La proroga a Messinambiente fa paura, ancora nessuna soluzione per il futuro della raccolta - Tempostretto

La proroga a Messinambiente fa paura, ancora nessuna soluzione per il futuro della raccolta

Francesca Stornante

La proroga a Messinambiente fa paura, ancora nessuna soluzione per il futuro della raccolta

venerdì 30 Dicembre 2016 - 00:31

Scade domani l'affidamento del servizio a Messinambiente e neanche ieri a Palazzo Zanca si è riusciti a chiudere il cerchio per dare continuità alla raccolta rifiuti. La situazione è incandescente, gli occhi sono puntati sul segretario/direttore generale Le Donne che a questo punto potrebbe essere l'unico a firmare il provvedimento.

Il conto alla rovescia a Palazzo Zanca è già iniziato. E non è quello che scandisce l’arrivo del nuovo anno tra brindisi e auguri, ma quello verso la soluzione della questione rifiuti. Perché il 2017 rischia di portare con se un disastro nella gestione di uno dei servizi vitali per la città. E nessuno naturalmente vuole correre il rischio di arrivare al 1 gennaio senza aver trovato il modo per dare continuità alla raccolta della spazzatura. La situazione è sempre più incandescente. E neanche ieri l’amministrazione Accorinti è riuscita a chiudere il cerchio sull’unica strada che potrebbe scongiurare il peggio: la proroga a Messinambiente. Quella attualmente in vigore scade domani. I tempi sono dunque strettissimi, ma che questa volta il rinnovo dell’ennesimo affidamento alla società di via Dogali sarebbe stato tutt’altro che scontato era evidente già da settimane. Non ne vogliono sapere i dirigenti comunali spaventati dalla bomba ad orologeria chiamata Messinambiente, tanto che il dirigente del Dipartimento Ambiente Natale Castronovo sarà in ferie fino al 9 gennaio e aveva già posto una serie di rilievi sia giuridici che tecnici. Non ne vuole sapere nulla il commissario straordinario che attende le determinazioni del sindaco di Messina e soprattutto non ne vuole sapere niente la gente che di un servizio così scadente non ne può più.

È tutto quindi nelle mani del sindaco Renato Accorinti che dovrà chiedere al “suo” uomo di fiducia, il direttore generale Antonio Le Donne, di mettere una pezza laddove oggi nessuno vuole mettere mani. Ormai però da qualche tempo tra il primo cittadino ed il segretario/direttore generale sembra non esserci più il feeling dei giorni migliori, ma l’unica soluzione potrebbe davvero essere una firma di Le Donne che consegna ancora una volta il servizio a Messinambiente, prolungando l’agonia della società ma dando quantomeno garanzia dei servizi. Su Le Donne sono adesso puntate le ultime speranze per il servizio di raccolta rifiuti nella città, in attesa che si attivi la nuova società. Non è un caso che i dossier della vicenda rifiuti siano al momento tutti nelle sue mani: costituzione ed affidamento servizio alla nuova società, gestione della vicenda Messinambiente alla luce dei rischi di fallimento cui è soggetta e ora da ultimo la questione della “proroga” del servizio alla stessa Messinambiente dalla quale tutti fuggono.

Qualcuno mormora che questo “tirare” la corda sino all’ultimo momento sia dovuto, oltre che alla cautela sulla questione, anche alla volontà del Direttore Generale di rafforzare nuovamente la propria posizione rispetto a quelli che ormai ne chiedono la rimozione da molti mesi, ribaltando a proprio favore una situazione nella quale l’amministrazione si trova con le spalle al muro. Gli equilibri interni all’amministrazione però a questo punto dovrebbero passare in secondo piano. Siamo arrivati a meno di 48 ore dalla scadenza del servizio a Messinambiente. Ormai il tempo è scaduto.

Francesca Stornante

Tag:

6 commenti

  1. oddio moriremo tutti allora ???

    0
    0
  2. oddio moriremo tutti allora ???

    0
    0
  3. “…È tutto quindi nelle mani del sindaco Renato Accorinti…” Siamo a posto… E allora, purtroppo, sarà l’ennesima vergognosa, devastante, emergenza rifiuti. Voglio, però, spezzare una lancia a favore di Accorinto: poverino, non è colpa sua, anzi Messina deve dire grazie per quello che ha cercato di fare e sta facendo (cioè niente). Ecco se devo dire una cosa contro, si, non è umile, quando si hanno dei limiti concettuali si dovrebbe avere l’umiltà di dire: ragazzi, ho scherzato “non sugnu cosa” neanche di amministrare un condominio di…due appartamenti. A chi dirà: però è onesto, dico che non basta, anzi meglio un sindaco disonesto ma capace (che Messina, ahimè, non ha mai avuto).

    0
    0
  4. “…È tutto quindi nelle mani del sindaco Renato Accorinti…” Siamo a posto… E allora, purtroppo, sarà l’ennesima vergognosa, devastante, emergenza rifiuti. Voglio, però, spezzare una lancia a favore di Accorinto: poverino, non è colpa sua, anzi Messina deve dire grazie per quello che ha cercato di fare e sta facendo (cioè niente). Ecco se devo dire una cosa contro, si, non è umile, quando si hanno dei limiti concettuali si dovrebbe avere l’umiltà di dire: ragazzi, ho scherzato “non sugnu cosa” neanche di amministrare un condominio di…due appartamenti. A chi dirà: però è onesto, dico che non basta, anzi meglio un sindaco disonesto ma capace (che Messina, ahimè, non ha mai avuto).

    0
    0
  5. Di puzza SI!!!

    0
    0
  6. Di puzza SI!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007