Messina. Via San Cosimo, Colli Sarrizzo, Campo Italia e Gazzi, ancora rifiuti in strada. VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina. Via San Cosimo, Colli Sarrizzo, Campo Italia e Gazzi, ancora rifiuti in strada. VIDEO

Marco Ipsale

Messina. Via San Cosimo, Colli Sarrizzo, Campo Italia e Gazzi, ancora rifiuti in strada. VIDEO

domenica 24 Ottobre 2021 - 07:20

Solo gli ultimi di una serie di episodi ripresi dalle telecamere

“Un super zozzone che va contro mano pur di buttare i rifiuti sul marciapiedi”. Il sindaco Cateno De Luca continua a pubblicare video ripresi dalle telecamere, che inquadrano cittadini che gettano i rifiuti in strada.

“Mercoledì scorso in via San Cosimo (nel riquadro principale) alle ore 10,20, è arrivato un super zozzone che ha invaso la corsia di marcia, ha fermato l’auto e ha tirato fuori un sacco di rifiuti che ha abbandonato aperto sul ciglio della strada. Dopo di che questo incivile ha fatto un’altra manovra in violazione al Codice della strada ed è andato via. Super zozzone, parlo con te: sei un pericoloso automobilista e un grandissimo incivile, ti permetti di abbandonare i rifiuti per strada nel bel mezzo della mattina perché pensi che nessuno ti veda o ti dirà nulla? Hai sbagliato i tuoi calcoli, riceverai presto la multa di 600 euro e una bella contestazione per le varie infrazioni che hai commesso. Il punto che vedete nella telecamera si trova in via San Cosimo accanto al deposito Ast ed è stato per molto tempo oggetto di numerosi abbandoni, ma grazie alle nostre telecamere gli incivili si stanno arrendendo e oramai vengono abbandonati sempre meno sacchetti. Noi ci fermeremo solo quando non ci saranno più abbandoni, fino ad allora vi becco ad uno ad uno”.

Da via San Cosimo ai Colli Sarrizzo. “Prendi l’arte e mettila da parte, così recita un vecchio adagio ma non pensavo che qualcuno potesse interpretare questo motto alla lettera – dice il sindaco -. Invece pare proprio di sì… giovedì mattina il nucleo di sezione ambientale della Polizia municipale, mentre eseguiva un controllo sui colli San Rizzo, si imbatteva in un cumulo di rifiuti. Controllando meglio, si avvedevano che si trattava dei libri di scuola di una giovane messinese: libri di esercizi in lingua latina, quaderni, materiale scolastico vario che giaceva abbandonato su una delle strade più belle e panoramiche di Messina. La Polizia Municipale ha già rintracciato la proprietaria di questo materiale scolastico alla quale è stato contestato di avere realizzato una discarica abusiva, con relativa sanzione amministrativa. Non posso nascondere il mio personale dispiacere per quanto è stato rinvenuto dalla Polizia Municipale: penso a quanti sacrifici fanno le famiglie per fare studiare i propri figli e vedere poi che fine hanno fatto i libri pagati a caro prezzo, il materiale scolastico che comunque rappresenta anche un ricordo del percorso degli studi, mi rattrista enormemente. Inutile dirvi che per smaltire la carta è sufficiente conferirla secondo il calendario della raccolta differenziata, mentre i libri usati, se proprio non vi servono più e neppure vi interessano, prima di buttarli, provate a vedere se potete donarli alle parrocchie ed alle associazioni di volontariato, consentendo a chi è meno fortunato di avere un libro che per lui magari rappresenterà un bene prezioso. Il ciclo dei rifiuti si fonda sulle 4 R: riduci, riusa, ricicla e recupera. Solo così salveremo l’ambiente dagli sprechi e ridurremo i rifiuti”.

Rifiuti gettati a Campo Italia

La rassegna prosegue a Campo Italia: “Altro zozzone beccato! Salita Campo Italia (via Terracini) martedì 19 alle ore 22: lo zozzone di turno esce di casa, percorre la strada isolata, sceglie il punto, accosta e scarica a bordo strada due grossi sacchi neri. La Messina servizi ha effettuato numerose bonifiche di questa strada e puntualmente ogni volta riappaiono i sacchi di spazzatura abbandonati sul ciglio della strada. Siete degli incivili che non conoscono la vergogna ma la pacchia è finita: questo zozzone riceverà la multa a casa”.

Rifiuti gettati a Gazzi, dietro il carcere

“Ed anche all’istituto penitenziario di Gazzi tante telecamere anti zozzoni! In una delle tappe del tour che stiamo facendo nei villaggi e nei quartieri, ci siamo soffermati a parlare della discarica abusiva che si forma nella strada dietro la Casa Circondariale di Gazzi a causa degli abbandoni di rifiuti da parte degli zozzoni. Avevamo annunciato che avremmo installato una telecamera e così è stato: le telecamere mi hanno proposto immagini di zozzoni a piedi, zozzoni in motorino, zozzoni in macchina, in bicicletta e anche con altri mezzi di trasporto, che ad ogni ora del giorno e della notte vanno a buttare la loro spazzatura in via Valore. Ma perché? Avete i mastelli e i carrellati e un servizio che ogni giorno ritira i rifiuti direttamente a casa vostra. E voi continuate a sporcare la città. Non ci sono scusanti né alibi che tengano, non è questione di difficoltà né di ritardi nello svolgimento del servizio: qui il problema siete voi zozzoni! Ve lo ripeto, continueremo a controllare e sanzionare e vi beccherò ad uno ad uno!”.

Tag:

10 commenti

  1. Che bello se pagassero le multe.
    Probabilmente non lo faranno.
    Caro sinnico insisti e non mollare.

    24
    5
  2. BRAVO ( per la PRIMA VOLTA mi trova d’accordo..😳…ad uno ad uno bisogna stanarli e se non pagano sequestro di mezzo immediato fino al saldo della sanzione!!!!!A proposito ma quanti di questi di cui ci fa vedere i video hanno pagato???? ….mi farebbe più piacere sapere i PAGANTI …..non vorrei poi fosse l’ennesimo SUO TANTU TRAFICU PI NENTI 😏……in ogni caso QUESTA SUA MARCATURA SUL TERRITORIO CI VOLEVA…..diamo a CATENO QUEL CHE È DI CATENO 👍👏👏👏👏👏👏👏👏👏

    23
    5
  3. Mi piacerebbe 😠😠 appunto sapere quante di queste multe vanno a buon… fine. Spero, che una volta beccati, gli si faccia pagare la TARI con tutti gli arretrati.

    17
    6
  4. In questa iniziativa il Sindaco è stato efficace.
    L’inciviltà che si rileva da questi episodi lascia sconcertati. Ma è possibile che ci siano ancora persone così ?!?!?
    Sanzionare come previsto dalla legge. Non c’è altro.

    11
    2
    1. Segnalate i pollici in giù al Sindaco. Come le videotrappole.

      4
      1
  5. Ormai è chiaro che molti messinesi ne hanno fatto una questione personale con.il sindaco sfidandolo boicottando la differenziata. Del resto il De Luca alimenta questi comportamenti incivili con atteggiamenti presuntuosi e arroganti

    7
    9
  6. Ma perché continuate a svelare i punti di installazione?

    7
    7
    1. Sanzionare e pubblicare le immagini senza copertura se occorre, questi incivili devono provare vergogna a farsi vedere in giro.Bravo Sindaco continua cosi 👏👏👏Ti aspettiamo in Via Comunale 311 Santo, dove ogni sera verso le 18 una “signora” butta un sacco nero di rifiuti con indifferenza. Esce dal cancello del terreno dell’ autostrada , scende dall’auto e butta il sacco nero.
      Non gli basta essere abusiva..

      DOVETE FARLA SMETTERE!
      NON ASPETTO ALTRO

      7
      1
      1. Credo possa inviare direttamente lei le foto o denunciare alla polizia municipale, non capisco perché debba attendere che vengano piazzate le telecamere.

        4
        0
  7. Continuare incessantemente questa lotta a incalliti “nzivati e lordi” che non si vogliono piegare a pagare la tari e a differenziare da persone civili; fa benissimo l’amministrazione a scovare questi porci a due zampe; volevo suggerire un’altra cosa: non fate vedere dove sono installate le telecamere, fototrappole e quant’altro, gli zozzoni in questo modo le eviteranno…siate piu’ furbi di loro e continuate a sanzionare senza fine!!

    7
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x