Una settimana fa l’inizio dell’ “odissea idrica”. A distanza di sette giorni Buzzanca fa il punto: «Dall’Amam scarsa comunicazione» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Una settimana fa l’inizio dell’ “odissea idrica”. A distanza di sette giorni Buzzanca fa il punto: «Dall’Amam scarsa comunicazione»

Una settimana fa l’inizio dell’ “odissea idrica”. A distanza di sette giorni Buzzanca fa il punto: «Dall’Amam scarsa comunicazione»

sabato 03 Marzo 2012 - 12:09

Il primo cittadino in un video messaggio analizza i giorni dell’emergenza (quasi) del tutto lasciata alle spalle e “stigmatizza” la mancanza di sufficienti informazioni da parte dell’Azienda acque. Qualche riflessione anche sull’ipotesi Alcantara

Sette giorni fa come oggi Messina rimaneva a bocca asciutta. A distanza di una settimana, incredibile ma vero, in alcune zona della città l’approvvigionamento idrico non è ancora tornato del tutto a regime (fascia nord e aree collinari), segno evidente di problemi gestionali di cui si è ben consapevoli ma che purtroppo, nel momento dell’emergenza, piombano addosso senza controllo esattamente come la frana che a Trappitello ha travolto la condotta di Fiumefreddo. Una settimana esasperata ed esasperante quella vissuta in città, alimentata, purtroppo, dalla cattiva comunicazione, anzi dalla totale assenza di comunicazione, da parte dell’Azienda Acqua, che per tutta la durata del disservizio, tranne gli ultimi giorni, non ha permesso ai cittadini, “assetati” oltre che di acque, di aggiornamenti, di avere un quadro esaustivo della situazione.

Una mala gestione comunicativa, che ha dunque ulteriormente appesantito la vicenda e che viene fortemente stigmatizzata anche dal sindaco Buzzanca, che su quanto accaduto e più in generale sulla necessità di affrontare in modo organico il problema acqua, fa il punto della situazione attraverso un video: «Lo dico con estrema franchezza, è mancata una comunicazione capillare da parte dell’Amam che se ne sarebbe dovuta occupare e che invece non ha tenuto in ordine il proprio sito nel momento in cui l’informazione telematica sarebbe diventata oggetto di attenzione da parte di tutti. Non entro nel merito delle modalità con cui è stato necessario effettuare gli interventi, decisamente complessi, nell’area interessata dalla frana, anche perché a causa delle piogge abbondanti che ci sono state durante le operazioni, tutto è stato più difficile. Tuttavia – ribadisce Buzzanca – mi sono dovuto fatto carico di informare i cittadini, che sono stati spaventati dalla mancanza di informazione».

Il primo cittadino che sul fronte comunicativo non ha dunque fatto sconti all’Azienda Acque, interviene poi sulla questione della fornitura dall’Alcantara di cui tanto si è discusso in questi giorni e di cui si discuterà anche nell’incontro fissato martedì alla provincia con i dirigenti dell’Ato Idrico e della Regione: «In questi giorni si è parlato di fare ricorso alla fornitura dell’Alcantara, noi stiamo lavorando affinché il governo regionale si faccia carico del problema perché sarebbe impensabile per il Comune sostenere una spesa dieci volte superiore rispetto a quella che paghiamo per Fiumefreddo. Ricordo – continua Buzzanca – che per l’utilizzo dell’Alcantara esiste un’apposita società di cui fa parte, oltre Siciliaque anche la Regione. Speriamo, dunque, che possa valere un principio fondamentale che è quello della partecipazione del pubblico, in questo caso del governo regionale, che in caso di esigenza possa intervenire facendo abbattere i costi di utilizzo. In caso contrario sarebbe la comunità messinese, di volta in volta, a doversene fare carico». Al momento la città dello Stretto copre il 20% del fabbisogno giornaliero con l’acquedotto della Santissima, tutto il resto viene da Fiumefreddo. Ecco perché, ora più che mai, è necessario trovare un punto di incontro che eviti di mettere nuovamente in ginocchio la città. (EDP)

Tag:

9 commenti

  1. A frittata fatta, la regola più facile, regolarmente applicata in questi casi, è quella dello scaricabarile. Le responsabilità sono sempre di altri!!! Ma chi è che doveva vigilare ed intervenire? Non forse chi ha la responsabilità del governo della città? Essre il primo citadino, dovrebbe anche comportare l’assunzione delle proprie responsabilità. Ed ora, passata l’ emergenza, tra qualche giorno tutto come prima, aspettando inevitabilmente, tra qualche mese la prossima.

    0
    0
  2. La colpa è solo dei messinesi. Sempre. Vedremo alle prossime elezion

    0
    0
  3. oggi è arrivata la bolletta dell’AMAM……..col cavolo che gliela pago!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  4. Ma il sindaco non è responsabile della salute dei suoi concittadini?
    Non doveva accorgersi prima che i dirigenti, lautamente pagati, dell’amam non davano alcuna comunicazione (anche negativa) ai loro forzati clienti?
    Anche nel sito del comune non esistevano comunicazioni di servizio per i cittadini, forse perché lo stesso ritiene, secondo me a torto, di non doversi ingerire nella gestione che l’amam fa del bene pubblico essenziale che è l’acqua.
    Tutto questo far finta di non vedere da parte del sindaco ed il suo scarica barile successivo, come a riacquistare una verginità perduta, sa quanto meno di ridicolo.
    Noi cittadini, se non riusciamo a scendere in piazza, almeno dovremmo ricordarci di ciò al momento del voto, ricordando anche la brigata politica che lo ha tirato fuori dal cilindro e ce l’ha regalato.
    diego mazzeo

    0
    0
  5. Come al solito cittadini di Messina, restiamo a guardare…. mahhh

    0
    0
  6. carmelo cascio 4 Marzo 2012 10:43

    Una Domanda diretta ai CITTADINI MESSINESI.

    Il Sindaco Buzzanca, gli Assessori, I Consiglieri Comunali, i Dirigenti e tutti i POLITICI di questa Città (TUTTI
    INSIEME DA ANNI APPASSIONATAMENTE), sono CREDIBILI nel momento in cui “tentano maldestramente di fare finta” di non vedere un Buco di Bilancio del Comune di almeno ” 300 milioni di euro” ?

    0
    0
  7. puzza di bruciato 4 Marzo 2012 12:05

    Prove “Tecniche” di come inserire uomini vicini alla casta dentro l’AMAM…… Storia vecchia…… Possibile he nessuno se ne accorge….

    0
    0
  8. liliana parisi 4 Marzo 2012 15:03

    Ci aspettiamo che nella prossima bolletta Amam ci sia uno sconto per il mancato servizio e il disagio subito dagli utenti

    0
    0
  9. buzzy,scaru tu e tutta la giunta.Ma se è come dici,perchè non azzeriò’amam e dopo vai acasa ,però a Baccellona pure tu? cITTA DI INDEGNI.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x