Il gruppo Martorano pensa al Cosenza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il gruppo Martorano pensa al Cosenza

Il gruppo Martorano pensa al Cosenza

giovedì 09 Giugno 2011 - 11:46
Il gruppo Martorano pensa al Cosenza

Alcuni imprenditori rappresentanti dall’attuale presidente del Messina hanno intavolato una trattativa per entrare nell’operazione di salvataggio del club calabrese

Mentre l’Acr Messina si avvicina lentamente ad una fine ingloriosa, abbandonata a se stessa, carica di debiti e senza all’orizzonte un futuro, il “gruppo Martorano” pensa al Cosenza. Avete letto bene, Bruno Martorano, ancora oggi presidente del club peloritano, è in questo momento impegnato a dialogare con la cordata che sta lavorando per salvare la compagine calabrese dalla scomparsa, dopo la disastrosa stagione 2010/2011 conclusa con la retrocessione in Seconda Divisione (in virtù delle penalizzazioni). La notizia da noi intercettata trova conferme proprio da da Cosenza, dove si sta svolgendo la trattativa.

Attualmente il gruppo che lavora per dare un futuro al Cosenza è composto dal trio De Caro-Carnevale-Chianello. Si tratta di industriali già precedentemente vicini al Cosenza 1914. L’obiettivo è quello di ampliare la base economica in modo da potere saldare debiti, assolvere i pagamenti e predisporre le fidejussioni propedeutiche all’iscrizione al prossimo campionato, che clamorosamente, in virtù dello scandalo scommesse, potrebbe nuovamente essere la Prima Divisione attraverso un ripescaggio. Tutto però , è legato alla solidità finanziaria dei subentranti. Ecco perché a sostegno dell’iniziativa di salvataggio si è esposto il neo-sindaco Mario Occhiuto, senza intermediari, per cercare altre forze economiche che possano essere coinvolti nel progetto: il primo cittadino ha convocato le associazioni di categoria. Appelli sono giunti anche dall’ex presidente del club Pino Citrigno.

Tornando al gruppo Martorano, in questo momento non è nota la composizione dello stesso. A Messina l’imprenditore reggino fu inizialmente accompagnato da Vincenzo Principato, Vincenzo Falduto Zera e Nuccio Ficara. Il primo ha abbandonato l’Acr per il coinvolgimento nell’inchiesta anti-n’drangheta condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria nei confronti delle cosche Ficara e Latella. A seguire ha lasciato il Messina anche il genero Falduto Zera. Al timone, da quell’11 marzo, sono rimasti solo Martorano e Ficara, ma qualcosa deve essere andato storto visto che gli impegni finanziari presi con giocatori, dipendenti e fornitori, proprio da quel mese, non sono più stati rispettati. Discorso analogo, nonostante le promesse, per quanto riguarda il saldo dei debiti ereditati dalle precedenti gestioni (non parliamo nemmeno di cittadella sportiva e ripescaggio). Dunque a Cosenza, con Martorano, ci sono nuovi soci o gli stessi che a fine 2010 subentrarono a Piero Santarelli? Per capire se l’operazione andrà in porto bisognerà vedere se le parti riusciranno a trovare un accordo, con tale ing. Bonaventura Lamacchia a fare da intermediario tra le parti. Contatti sono previsti in giornata. Intanto sull’Acr continua a persistere un desolante e doloroso silenzio. (E. Rigano)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

8 commenti

  1. si sapeva……

    0
    0
  2. Bravo Martorano.. l’importante che organizzi il Messina day e la gente ti crede… ti auguro le migliori sfortune al Cosenza e ovunque tu vada… per il resto la colpa non è solo tua ma di tutta la classe politica in primis..

    0
    0
  3. Bravo Martorano….ti auguro le migliori sfortune al Cosenza e ovunque tu vada……Reggino”Buddace”!!!!

    0
    0
  4. TUTTI MERAVIGLIATI?…. IO NON SONO MERAVIGLIATO… MA PENSATE CHE CHI VENGA DOPO FACCIA DIVERSAMENTE?… MI DISPIACE NON SI PUO’… PERCHE’ A MESSINA VINCE SEMPRE L’IGNORANZA E IL MENEFREGHISMO TOTALE. NON VOGLIO AGGIUNGERE PIU’ PAROLE PERCHE’ NON CI SAREBBE FINE …. MOLTI NON HANNO ANCORA CAPITO CHE CHIUNQUE ABBIA RISORSE NECESSARIE DA INVESTIRE, NON VERRA’ CERTO A BUTTARLI NELLA SPAZZATURA, OSSIA IN UNA CITTA’ CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI, GESTITA DA INETTI E ABITATA (ME COMPRESO) DA TANTI INCAPACI CHE CIARLANO IN CONTINUAZIONE SENZA MAI GIUNGERE AL SUCCO…. NESSUNO VERRA’ MAI A FARE QUALCOSA DI BUONO A MESSINA …

    0
    0
  5. Ormai è inutile piangere sul latte versato. Ho cercato di far aprire gli occhi ai veri tifosi e sono stato sempre accusato. Eppure ho tentato in tutti modi per fare emergere il calcio a Messina avendo contro la classepolitica e non solo quella. Possiamo ripartire da zero, ed io, sono disposto a mettere a disposizione la mia esperienza e ricostruire quella forza imprenditoriale che ci possa dare tranquillità economica. Mi rivolgo ai tifosi veri. Unitevi a me e non vi deluderò. Ciò che fino ad oggi abbiamo visto lo avevo previsto. E non mi potete dire che non è vero. Ripartiamo da zero e, soprattutto, da veri messinesi per Messina.
    Giusppe Rodi

    0
    0
  6. Chi vuole aderire ad un nuovo progetto può scrivere a “fcsportingmessina@libero.it”. Proviamo tutti insieme a far risorgere il calcio messinese e, soprattutto, lasciamo fuori chi vuole ostacolare l’onesta con iniziative trasversali che puoi danno catti frutti. FORZA MESSINA sempre e comunque.

    0
    0
  7. vuoi un cracker 10 Giugno 2011 22:20

    ahahaha,complimenti x la chicca,ma chi è che vi confessa queste bombe??la buon’anima di maurizio mosca???questa è proprio una caxxata

    0
    0
  8. vuoi un cracker 10 Giugno 2011 22:21

    ma serio? ahahahaah

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007