App "Sicilia SiCura": più critiche che plausi. Il Pd: A che serve e quanto è costata? - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

App “Sicilia SiCura”: più critiche che plausi. Il Pd: A che serve e quanto è costata?

Rosaria Brancato

App “Sicilia SiCura”: più critiche che plausi. Il Pd: A che serve e quanto è costata?

sabato 04 Luglio 2020 - 07:20
App “Sicilia SiCura”: più critiche che plausi. Il Pd: A che serve e quanto è costata?

Sembra un inutile doppione, è di difficile utilizzo e spaventa i turisti. Tutti i dubbi sull'app della regione

In funzione dall’1 luglio, presentata in pompa magna dall’ex direttore della Protezione civile Guido Bertolaso, l’app “Sicilia SiCura” ha finora ricevuto più critiche che plausi. Tempostretto ha provato ad usarla e ci stiamo ancora chiedendo che tipo di utilità abbia se non quella di una schedatura dei turisti. Dopo l’interrogazione della deputata Marianna Caronia, a puntare il dito è adesso il Pd.

Il Pd: a che serve?

“Qual è la reale funzione dell’app SiciliaSiCura? A chi è stato affidato l’incarico di progettazione ed implementazione operativa, e quale è stato il costo sostenuto?” si chiedono i deputati dem che hanno presentato una interpellanza all’Ars.

L’interrogazione

Chiunque entri in Sicilia e non è residente o domiciliato nell’isola – si legge nell’interrogazione – è tenuto a scaricare questa app che presenta numerosi problemi di funzionamento, basta vedere la mole di recensioni negative degli utenti pubblicate sulla piattaforma per rendersene conto. Oltretutto non è chiaro quale sia la reale funzione dell’app SiciliaSiCura. Se l’obiettivo fosse stato il tracciamento degli eventuali positivi al Covid19 sarebbe bastato ‘imporre’ ai turisti di scaricare l’app ‘Immuni’ raccomandata dal Ministero della Salute rafforzandone in tal modo la diffusione. Se invece l’obiettivo è il monitoraggio degli ingressi nella Regione sarebbe bastato mantenere l’obbligo di registrazione al sito, senza onerare ulteriormente il turista di una procedura che si è rivelata in molti casi complessa e farraginosa“.

Un doppione

Insomma al momento sembra un “doppione” sia di Immuni che del registro già esistente dai tempi del lockdown. Non agevola in alcun modo il turista che semmai avrebbe anche gradito sapere dalla Regione, giusto per fare un esempio, quali sono le offerte e le agevolazioni che l’isola offre in questo periodo post-Covid. Non c’è ancora una piattaforma in tal senso e finora più che sporadici annunci di sostegno al turismo non c’è nulla di concreto. Le imprese siciliane in ginocchio avrebbero bisogno di ben altro.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007