è stato anche più severo rispetto alle richieste del pubblico ministero.

Ecco le condanne: Angela Augliera, 5 anni e 4 mesi; Laura Bonaccorso, 4 anni e 4 mesi; Abderrahim Cherkaoui “Abramo”, 6 anni e 8 mesi; Abderrahim El Asri “Samir”, 11 anni e 5 mesi; El Habib El Asri, 3 anni e 8 mesi; Yassine Errouihaq, 6 anni; Angela Oliveri, 6 anni e 4 mesi; Oussama Soussi Kaid, 4 anni; Alessandro Tricomi, 6 anni e 4 mesi.

L’operazione è scattata a dicembre scorso: il GiCo delle Fiamme Gialle ha arrestato 16 persone – quasi 60 gli indagati in totale. Decisive le intercettazioni telefoniche: agli organizzatori si rivolgevano stranieri – soprattutto nordafricani – che avevano necessità per esempio di non essere espulsi come irregolari.

Dall’altro lato rispondevano gli italiani che li mettevano in contatto con donne messinesi in condizioni di disagio che, in cambio di piccole somme, accettavano di celebrare il matrimonio combinato. A pochissimi euro venivano fornite loro anche le fedi.

C’è un signore che ha bisogno di una pecora…”, diceva uno degli indagati al telefono, riferendosi proprio alla necessità di trovare una donna disposta a prestarsi al falso matrimonio.

Il processo ha visto impegnati nella difesa gli avvocati Domenico Andrè, Salvatore Silvestro, Gianluca Currò, Tancredi Traclò, Giovanni Mannuccia, Pietro Giannetto. I legali attendono di leggere le motivazioni del verdetto per valutare se fare appello.

Tag:

Un commento

  1. ce un signore che ha bisogno di una Pecora?? vabè ma poi lha trovata!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x