VIDEO Risanamento al palo. Siracusano: "Pd e M5S chiedano scusa a Messina" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

VIDEO Risanamento al palo. Siracusano: “Pd e M5S chiedano scusa a Messina”

Rosaria Brancato

VIDEO Risanamento al palo. Siracusano: “Pd e M5S chiedano scusa a Messina”

mercoledì 30 Settembre 2020 - 09:03

La legge speciale per eliminare le baraccopoli è ferma al palo. L'allarme della deputata forzista

Mentre il no del governo nazionale sul Ponte dello Stretto riaccende gli animi e il dibattito c’è un altro tema fonte di scontro: la legge speciale per Messina, quella per il risanamento. La proposta che comporta la fine delle baraccopoli è ferma al palo ormai da mesi, nonostante le richieste presentate da Forza Italia per legittimarne l’urgenza.

L’allarme di Matilde Siracusano

L’allarme, ancora una volta, è della deputata Matilde Siracusano, promotrice della proposta di legge che è stata accorpata con il ddl di Navarra. Da quel giorno, nonostante i proclami di unità e rapidità, la legge è finita nei tempi biblici del Parlamento.

Lo stop al risanamento

Abbiamo chiesto più volte la procedura d’urgenza- spiega Matilde Siracusano- ma la maggioranza ha sempre detto no. Infine, dopo estenuanti trattative, la proposta di legge aveva inizia il suo iter parlamentare dalla Commissione Ambiente di Montecitorio. Prima della pausa estiva, su nostra iniziativa, erano state audite le prime personalità, adesso, a un mese dalla riapertura della Camera, Partito democratico e Movimento 5 Stelle hanno, di fatto, bloccato l’esame del provvedimento”.

Pd e M5S lo hanno stoppato

Nell’ufficio di presidenza della Commissione gli esponenti Pd e 5Stelle hanno espresso la volontà di accantonare la proposta di legge, ritenendola non essenziale, a favore di altre iniziative legislative che stanno più a cuore alle forze politiche che sostengono il Conte bis.

Chiedano scusa alla città

Forza Italia, al contrario, continua a ritenere assolutamente prioritaria l’approvazione di questa legge- prosegue Siracusano- Chiedo scusa, anche a nome dei colleghi di maggioranza, ai cittadini della mia città. Il Parlamento sta nascondendo il sole con un dito, sta scappando dalle sue responsabilità. A Messina 8mila cittadini, 2.500 nuclei familiari, si apprestano ad affrontare un ennesimo inverno negli 85 agglomerati di casette di fortuna nei quali risiedono da decine e decine di anni, con tetti in eternit, con fogne a cielo aperto e con i bambini che giocano in mezzo ai topi. Se tutto questo per alcuni non è importante che lo dicano in modo chiaro e trasparente, al Paese e soprattutto ai messinesi e ai siciliani. Basta con le ipocrisie”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Solo per il risanamento? PD e M5s dovrebbero chiedere scusa a Messina e ai messinesi per tante altre cose.

    3
    2
  2. Zingaretti , Di Maio, Renzi , bella accoppiata , finita questa tornata elettorale, ci rivedremo alla prossima, Messina non dimentica.

    5
    2
  3. Qualcuno non è d’accordo con i commenti nonostante la realtà. evidentemente si comporta come quel giapponese che dopo 30 anni credeva che ancora ci fosse la guerra.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007