Dalle reti fognarie danneggiate all'incolta vegetazione: le richieste di intervento - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Dalle reti fognarie danneggiate all’incolta vegetazione: le richieste di intervento

Sara Faraci

Dalle reti fognarie danneggiate all’incolta vegetazione: le richieste di intervento

martedì 15 Ottobre 2013 - 16:00
Dalle reti fognarie danneggiate all’incolta vegetazione: le richieste di intervento

Lungo la circonvallazione il manto stradale si presenta dissestato a causa della crescita delle radici di alberi nel sottosuolo. Appare in situazione di grave malora la rete fognaria che serve il villaggio Bisconte. Invasa dall'acqua piovana via Ernesto Cianciolo a Bordonaro. Operazioni di scerbatura urgono, infine, in via Pio La Torre e in via Candore

Si moltiplicano le richieste al Comune di interventi di messa in sicurezza. Situazioni a rischio e precarietà dell’assetto geomorfologico di alcune zone, riesumano paure mai sopite, ancor più acuite dall’avvicinarsi del periodo delle piogge.

A suscitare preoccupazione alcuni tratti stradali, dissestati e quasi inesistenti in talune zone. In primis il manto della circonvallazione che da viale Italia a Viale Regina Elena, e ancora nella parte che collega il frequentato attraversamento della panoramica, si presenta del tutto deformato dal rigonfiamento delle radici cresciute nel sottosuolo, proprio ai margini della carreggiata.

Una minaccia latente per pedoni e ciclomotori che ha indotto il consigliere comunale, Daniela Faranda, ad interrogare i vertici di Palazzo Zanca in merito all’adozione di eventuali programmi finalizzati a una definitiva soluzione della questione.

Non più incoraggiante la vicenda su cui accendono i riflettori i due consiglieri della terza Circoscrizione, Antonino Trino e Antonino Sciutteri, con missiva anche in questo caso indirizzata ai vertici dell’amministrazione e, in particolare, all’assessore De Cola.

Via Ernesto Cianciolo, nel quartiere di Bordonaro, in prossimità del bivio della salita che porta ai complessi residenziali “Airon Park” e “Alba Chiara”, si è trasformata nell’alveo di un fiume in piena a causa dell’ostruzione delle griglie di raccolta delle acque piovane. Le acque di scolo non adeguatamente convogliate formano piccole rapide e mulinelli che, oltre a costituire un intuibile pericolo per il transito pedonale e veicolare, hanno lentamente eroso le strutture del manto asfaltato, arrecando notevoli danni sino a dar luogo a un vero e proprio affossamento della carreggiata proprio a margine della salita, per il quale è richiesto un tempestivo sopralluogo tecnico.

Ancor più drammatica, poi, la situazione in cui inspiegabilmente versa la rete fognaria che serve il villaggio Bisconte. Come fanno notare Agatino Bonnarrigo, ex presidente della VI Circoscrizione, e Francesco Zaccone, attuale presidente dell’associazione culturale Monte Cumia – Valle Camaro, le abitazioni nei pressi del centro polifunzionale sito nel quartiere e i 189 alloggi IACP, sono da tempo costretti a fare i conti con un’evidente malora della rete fognaria.

Proprio al centro della carreggiata di via Comunale, per di più antistante a pubblici esercizi commerciali, è stato scoperchiato dalle ultime piogge un vecchio pozzetto, mancante di chiusino e ancora in attesa di opportuni interventi di manutenzione.

Ma non meno avariate si presentano anche le tubazioni in PVC che si diramano in adiacenza all’argine del torrente Bisconte e dalle quali si riversano in strada liquami e altri mefitici olezzi, creando un habitat particolarmente propenso ad ospitare ratti e insetti vari che ormai prosperano numerosi.

Si rinnova, poi, la protesta dei cittadini della zona tirrenica, residenti nell’area compresa tra Casablanca e Tono. E’ forte la preoccupazione dell’intera zona per l’incolumità pubblica e privata. L’erosione progressiva della costa ha infatti spazzato via quel che rimaneva delle spiagge a presidio delle abitazioni, minacciando di concedere al mare facile accesso alle case site proprio in prossimità della costa.

Un problema varie volte segnalato e che ha spinto oggi il consigliere comunale, Nicola Cucinotta, a farsi carico della questione rinnovando l’invito di intervento tempestivo ai vertici amministrativi, tramite la consegna brevi manu al presidente Crocetta, della petizione – denuncia firmata dai residenti stessi.

Meno gravi ma altrettanto pressanti, infine, le esigenze di scerbatura di via Pio La Torre in contrada Conca D’Oro, all’Annunziata, che attende gli interventi di riqualificazione da parte di Messinambiente per poter sfoggiare le targhe già pronte che la vedono dedicata all’omonimo giornalista ucciso dalla mafia e di via Candore che subisce invece le conseguenze della vicina rete ferroviaria abbandonata e non più curata, lasciata preda di un’incolta quanto folta vegetazione oltreché di topi, serpenti e animali vari. (Sara Faraci)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. ma basta il consigliere comunale che fa il consigliere di quartiere ma dico io ci sono tantissime cose da trattare MESSINA STA MORENDO IN PRIMIS IL LAVORO E TANTISSIMI ALTRE PROBLEMATICHE e segnala la BUCA E LA FOGNA otturata

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x