Messina, anziana rapinata e abusata. Il racconto delle violenze - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, anziana rapinata e abusata. Il racconto delle violenze

Alessandra Serio

Messina, anziana rapinata e abusata. Il racconto delle violenze

martedì 17 Settembre 2019 - 17:02
Messina, anziana rapinata e abusata. Il racconto delle violenze

I particolari dell'agghiacciante vicenda, ricostruita dagli investigatori. Determinante Facebook per identificarli.

Una bicicletta, un paio di occhiali da vista. E’ questo il “bottino” che i due giovanissimi protagonisti della vicenda da “Arancia Meccanica” avvenuta in centro città sono riusciti a portare via da casa della ultranovantenne che hanno anche violentato, dopo averla aggredita e rapinata.

Il fatto risale a sabato sera e oggi i ragazzi sono stati assicurati al centro di prima accoglienza. Dai primi accertamenti non pare che fossero sotto effetto di droghe.

“Quello che abbiamo visto è stato sconvolgente – racconta il capo delle Volanti, il dottore Giovanni Puglionisi – la povera anziana era a terra dolorante e sotto shock, non riusciva a muoversi. Aveva numerose contusioni e fratture ed è stata portata al Policlinico di Messina in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. I medici si sono riservati la prognosi. I due, come ci ha detto la vittima, erano due conoscenti e lei li ha fatti entrare in casa senza problemi, anche perché uno dei due è amico del nipote“.

“Hanno picchiato e aggredito la donna – aggiunge il dottore Puglionisi – perché non voleva rivelare loro dove era nascosto il denaro e i preziosi e prima di fuggire l’hanno violentata. Un gesto gratuito, inspiegabile e gravissimo. L’anziana è riuscita a rivelare il nome dei due aggressori e li abbiamo rintracciati sul viale principe Umberto mentre a Messina mentre camminavano tranquillamente”.

A permettere l’identificazione dei due giovani è stato anche il social network Facebook. Quando la vittima ha spiegato che i due erano amici del nipote, i poliziotti hanno spulciato sul profilo di quest’ultimo ed hanno mostrato alla donna le foto degli amici, tra i quali ha individuato appunto gli aggressori.

C’è voluto poco a rintracciarli, sul viale Principe Umberto. Avevano addosso ancora gli occhiali rubati alla donna, con sé la bicicletta e uno dei due, il più grande, aveva anche un coltello a serramanico. Ma, soprattutto, avevano gli abiti ancora sporchi di sangue.

Messi alle strette, hanno confessato.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007