Fogna a cielo aperto sul lungomare, "guerra" tra Roccalumera e Pagliara - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Fogna a cielo aperto sul lungomare, “guerra” tra Roccalumera e Pagliara

Fogna a cielo aperto sul lungomare, “guerra” tra Roccalumera e Pagliara

venerdì 12 Giugno 2015 - 13:55
Fogna a cielo aperto sul lungomare, “guerra” tra Roccalumera e Pagliara

Botta e risposta tra i sindaci Argiroffi ("l'inconveniente non è riconducibile alla condotta roccalumerese") e Prestipino (“la fuoriuscita dei liquami è dovuta al malfunzionamento della rete che accoglie la nostra fognatura, posta all’interno dell’area del depuratore,non abbiamo alcuna competenza per intervenire")

Dopo la fogna, a Roccalumera, esplodono le polemiche. E la guerra di competenze tra i Comuni di Pagliara e Roccalumera. Il sindaco di quest’ultimo centro, Gaetano Argiroffi, rispondendo al j’accuse della minoranza per la grave situazione igienico-sanitaria verificatasi martedì scorso in seguito ad un acquazzone, aveva puntato l’indice verso il collega di Pagliara, Domenico Prestipino. Il quale, a distanza di 24 ore, ha rispedito le accuse al mittente, contrattaccando. Andiamo con ordine. Ovvero dalle dichiarazioni del primo cittadino roccalumerese, Gaetano Argiroffi. “Siamo stati tacciati dall’opposizione – esordisce – di strafottenza ed incuria. E’ falso che il sottoscritto e l’ufficio tecnico siano stati inerti, in quanto, già da martedì sera, sono stati predisposti tutti gli interventi necessari a bloccare la fuoruscita delle acque nere.

Detto questo – prosegue Argiroffi – l’inconveniente non è riconducibile alla condotta fognaria di Roccalumera, bensì a quella di Pagliara. Mercoledì, abbiamo sollecitato il Comune collinare ad intervenire facendo presente che la fognatura di Pagliara fuoriusciva dal pozzetto antistante il cancello d'ingresso del depuratore e si riversava sulla via Vespucci fino al Lungomare, compromettendone la salubrità e l'igiene. Pertanto – incalza il sindaco di Roccalumera – abbiamo chiesto di intervenire con estrema urgenza precisando di aver dato già comunicazione agli Enti preposti alla tutela dell'igiene pubblica. Abbiamo inoltre precisato – chiosa Argiroffi – che in caso di mancato intervento, stante l'allarme sociale, il nostro Comune sarebbe intervenuto per la risoluzione del problema con addebito delle spese”. Il documento è stato firmato dal responsabile dell'Area tecnica, l’architetto Giuseppe Della Scala.

Questa mattina il sindaco di Pagliara Prestipino ha inviato una nota al Comune di Roccalumera, controfirmata dal responsabile dell’area tecnica, con la quale declina ogni responsabilità. “La fuoriuscita dei liquami – sostiene Prestipino nella missiva – è dovuta al malfunzionamento della rete che accoglie la nostra fognatura, posta all’interno dell’area del depuratore, costruita (e peraltro è sotto la sua manutenzione, da sempre) dal Comune di Roccalumera. Inoltre – aggiunge il sindaco di Pagliara – il malfunzionamento potrebbe essere addebitato alle radici degli alberi di alto fusto posti all’interno del depuratore che riducono notevolmente la portata della rete la sezione di ricezione. Alla luce di queste considerazioni – conclude Prestipino – non si ritiene di nostra competenza l’intervento richiesto, rimanendo disponibili ad un incontro per affrontare la problematica”. Tutto finito. Nemmeno per sogno. Il Comune di Roccalumera ribadisce che la responsabilità dell’accaduto è di Pagliara. Ed annuncia una controreplica.

Carmelo Caspanello

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007