Antimafia su caso Antoci: riaprire indagine su morte poliziotti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Antimafia su caso Antoci: riaprire indagine su morte poliziotti

Alessandra Serio

Antimafia su caso Antoci: riaprire indagine su morte poliziotti

mercoledì 02 Ottobre 2019 - 17:00
Antimafia su caso Antoci: riaprire indagine su morte poliziotti

La commissione Ars di Claudio Fava chiede nuovi accertamenti anche sulla morte di Granata e Todaro, i poliziotti del pool ecomafia e angeli di Antoci

Il fascicolo sulla morte di Tiziano Granata è andato verso l’archiviazione troppo in fretta.

La pensa così la Commissione regionale antimafia all’Ars presieduta da Claudio Fava, che alla fine dell’inchiesta sul caso Antoci ha chiesto la riapertura degli accertamenti sulla morte del poliziotto di Piraino trovato senza vita nella sua abitazione, l’1 marzo 2018.

Medesima richiesta per la scomparsa di Emilio Todaro, collega di Granata, morto l’indomani per una leucemia fulminante.

La relazione dell’organismo parlamentare regionale, presentata oggi a Palermo, sarà trasmessa, oltre che al Presidente dell’ARS, anche alla Commissione antimafia nazionale e alle Procure della Repubblica competenti, si affronta anche la vicenda di due dei più fidati collaboratori del dottor Manganaro, commissario di Sant’Agata di Militello e di fatto “scorta” dell’allora presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Antoci.

Il sovrintendente Todaro e l’assistente capo Granata erano tra i più stretti collaboratori di Manganaro. Granata era a bordo di una delle due auto, la sera del fallito attentato, ed era spesso al seguito del presidente del Parco.

Entrambi, al Commissariato, lavoravano a delicatissime indagini ambientali, condotte sia nei terrritori boschivi che sulla costa. In particolare Tiziano Granata che era nel Gabinetto delle analisi scientifiche.

E’ da quel duro e minuzioso lavoro, tanto importante per un comprensorio come quello nebroideo che ambisce a proteggere il più vasto polmone verde della Sicilia, che le indagini dovrebbero ripartire. Così come dovrebbe restare alta la guardia sulle ecomafie nel territorio, di là dell’epilogo che il caso Antoci in sé potrà avere.


Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007