Nuovo guasto all’acquedotto di Fiumefreddo. Anastasi: "Riparato alle 4.30 di stanotte" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Nuovo guasto all’acquedotto di Fiumefreddo. Anastasi: “Riparato alle 4.30 di stanotte”

Nuovo guasto all’acquedotto di Fiumefreddo. Anastasi: “Riparato alle 4.30 di stanotte”

lunedì 18 Febbraio 2013 - 07:00
Nuovo  guasto all’acquedotto di Fiumefreddo. Anastasi: “Riparato alle 4.30 di stanotte”

Il presidente dell'Amam fa sapere che gli interventi sono stati completati dai tecnici dell’Amam in nottata e che dal primo pomeriggio si dovrebbe man mano tornare alla normalità. L'acqua arriverà in centro città tra le 12 e le 13. Tempi brevi anche per la zona sud, più lunghi invece per la zona nord

Nuovo guasto all’acquedotto di Fiumefreddo, stavolta nella zona di Letojanni. I tecnici dell’Amam stanno lavorando ed in mattinata dovrebbero essere completati gli interventi. Tuttavia, in molte zone della città continueranno a persistere i disagi iniziati sabato pomeriggio, quando l’erogazione dell’acqua era stata sospesa a causa di uno smottamento nella zona di Sant’Alessio che aveva danneggiato la tubazione. Quel guasto era stato riparato nella tarda mattinata di ieri e dell’Amam avevano assicurato che si sarebbe tornati alla normalità già a partire dal pomeriggio. In serata, però, la segnalazione di un nuovo problema nella zona di Letojanni ha fatto scattare nuovamente l’allarme.

ORE 8.40: Il presidente dell'Amam, Alessandro Anastasi – contattato telefonicamente – fa sapere: "Gli interventi sono stati completati dai tecnici dell’Amam alle 4.30 di stanotte e dal primo pomeriggio si dovrebbe man mano tornare alla normalità. L'approvvigionamento dell'acqua è già iniziato.

ORE 10: E' in corso il riempimento dei serbatoi. L'acqua dovrebbe arrivare in centro città tra le 12 e le 13. Tempi brevi anche per la zona sud, mentre per la zona nord bisognerà attendere qualche ora in più. Il ritorno definitivo alla normalità non avverrà comunque prima di domani, poiché per tutta la giornata odierna l'erogazione sarà ridotta.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

22 commenti

  1. Niente di niente tre giorni senza acqua ma con quale coraggio volete far rinascere Messina ma cosa avete studiato lasciare 250 mila abitanti senza acqua nel 2013 e veramente VERGOGNOSO siete meschini mi fate pena.

    0
    0
  2. Messina città del futuro? Si, ma quello più noir, stile Taxi Driver!

    0
    0
  3. Stamattina, con grande stupore e rabbia, constato che il mio serbatoio è completamente prosciugato! In famiglia, è la prima volta che accade in 22 anni che sono sposato, non abbiamo potuto lavarci! Eppure dicono che il guasto si è verificato un paio di giorni fa e quindi com’è possibile che in due giorni io abbia fatto fuori 1.000 litri di acqua? Impossibile! La risposta è che nella mia zona (S. Michele) l’erogazione dell’acqua è stata sospesa da almeno 7-10 giorni e nessuno ci ha avvisati. E pretendono che si paghi il 30% in più di aumento del canone acqua per sanare i debiti del Comune. Ma che vadano in malora il Commissario, gli Amministratori e i ragionieri di Palazzo Zanca!

    0
    0
  4. Mi piace!

    0
    0
  5. V E R G O G N A !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  6. PERACOTTARI!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  7. e ‘sti mentecatti vogliono pure aumentare le bollette???

    0
    0
  8. A Palermo per anni i rubinetti sono rimasti a secco, l’erogazione idrica avveniva a giorni alterni in piena notte, per creare quindi il massimo disagio.
    Ora l’acqua c’è in abbondanza, notte e giorno.
    Ho chiesto ai palermitani i motivi di questo prodigio e che tipo di lavori avesse fatto il Comune di Palermo per restituire ai cittadini un bene essenziale.
    Mi hanno risposto che non è stato realizzato alcun tipo di lavoro, ma è cambiato solo il consiglio comunale.
    Meditate gente, meditate.
    Quando andrete a votare pensate alle giunta di destra, di sinistra e di centro degli ultimi decenni e a quello che hanno fatto per la città e non vi resterà che votare per l’unico comico davvero credibile, tutti gli altri sono buffoni.

    0
    0
  9. nessuno degli intervenuti si è permesso di rimproverare all’attuale reggente delle sorti della città l’eventuale aumento di tariffe che egli ha intenzione di applicare per pagare i debiti del comune.A prescindere che in condizioni normali non ci viene erogata l’acqua 24 ore su 24 ed abbiamo le tariffe fra le più alte d’Italia ,in condizioni di eccezionalita’ , come adesso, sono 3 giorni che vicino la Fiera non ci viene dato nemmeno un goccio d’acqua . Come la mettiamo siugnor Commissario Croce?

    0
    0
  10. A Palermo hanno l’acqua perchè il Genio Militare ha costruito in tempo record la conduttura che porta l’acqua a Palermo. Nessun miracolo ma lavori fatti tanto tempo fa!!

    0
    0
  11. e le scuole lasciate senza acqua? non oso pensare negli ospedali…

    0
    0
  12. Vedi il mio commento.

    0
    0
  13. Nessuno dice che i guasti non possono capitare, ma non mi pare che sia pretendere troppo chiedere di essere avvertiti in tempo in modo da razionare le risorse e mettere qualche litro d’acqua nella vasca. Con quello che paghiamo di acqua, poi! Bah…

    0
    0
  14. O è pretendere troppo chiedere di essere almeno avvertiti???

    0
    0
  15. Mi piace moltissimo

    0
    0
  16. Che novità! Ma facciamo i seri, per favore…due guasti a distanza di 24h l’uno dall’altro! Ma nessuno è capace di trovare una soluzione?!

    0
    0
  17. L’acqua è tornata! ore 15.00 rubinetti asciutti!
    parole che ieri 17 febbraio e ancora oggi ci risuonanono nelle orecchie come la fine di un’altro incubo, ma troppo presto furono pronunciate, nonostante ciò siamo ancora fiduciosi in una rapida soluzione, tuttavia mi domando perchè di questo nuovo guasto non abbiamo traccia sul sito con orari e tempi di lavorazione nonchè località e foto delle fasi di riparazione(come quelle della notte scorsa), lavorazioni segrete?
    ancora un plauso alla redazione di tempostretto e grazie!!! all’Amam per aver prontamennte avvisato gli utenti del nuovo guasto nelle news(spero si sia capita l’ironia)
    un cittadino sempre più inc…….

    0
    0
  18. mai considerazione come le tue sono state le più giuste, bisogna meditare sulla gestione politica dell’acquedotto negli ultimi anni

    0
    0
  19. Non voglio accusare ne destra ne sinistra,penso solo all’incapacità di essere inutili che hanno governato Messina negli ultimi 20 anni ed in particolare negli ultimi 10 anni,che hanno la faccia tosta di venire a chiedere il voto per rigovernare una città ridotta da LORO a cloaca.

    0
    0
  20. puzza di bruciato 18 Febbraio 2013 17:17

    Complimenti e grazie ai tecnici dell’Amam.. non oso pensare quanto ci sarebbe costato tale intervento se l’acqua fosse gestita dai privati… Grazie ancora…

    0
    0
  21. I lavori di cui parli risalgono a TANTO TEMPO FA, come tu stesso sostieni. Ma l’acqua a Palermo ce l’hanno solo da 2 anni a questa parte. Credimi…..i palermitani dicono che il miracolo è attribuibile al cambio dell’esecutivo.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x