"A proposito del caso Dugin e del carosello di provincialismo" - Tempo Stretto

“A proposito del caso Dugin e del carosello di provincialismo”

.

“A proposito del caso Dugin e del carosello di provincialismo”

. |
giovedì 20 Giugno 2019 - 07:56
“A proposito del caso Dugin e del carosello di provincialismo”

Continua il dibattito scatenato dall'incontro con il filosofo

In merito alla querelle su Dugin pubblichiamo questa riflessione di un esponente delle associazioni animaliste, candidato alle Europee nel partito animalista, Carlo Callegari

In questi giorni si è fatto sulla vicenda di Dugin, un carosello di provincialismo sulla libertà d’espressione. Ci tengo ad affermare che la libertà non può essere lasciata agli ignavi e agli ipocriti. Penso che il rifiuto di concedere una sede istituzionale al Sig. Dugin non sia stato un atto di censura.  I suoi libri si possono liberamente acquistare. D’altronde, mi risulta che l’ospite ha parlato in pubblico e che il clamore della vicenda gli ha dato più ampia diffusione mediatica. Concedere la sala di un’ alta istituzione culturale, non è l’esito scontato di una procedura burocratica, ma impone l’obbligo di un giudizio delle idee dell’oratore, per non rischiare di avallare teorie eversive della costituzione, che tutti abbiamo il dovere di difendere. La libertà di espressione si regge sull’estensione della libertà, quindi non è una contraddizione rifiutarla agli odiatori della libertà. Si può sospettare che, chi si è sorpreso e indignato del rifiuto, s’aspettasse un riconoscimento ufficiale del valore dell’opera del signor Dugin. Informandomi in rete, pur nei limiti della fonte, mi è parso di capire che nel nuovo ordine politico e sociale preconizzato, la libertà non apparterrà agli individui.

La chiusa della prefazione di Piero Calamandrei del 1946 alla vigilia della Costituente alla ristampa anastatica dei “diritti di libertà” di Francesco Ruffini apparsi nelle edizioni Gobetti del 1926 nella fase di compimento del regime fascista, risuona nella sua semplice verità, come un monito a contrastare col massimo vigore ogni pur minima offesa alla dignità di qualsiasi persona. anche la libertà è come l’equilibrio atomico: basta che sia infranta in una persona, cioè in un atomo della società, perchè da questa frattura infinitesima si sprigioni e si diffonda una forza distruttiva capace di sovvertire il mondo.

Carlo Callegari

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007